I mercenari siriani vogliono lasciare la Libia: la Turchia non ha mantenuto le promesse

I mercenari siriani vogliono lasciare la Libia: la Turchia non ha mantenuto le promesse

I mercenari siriani in Libia non sono contenti della situazione attuale all'interno del Paese africano, secondo quanto riferito dall'Osservatorio siriano per i diritti umani (SOHR).

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Citando fonti dell'opposizione, l'Osservatorio ha riferito che esiste un diffuso malcontento tra i mercenari siriani inviati in Libia dalla Turchia.


 
“L'Osservatorio siriano per i diritti umani continua a monitorare la spedizione di mercenari siriani in Libia da parte della Turchia. Fonti SOHR hanno confermato che il malcontento diffuso sta prevalendo tra i combattenti siriani che sono stati inviati in Libia, dal momento che la Turchia ha abbandonato le sue promesse in un momento in cui i mercenari siriani soffrono di condizioni di vita terribili lì ", si legge nel rapporto.
 
L'Osservatorio ha ricevuto una registrazione audio in cui un combattente siriano racconta che si rammarica di essere andato in Libia, mentre esortava i potenziali mercenari a riconsiderare questa scelta.
 
Il mercenario siriano ha detto che la Turchia ha pagato solo un mese dello stipendio di $ 2.000 (USD) e non ha rispettato le promesse fatte ai combattenti prima di andare in Libia.
 
“La Turchia ha pagato i nostri stipendi per un solo mese. Non ha garantito nulla per noi. Persino le sigarette non le abbiamo quasi mai. Restiamo in una casa ma non possiamo uscirne, poiché le cellule delle forze di Haftar sono schierate in tutta l'area ", ha aggiunto il mercenario siriano, aggiungendo che" tutti noi vogliamo tornare in Siria. Ci sono zone già preparate per lasciare la Libia in Siria attraverso il Corpo di Al-Sham. "
 
I mercenari siriani in Libia hanno recentemente subito gravi perdite vicino alla capitale Tripoli, mentre l'esercito nazionale libico (LNA) continua ad avanzare in diverse parti del paese.
 

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti