Il caso politico del "gemellaggio" di Ravenna con Odessa e Mariupol

Il caso politico del "gemellaggio" di Ravenna con Odessa e Mariupol

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Comune di Ravenna si appresta a discutere in Consiglio l’ipotesi di gemellare la città con Odessa e Mariupol.

La cosa potrebbe sembrare solo grottesca, ma è grave sia sul piano politico che su quello economico.

Sul piano politico, è presto detto: si finisce per legittimare il nazismo.

Infatti, oltre a sancire un generale sostegno alla junta criminale di Kiev (che da otto anni massacra il popolo), il Comune di Ravenna con chi si interfaccerà? Con il “podestà” di Mariupol che gli abitanti della città vorrebbero avere tra le proprie mani per fargli pagare il conto del suo rapporto con i nazisti del Battaglione Azov? Il sindaco di Odessa, eletto subito dopo il massacro alla casa dei sindacati, ma anche noto per loschi traffici nel riciclaggio di denaro sporco? Il Governatore della regione di Odessa già membro del battaglione nazista Aidar responsabile di orribili crimini di guerra?

Pertanto il giudizio politico su questa raccapricciante ipotesi è netto, ma altrettanto netto è il giudizio se si guarda la vicenda in una prospettiva economica.

Odessa e Mariupol sono due città che hanno importanti rapporti commerciali con Ravenna, quei porti hanno una lunga tradizione nell’invio di prodotti alimentari e minerali.

Chi si occupa di pianificazione economica e sviluppo dei territori dovrebbe avere lo sguardo costantemente rivolto sullo scenario internazionale. Così facendo, si vedrebbe non solo che Mariupol è già integrata nella Repubblica Popolare di Donetsk, ma anche che Odessa a breve entrerà a far parte in una imminente federazione novorussa. L’Ucraina sta inesorabilmente perdendo ogni sbocco al mare, quindi chi vuole avere (o continuare ad avere) rapporti commerciali con Odessa e Mariupol, dovrà necessariamente relazionarsi con le autorità della Novorossija.

Chi per otto anni ha vissuto l’incubo dei massacri e della repressione, non credo che sarà molto felice di avere rapporti commerciali con chi (oltretutto fuori tempo massimo) sostiene gli aguzzini. Ci pensasse bene il Consiglio Comunale di Ravenna prima di fare scelte che nel prossimo futuro potrebbero avere pesanti ripercussioni sull’economia locale.

Alberto Fazolo

Alberto Fazolo

Alberto Fazolo. Laureato in Economia, esperto di Terzo Settore e sviluppo locale. Giornalista. Inizia l'attività giornalistica testimoniando la crisi del Kosovo e la dissoluzione della Jugoslavia. Ha trascorso due anni in Donbass, profondo conoscitore delle vicende ucraine. Attivo nei movimenti di solidarietà internazionalista, soprattutto in contrasto con le operazioni di "Regime change".

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti