Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Paolo Desogus

La Francia sta vivendo con venticinque anni di ritardo il declino che ha subito l'Italia negli anni Novanta. Il macronismo si è rivelato catastrofico: le varie riforme improntate al neoliberismo estremo, l'inflazione galoppante con la conseguente perdita di potere d'acquisto dei salari, le ripetute sconfitte sindacali nonostante il clamore di piazza, la protervia da energumeno tascabile in politica estera di Macron e il crollo di credibilità nella sfera di influenza africana stanno affossando il paese.

A questo si aggiunge l'annoso problema di un sistema presidenziale ostile alla rappresentanza. E poi c'è il tema nazionale per eccellenza: la Francia sembra non sapere più chi è e dove vuole andare.

Le prossime europee si annunciano per questo motivo come un disastro. A sinistra il Partito socialista è in netto recupero, ma sempre molto basso nei sondaggi: 13%; la France insoumise è al 7% e il glorioso PCF è all'1,5%.

Tra le formazioni della destra liberista la coalizione di partiti intorno a Macron è data intorno al 15%, mentre i repubblicani stanno al palo con un misero 7,5%.
 
L'estrema destra invece vola. La Reconquête di Zemmour è data al 6%, mentre il Rassemblement national di Marine Le Pen e Jordan Bardella è al 32%.

Un paese vittima delle riforme della destra liberista che si affida alla destra postfascista. Chissà perché ma mi sembra di aver già visto questo film. E non è finito bene.

Paolo Desogus

Paolo Desogus

Professore associato di letteratura italiana contemporanea alla Sorbonne Université, autore di Laboratorio Pasolini. Teoria del segno e del cinema per Quodlibet.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti