Il 5% della popolazione Usa detta le regole a tutto l'occidente

Il 5% della popolazione Usa detta le regole a tutto l'occidente

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Alessandro Volpi


Il nuovo mondo. L'economia degli Stati Uniti cresce poco meno del 3% e quella europea dello 0,8. Tuttavia la Federal Reserve e la Bce seguono le stesse politiche monetarie. Ormai per la Fed i tassi alti sono una regola, come ha ricordato il ceo di Jp Morgan Jamie Dimon, e potrebbero significare una remunerazione per i compratori di debito Usa dell'8% a fronte di una, a suo dire, inevitabile ripresa dell'inflazione.

Dunque se i tassi Usa saliranno all'8% i risparmi di tutto il mondo saranno attratti dai titoli americani, che garantiranno lauti guadagni alle banche e ai clienti dei grandi fondi a stelle e strisce, ben felici di sostenere una dollarizzazione destinata a finanziare la competitività americana.

I super ricchi degli Stati Uniti possono trarre grandi benefici da un'inflazione che spinge a tassi alti in grado di fare terra bruciata ad ogni altra realtà in giro per il mondo, anche perché se l'Europa risponde alla Fed con la stessa ricetta produce solo austerità. Il 5% della popolazione statunitense - una parte infinitesimale di quella planetaria - detta le regole del gioco, almeno nella società occidentale e in tutte quelle dollarizzate.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti