I talebani avanzano. Russia e Uzbekistan inviano truppe al confine con l'Afghanistan

I talebani avanzano. Russia e Uzbekistan inviano truppe al confine con l'Afghanistan

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I talebani avanzano in Afghanistan. L’esercito regolare è ormai allo sbando mentre gli Stati Uniti lasciano il paese dopo anni di occupazione seguita alla devastazione di inizio secolo. 

Dovesse cadere in un ulteriore caos l’Afghanistan potrebbe diventare fonte di destabilizzazione per tutta l’area. Così l’Uzbekistan ha deciso di organizzare importanti esercitazioni alla fine di questo mese proprio al confine con il travagliato Afghanistan. Alle manovre si unirà un contingente proveniente dalla Russia per assistere e accompagnare le truppe dalla nazione dell'Asia centrale.

Il comando militare centrale russo ha detto ai giornalisti - come riporta RT - che i suoi soldati si sarebbero uniti ai colleghi dell'Uzbekistan per esercitazioni militari alla frontiera, a partire dal 30 luglio e fino al 10 agosto. Circa 200 unità russe di materiale militare, compreso il supporto aereo, nonché personale di peacekeeping, prenderà parte alle esercitazioni, volte a garantire l'integrità territoriale del Paese.

"Le azioni pratiche dell'esercitazione si svolgeranno presso il campo di addestramento di Termez nell'area al confine con l'Afghanistan", hanno affermato i capi militari. Nelle ultime settimane, la situazione della sicurezza nella nazione vicina si è rapidamente deteriorata, con i talebani – considerati un gruppo terroristico e bandito in Russia – che guadagnano terreno sulla scia del previsto ritiro delle truppe nordamericane. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ordinato a tutte le forze del suo paese di lasciare l'Afghanistan entro il 20° anniversario degli attacchi terroristici dell'11 settembre.

Non si tratta delle uniche esercitazioni in cui la Russia sarà impegnata. Mosca ha in programma esercitazioni militari separate con le truppe nel vicino Tagikistan all'inizio di agosto. Secondo uno dei massimi generali di Mosca, Alexander Lapin, comandante del distretto militare centrale del paese, le forze proveranno a respingere "distacchi di formazioni armate illegali che invadono il territorio".

Nelle ultime settimane un certo numero di gruppi di soldati afgani hanno cercato rifugio oltre il confine nelle montagne del Tagikistan, fuggendo dai feroci combattimenti con i talebani. Il Tagikistan è membro dell'Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva (CSTO) con sede a Mosca, un patto di mutua difesa che vincola sei ex repubbliche sovietiche a proteggersi reciprocamente i confini. L'Uzbekistan era in precedenza un alleato della CSTO, ma si è ritirato dal gruppo nel 2012.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti