Il capo dello staff di Raisi descrive gli ultimi momenti dell'elicottero precipitato

Il capo dello staff di Raisi descrive gli ultimi momenti dell'elicottero precipitato

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


a cura di Nora Hoppe e Tariq Marzbaan

 

Secondo l'agenzia di stampa Sada va Sima [che appartiene all'emittente radiotelevisiva di Stato iraniana], il signor Gholam Mohsin Esmaili, capo dell'ufficio presidenziale, ha dichiarato di aver sempre avuto l'opportunità di accompagnare il presidente ayatollah Raisi [in elicottero] in tutti i suoi viaggi provinciali - ad eccezione del viaggio nella provincia di Semnan. ...

"Siamo partiti per la missione in elicottero. Prima abbiamo visitato il progetto della strada di transito ad Aghband, dopo questo programma - intorno alle 9 del mattino - la seconda partenza del nostro elicottero è stata da Aghband a Khodaafarin e poi si è diretto a valle verso la diga di Qizqala Si. Il tempo era molto buono. Gli elicotteri sono atterrati in questa zona. Qui si è svolto il nostro programma congiunto di inaugurazione della diga con l'Azerbaigian."

Esmaili ha poi aggiunto: "Abbiamo avuto un ulteriore incontro diplomatico per più di un'ora in quest'area, vi si è svolta la preghiera di mezzogiorno, anche la popolazione locale ha avuto richieste. L'Ayatollah Raisi è apparso nella sala di preghiera di quest'area e ha risposto alle richieste della gente. Dopo la preghiera di mezzogiorno e l'incontro con la gente - intorno all'una del pomeriggio - siamo partiti con il nostro volo per Tabriz. Il tempo era bello e sereno, senza fenomeni meteorologici degni di nota."

Esmaili ha proseguito: "Dopo 45 minuti di volo sopra la valle adiacente all'area mineraria del rame di Songun, abbiamo visto una chiazza di nuvole che si stendeva come una lastra nel cielo. Non c'era nebbia, c'era solo questa chiazza di nuvole sopra la valle. All'altitudine a cui stavamo volando, abbiamo incontrato questo strato di nuvole e poi ci siamo trovati anche un po' più in basso dello strato di nuvole."

Ha proseguito: "È stato allora che il comandante Mostafavi, che era il pilota dell'elicottero che trasportava il presidente, ha ordinato ai piloti degli altri [due] elicotteri di salire sopra le nuvole. Dopo 30 secondi, il nostro pilota si è reso conto che l'elicottero del Presidente [che volava al centro - il terzo elicottero era in coda, ma non se ne parla in questa sede] non si vedeva più. Il nostro volo era normale e non c'erano turbolenze. Abbiamo continuato il nostro percorso e siamo usciti dallo strato di nuvole. È stato allora che il pilota del nostro elicottero si è immediatamente girato e ho chiesto al copilota: "Perché sta tornando indietro?". Mi ha risposto che l'elicottero principale [che trasportava il presidente] non era emerso. Poi gli ho chiesto: "Quando è stata l'ultima comunicazione radio?". Mi ha risposto: "Un minuto e 30 secondi fa". Abbiamo deciso di cercarlo. Ma in questa zona non potevamo vedere il terreno sottostante perché era nuvoloso. E non era possibile tornare sotto le nuvole. Per quanto cercassimo di comunicare via radio, non era possibile. Dopo un paio di minuti siamo atterrati nella miniera di rame di Songun. E abbiamo continuato il nostro inseguimento."

Esmaili ha sottolineato: "Avevamo la connessione in alto, ma non c'era nella valle. Non importa quante volte abbiamo provato, non abbiamo ricevuto alcuna risposta. L'equipaggio ha detto che quando ha chiamato il pilota capitano Mustafavi... ha risposto il signor Al-Hashem [l'ayatollah]. Ha detto che non stava bene e che erano precipitati nella valle e non ha detto nulla di particolare. Poi ho chiamato lo stesso telefono, ha risposto di nuovo il signor Al Hashem e gli ho chiesto come stava. Mi ha risposto che non si sentiva bene e che soffriva. Ha detto: 'Non so cosa sia successo. Sono circondato da alberi.' Gli ho chiesto degli altri compagni. Ha detto di non aver visto nessuno di loro e che non c'era nessuno intorno a lui e parlava solo di una foresta."

Il signor Esmaili ha poi raccontato: "Nella miniera di rame, sapevamo che il loro elicottero aveva avuto un incidente e c'erano ambulanze che appartenevano alle strutture della miniera. Si sono recate immediatamente nell'area in cui avevamo stimato l'incidente. Ho parlato con il signor Al Hashem 3 o 4 volte... fino a 3 ore dopo l'incidente... ma poi ha smesso di rispondere. Più tardi, quando siamo riusciti a trovare il luogo dell'incidente, sono stati trovati i corpi dell'ayatollah Raisi e degli altri suoi compagni e corpi... ed era evidente che erano morti immediatamente. Ma Al Hashem ha perso la vita poche ore dopo. Quando stavamo monitorando l'area sopra questo sito, non c'era stata nessuna esplosione, nessun fumo, nessun incendio. Abbiamo mobilitato le guardie forestali e la polizia per chiedere informazioni agli abitanti del villaggio, ma nessuno aveva visto nulla o sentito un suono."

 

AGGIORNAMENTO:

 

Esmaili, il capo dell'ufficio del presidente, ha aggiunto in seguito: "Quando l'ayatollah Al Hashem mi ha parlato, non era in buone condizioni a causa delle ferite riportate e non sapeva cosa fosse successo. Sembrava che fosse impossibile essere sicuri al 100% di tutto ciò che diceva."

Esmaili ha proseguito: "Quando il nostro elicottero è atterrato, il tempo è stato buono per quasi 2 ore... e se avessimo continuato il volo, avremmo raggiunto Tabriz senza problemi. Tuttavia, una o due ore dopo il nostro atterraggio nell'area in cui si è verificato l'incidente - a partire dalle 15:00 circa - il tempo in quell'area è cambiato drasticamente. Quando sono arrivate le squadre di ricerca e soccorso della Mezzaluna Rossa e delle Forze Armate, il tempo si era fatto nebbioso. All'inizio c'è voluto molto tempo perché la nostra squadra di volo e alcune truppe della miniera di rame di Songun raggiungessero il luogo dell'incidente. La nebbia che si vede nei video si manifesta due o tre ore dopo il momento dell'incidente."

Esmaili ha poi risposto alle domande che alcuni hanno sollevato sul perché gli elicotteri della squadra del Presidente fossero ancora autorizzati a volare in quelle condizioni meteorologiche: "Non sono un esperto di meteorologia o di norme meteorologiche dell'aviazione. Ma quello che ho visto con i miei occhi - e ho fatto molti voli in elicottero - è che le nostre condizioni durante il volo erano normali. E abbiamo incontrato solo brevemente quella massa di nubi in una certa area. Ma... se il volo avrebbe dovuto essere effettuato o cancellato è una domanda da rivolgere agli esperti. Io sto solo raccontando quello che ho visto."

Il signor Esmaili ha parlato dei viaggi fatti in passato: "Capita spesso che durante i viaggi di un giorno le condizioni meteorologiche possano cambiare improvvisamente. E l'ayatollah Raisi si preoccupava sempre di sapere se fosse meglio continuare il viaggio in aereo o meno, o se dovessimo tornare via terra. Il Presidente ha detto ai piloti di fare ciò che le norme di viaggio impongono: se si decideva di non tornare in aereo, allora saremmo tornati via terra".

Ha aggiunto: "L'ayatollah Raisi ha viaggiato su aerei pubblici anche durante la campagna elettorale dell'Assemblea degli Esperti e per apparire nel programma televisivo nella provincia del Khorasan meridionale. Al suo ritorno, le condizioni meteorologiche erano cambiate e i voli sono stati cancellati, considerando che aveva un lavoro a Teheran. Si è quindi recato a Mashhad e da lì ha preso un aereo per Teheran. Ma, se fosse stato necessario, sarebbe tornato a Teheran via terra. Era stato persino annunciato che l'aereo sarebbe potuto arrivare all'aeroporto di Tebs; ma l'ayatollah Raesi disse che non c'era motivo di prendere in considerazione un volo speciale per lui e che avremmo dovuto tornare da Birjand con un aereo pubblico. Infine, data l'impossibilità di volare in quelle condizioni meteorologiche, si recò a Mashhad via terra e tornò a Teheran dall'aeroporto di Mashhad."

Esmaili ha proseguito: "Durante la ricerca del luogo dell'incidente dell'elicottero, tutte le forze di soccorso e le persone hanno lavorato fino a notte fonda con tutte le attrezzature che avevano. Desidero ringraziare tutte le persone care che hanno lavorato così duramente. Sono rimasto nella zona fino a quando l'elicottero è stato localizzato e i corpi dei martiri sono stati ritrovati. L'operazione di ricerca ha richiesto tempo, ma le condizioni erano tali che non era possibile fare di più. L'unica persona rimasta in vita per un tempo limitato dopo l'incidente è stato l'ayatollah Al Hashem. Gli altri sono morti al momento dello schianto."

 

FONTI:

 

IRIB

The Cradle

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti