I negozi, gli alberghi e i ristoranti di Cuba accettano pagamenti con carte MIR russe

I negozi, gli alberghi e i ristoranti di Cuba accettano pagamenti con carte MIR russe

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Passo dopo passo avanza il processo di de-dollarizzazione. Un obiettivo molto importante in particolare per quei paesi, come Russia e Cuba, soggetti alle sanzioni imposte dal governo degli Stati Uniti. 

Il sistema di pagamento Mir russo ha iniziato a funzionare a Cuba, così che d'ora in poi i turisti russi potranno pagare con le loro carte nei negozi, negli alberghi e nei ristoranti dell'isola caraibica, secondo quanto ha riferito il Sistema Nazionale di Carte di Pagamento di Mosca (NSPK).

"Il sistema di pagamento Mir ha avviato l'accettazione delle carte russe presso i terminali POS a Cuba. Ora i turisti russi possono pagare con le carte Mir nei negozi, negli alberghi, nei ristoranti e in altre imprese commerciali e di servizi del Paese", si legge in un comunicato.

In primo luogo, la possibilità di pagare con le carte Mir sarà implementata nei luoghi turistici più popolari tra i russi, come le città dell'Avana e di Varadero, e gradualmente il suo utilizzo sarà esteso a tutta Cuba.

La NSPK ha ricordato che dal 14 marzo 2023 è possibile prelevare contanti con le carte Mir in tutta la rete di sportelli automatici di Cuba e, da allora, i turisti russi hanno approfittato dell'opportunità di convertire rubli in pesos cubani circa 3.000 volte.

Mir è un sistema di pagamento ideato nel 2014 dalla Russia, quando il Paese ha affrontato per la prima volta un'ondata di sanzioni in relazione all'incorporazione della penisola di Crimea, i cui abitanti hanno espresso la loro volontà in un corrispondente referendum.

Dopo che all'epoca le società statunitensi Visa e MasterCard avevano limitato le transazioni con alcune banche russe, il presidente russo Vladimir Putin ha incaricato l'NSPK, che è diventato l'operatore delle carte Mir, di svilupparle e nel dicembre 2015 ha iniziato a emetterle.

Le carte possono ora essere utilizzate in Abkhazia, Armenia, Bielorussia, Cuba, Kazakistan, Kirghizistan, Laos, Corea del Sud, Ossezia del Sud, Tagikistan, Venezuela e Vietnam. 

Mir e de-dollarizzazione

Il sistema russo MIR rappresenta un passo importante verso la de-dollarizzazione dell’economia russa. Lanciato nel 2015 come sistema di pagamento nazionale alternativo, MIR mira a ridurre la dipendenza dai sistemi di pagamento internazionali come Visa e Mastercard. Creando il proprio sistema di pagamento, la Russia riafferma la propria indipendenza e riduce la propria vulnerabilità alle sanzioni finanziarie straniere, in particolare quelle imposte dagli Stati Uniti. Con il sistema MIR, il governo e le imprese russe possono effettuare transazioni utilizzando la propria valuta, riducendo così la necessità del dollaro statunitense e minimizzando il potenziale impatto della pressione economica basata sul dollaro.

La de-dollarizzazione, nel contesto della Russia, si riferisce ad una strategia nazionale volta a ridurre la dipendenza del Paese dal dollaro USA nelle sue transazioni finanziarie e nelle sue riserve. Questa mossa è motivata dalle preoccupazioni circa la potenziale vulnerabilità dell’economia russa all’influenza delle potenze straniere, in particolare degli Stati Uniti. Promuovendo il sistema MIR e incoraggiando l’uso del rublo russo nel commercio internazionale, la Russia rafforza la propria sovranità economica e riduce al minimo i potenziali rischi associati alla dipendenza dal sistema finanziario dominato dal dollaro statunitense. Sebbene la de-dollarizzazione possa essere un processo impegnativo e a lungo termine, l’istituzione del sistema MIR rappresenta un passo significativo verso il raggiungimento di una maggiore indipendenza finanziaria per la Russia.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti