Il Corriere della Sera e l'ultima (incredibile) fake sui soldati russi

Il Corriere della Sera e l'ultima (incredibile) fake sui soldati russi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Ucraina, diffusa oggi dal Corriere della sera la bufala del giorno: “Soldati russi in una buca al fronte: drone sgancia un ordigno ma loro non scappano perché congelati”.

 

Un video che fa da pendant con un altro falso diffuso, giorni fa, da Rai News “Granata esplode dentro la trincea: soldati ucraini salvi per miracolo, nel video il forte scoppio”.

In questo della RAI la dichiarazione che i soldati ucraini si siano salvati è un atto di fede in quanto, dopo lo scoppio, di un soldato non si vede più nulla mentre sulla sorte dell’altro, velato dalla polvere, che si limita a muovere appena la testa immediatamente dopo lo scoppio, non è possibile dedurre nulla. Tra l’altro, fosse stata una granata ci si sarebbe aspettati di vedere gli effetti dei frammenti sugli scatoli e sui teli che, invece appaiono privi di buchi. Probabilmente, invece, è stato un bombardamento e la storia della granata (solitamente usata dal nemico, a piedi da vicino) serviva a dare la sensazione che in Ucraina ci siamo ancora “leali” combattimenti e non una mattanza determinata dal mezzo aereo e dall’artiglieria.

Ancora più incredibile è il video-sceneggiata diffuso dal Corriere. Sei militari disarmati (cautamente definiti nel video come “indicati come russi”, anche se il titolo dell’articolo non lascia dubbi) rintanati, non si sa il perché in una buca, non si disperdono all’arrivo di un drone ucraino. “Si accorgono del drone ma non tentano neppure la fuga si rannicchiano ancora di più” specifica il Corriere. Tutti e sei? “Secondo alcuni non sono fuggiti perché in preda all’ipertermia” ci spiega il Corriere. Ma la cosa più incredibile del video è che si interrompe bruscamente: “Le immagini poi continuano, ma non le mostriamo” si giustifica il Corriere. Ma almeno un fotogramma in più avrebbe mostrato la fiammata dell’esplosione che avrebbe certamente celato i soldati ma permesso di attestare che quella non era una messinscena messa su con soldati ucraini per propagandare la viltà dei soldati russi impietriti davanti al nemico e, magari, consolare la popolazione ucraina attanagliata dal gelo in quanto senza riscaldamenti.

Qualcuno crede ancora a così incredibili? Purtroppo sì. Anche perché su internet si guardano solo i titoli e si passa ad un’altra “notizia”. E quando si guardano video così confusi non si perde certo tempo a soffermarsi su evidenti incongruenze considerato che “evidentemente” il video serviva a meglio spiegare il titolo. Una rapida occhiata e poi si condivide. 

 

Da Avanti.it

 

AGGIORNAMENTO

 Sul canale Telegram ZradaXXII è apparso lo spezzone “finale” del video (qui sotto riportato) dove si vede una fiammata colpire i soldati ammassati nel fosso che, in questo spezzone, appaiono con le mani legate. L’esplosione si direbbe essere quella di una granata non quella di un più pesante esplosivo lanciato da un drone (che provocando una grande onda d’urto avrebbe sbalzato i soldati fuori dal fosso). La sceneggiata del video, quindi, sarebbe ancora più agghiacciante di quanto suggerito nell’articolo.

 

 

Francesco Santoianni

Francesco Santoianni

Cacciatore di bufale di e per la guerra. Autore di "Fake News. Guida per smascherarle"

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti