Il movimento di Correa vince le elezioni locali in Ecuador

Il movimento di Correa vince le elezioni locali in Ecuador

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Importante tornata elettorale in Ecuador dove la destra neoliberista del presidente Guillermo Lasso si conferma in grosse difficoltà. La Revolución Ciudadana (RC), il movimento politico dell'ex presidente Rafael Correa (2007-2017), è infatti in testa allo scrutinio dei voti per i sindaci e i prefetti delle maggiori province dell'Ecuador.

Con oltre il 90% dei voti scrutinati per le elezioni locali i candidati della forza politica socialista sono i vincitori virtuali dei sindaci di Quito, Guayaquil, Santo Domingo, Esmeraldas, Imbabura, tra gli altri.

Lo stesso vale per le prefetture: i candidati di Revolución Ciudadana sono in testa a Pichincha, Manabí, Azuay, Santo Domingo de los Tsáchilas, Imbabura e Guayas, dove la vittoria di Marcela Aguiñaga rappresenta la fine di 30 anni di egemonia del Partito Social Cristiano (destra).

Sebbene i risultati non siano ancora stati proclamati ufficialmente, il movimento politico guidato da Correa si avvia ad essere il principale vincitore del voto, aumentando il suo vantaggio in un'elezione considerata un termometro in vista delle elezioni presidenziali del 2025.

“Nonostante le persecuzioni, l'infamia, le molestie e le notizie false, il popolo ecuadoriano ha sconfitto i sondaggisti, la mafia dei media e il potere finanziario con questi risultati", ha dichiarato il giornalista Orlando Pérez.

L'ex vice ministro degli Esteri dell'Ecuador, Kintto Lucas, ha affermato che i risultati ottenuti finora dimostrano un grande sostegno alla Revolución Ciudadana nella maggior parte del Paese e che l'appoggio popolare nei confronti dell'ex presidente Rafael Correa è evidente.

Anche i risultati del referendum indetto dal presidente Guillermo Lasso hanno evidenziato una battuta d'arresto evidente e inaspettata per il governo, che ieri sera già aveva tutto pronto per festeggiare.

Sebbene la percentuale di voto si aggiri intorno al 40%, in ognuno degli otto quesiti si impone l'opzione del No, che implica un rifiuto popolare delle proposte del governo su temi come l'estradizione, l'istituzionalità, la rappresentanza politica e l'ambiente.

Le organizzazioni sociali delle popolazioni indigene, degli studenti, dei lavoratori e dei contadini, così come i politici e i giuristi, hanno bollato il processo consultivo come ingannevole e incapace di risolvere i problemi del Paese.

Mauro Andino, analista politico, ha avvertito che se la vittoria del NO si consoliderà, sarà la prova inconfutabile del rifiuto popolare di Lasso, evidenzia l’agenzia Prensa Latina.

L'avvocato ha assicurato che il presidente del Paese sudamericano "ha proposto un cumulo di menzogne e bugie mascherate da sicurezza, istituzionalità e ambiente".

Dietro a ciascuno di essi ci sono gli allegati, che sono le scritte in piccolo del testo, e ci sono le disposizioni generali e transitorie per apportare le modifiche costituzionali proposte da Lasso, che è dove si trova la trappola, ha spiegato Andino.

Il voto comprende questioni relative all'estradizione dei cittadini, all'autonomia della Procura Generale, alla riduzione dei membri dell'assemblea e dei movimenti politici, al ruolo del Consiglio per la partecipazione dei cittadini e il controllo sociale (Cpccs) e all'ambiente.

Con un conteggio dei voti più lento del previsto, l'Ecuador continua ad attendere i risultati finali delle elezioni di domenica, quando l'80% degli iscritti alle liste elettorali si è recato alle urne per eleggere le autorità locali ed affermare la propria volontà sul referendum del governo.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti