Il cancelliere austriaco Kurz parla di "prestiti" per i paesi colpiti dalla crisi

Il cancelliere austriaco Kurz parla di "prestiti" per i paesi colpiti dalla crisi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

I leader dell’UE hanno deciso di non decidere. O meglio rimandare la discussione al prossimo 6 maggio perché evidentemente non c’è accordo sulla modalità di erogazione dei fondi. Nonostante Conte parli di “grandi progressi, impensabili fino a poche settimane fa, dall’esito del Consiglio Europeo appena terminato”, e Gualtieri di un grande successo per l’Italia e i paesi che hanno spinto per il cosiddetto ‘Recovery Fund’, definito ‘necessario e urgente’. 

 

In realtà sono stati approvati MES e Recovery Fund. Il presidente Conte non parla del Fondo Salva-Stati e cerca di far passare il fondo ancora da finanziare e strutturare come una grande vittoria per l?italia. Entrambi già erano previsti dall’accordo raggiunto in seno all’Eurogruppo il 9 di aprile. 

 

Restano intatti i disaccordi. I paesi del nord spingono affinché si tratti di prestiti. Angela Merkel ha spiegato che non si è trovato l’accordo su come finanziare il Recovery fund, "se con sussidi o prestiti”.

 

Categorico e chiaro il cancelliere austriaco Sebastian Kurz che su Twitter scrive: “L'Austria è pronta a mostrare solidarietà per sostenere la ripresa delle nostre economie”, per poi aggiungere: “Dovremmo farlo attraverso prestiti. Mutualizzazione del debito o eurobond sono inaccettabili. Continueremo a coordinare la nostra posizione con i Paesi che la pensano come noi”.  

 

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti