Gorbaciov: Scioglimento dell'URSS una "violazione della volontà popolare"

Gorbaciov: Scioglimento dell'URSS una "violazione della volontà popolare"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il referendum convocato esattamente 30 anni fa nelle quindici repubbliche dell'allora Unione Sovietica per mantenere la loro integrità "era necessario ed equo", mentre la successiva disintegrazione del paese ha violato "la volontà dell'intero popolo".

Chi lo afferma? Mikhail Gorbaciov .

L'ex segretario generale del Partito Comunista dell'Unione Sovietica per sei anni e tra il 1990 e il 1991 il primo e l'ultimo presidente del paese continua a difendere oggi il grande ruolo storico che l'URSS avrebbe dovuto continuare a svolgere nello sviluppo dei popoli dell'Eurasia.

"I risultati del referendum non sono stati semplicemente interessanti, ma scioccanti : la stragrande maggioranza dei sovietici optò per la permanenza dell'Unione Sovietica" , ha dichiarato Gorbaciov all'agenzia Interfax alla vigilia dell'anniversario.

L'ex leader sovietico ha ricordato che, da quel referendum, è iniziato lo sviluppo di un nuovo accordo di Unione. 

Il progetto era pronto per essere ratificato il 20 agosto 1991, ma la cerimonia della firma è stata bloccata il giorno prima dal  colpo di stato del cosiddetto Comitato di Stato per la situazione di emergenza.

"Così fu trasgredita la volontà del popolo", insistette Gorbaciov. "La distruzione dell'Unione Sovietica non è stata altro che la violazione della volontà dell'intero popolo " .

Il referendum sulla permanenza di una "rinnovata URSS" è stato l'unico in tutta la storia del paese sovietico. Si è tenuta il 17 marzo 1991 e ha posto la domanda ai cittadini: "Ritenete necessario mantenere l'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche come una rinnovata ed equa federazione di repubbliche sovrane, in cui diritti e le libertà saranno pienamente garantite a persone di qualsiasi etnia? ".

  • Alla votazione parteciparono 148,5 milioni di cittadini (75,5% degli aventi diritto al voto) e 113,5 milioni (76,43%) risposero "Sì".
  • Nel dicembre dello stesso anno, i presidenti delle tre repubbliche fondatrici dell'URSS, Bielorussia, Russia e Ucraina, firmarono il cosiddetto Trattato di Belavezha , che proclamava lo scioglimento dell'Unione in violazione dei risultati del referendum.
  • Tuttavia, il 15 marzo 1996, la Duma di Stato della Russia, la Camera bassa dell'Assemblea federale del paese, ha denunciato e annullato quel patto di Mosca.

Il referendum del 1991 nei documenti

Il sito ufficiale della Fondazione Gorbachev ha rivelato oggi una serie di documenti relativi alla convocazione del referendum, compresi i discorsi pubblici dell'allora presidente e le sue osservazioni sulla questione rese a vari politici e media.

Uno dei rapporti citati ammette che le commissioni centrali non furono istituite per controllare il voto nelle repubbliche baltiche o in Armenia, Georgia e Moldova, ma più consigli di deputati locali, collettivi di lavoratori e organizzazioni civiche, nonché distaccamenti dell'esercito, organizzarono il suffragio in quei territori secondo le precedenti decisioni del Consiglio Supremo dell'URSS.

In uno dei commenti dell'ex presidente, Gorbaciov ha definito il referendum "come un enorme risultato della Perestrojka ".

 

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti