Il leader del Niger spiega al WP il deterioramento dei rapporti con gli Usa

Il leader del Niger spiega al WP il deterioramento dei rapporti con gli Usa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ali Mahaman Lamine Zeine, primo ministro della giunta militare che governa il Niger, dopo aver rovesciato l'anno scorso il presidente Mohamed Bazoum, alleato degli Stati Uniti, ha definito “inaccettabile” il comportamento di Washington nei confronti di Niamey e delle sue autorità.

Come ha affermato Zeine in un'intervista al Washington Post, gli Stati Uniti, sotto minaccia, cercavano di imporre a Niamey con chi collaborare.

In questo senso, ha ricordato che il sottosegretario di Stato americano per gli affari africani, Molly Phee, durante una visita in Niger lo scorso marzo, ha minacciato Niamey di sanzioni se avesse firmato accordi con l'Iran.

“Quando ha finito le ho detto: 'Signora, riassumo in due punti quello che ha detto'. Innanzitutto, è venuta qui per minacciare noi, nel nostro Paese. Ciò è inaccettabile. Ed è venuta a dirci con chi possiamo collaborare, il che è anche inaccettabile. E lo ha fatto con un tono sprezzante e irrispettoso", ha rivelato Zeine.

Un'altra questione che ha influenzato la rottura tra Stati Uniti e Niger  è stata la decisione “sconcertante” di Washington di congelare il sostegno alla sicurezza e il suo programma antiterrorismo, continuando però a mantenere le sue truppe nel Paese africano senza dare spiegazioni.

“Gli americani sono rimasti sul nostro territorio senza fare nulla, mentre i terroristi uccidevano persone e bruciavano città. Non è un segno di amicizia venire sulla nostra terra e lasciare che i terroristi ci attacchino”, ha denunciato Zeine.

A metà marzo, il Niger ha rescisso l’accordo che consentiva al personale militare e civile statunitense di rimanere nel Paese africano. Al momento ci sono più di 1.100 soldati e personale di supporto statunitense in Niger.

Nelle prime misure della giunta al potere nigerina è stata quella di porre fine alla presenza militare della Francia, ex potenza coloniale, in Niger e successivamente ha rescisso due accordi di sicurezza con l’Unione Europea (UE).

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti