Gli afgani non servono più. Usa negano migliaia di richieste di asilo

Gli afgani non servono più. Usa negano migliaia di richieste di asilo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ricordate il pianto di coccodrillo dell’amministrazione Usa guidata da Joe Biden dopo il vergognoso ritiro dall’Afghanistan, le preoccupazioni per i civili, per donne e bambini alla mercè dei feroci taleban?

Ipocrisia era, e si è confermata. Gli afgani non servono più alla propaganda dei diritti umani. Chi ha preso il loro posto non è difficile indovinarlo.

Secondo quanto riportati dal portal The Hill , Washington ha esaminato circa 2.600 domande di afgani che cercano di entrare negli Stati Uniti attraverso un processo di libertà vigilata umanitaria che consente la rinuncia temporanea ai requisiti di immigrazione.

Delle domande elaborate, 2.250 sono state respinte.

Dopo il caotico ritiro delle truppe statunitensi dall'Afghanistan, 76.000 afgani sono stati trasferiti sani e salvi negli Stati Uniti. Tuttavia, almeno altri 45.000 rimangono sparpagliati in tutto il mondo ancora in attesa di ottenere l'ingresso.

A febbraio, i dati hanno mostrato che i servizi di cittadinanza e immigrazione degli Stati Uniti (USCIS) avevano elaborato meno di 2.000 delle oltre 40.000 richieste di asilo presentate dal 1° luglio, approvandone solo 170.

Il 4 marzo , un alto funzionario del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha rivelato che il processo per reinsediare le migliaia di afgani disperati bloccati negli Emirati Arabi Uniti, in Albania, in Messico e in altri paesi si estenderà almeno fino ad agosto di quest'anno.

Di fronte a questo scenario, il mese scorso diversi rifugiati negli Emirati Arabi Uniti si sono offerti volontari per tornare a casa, molti dei quali hanno affermato che, dopo sette mesi di attesa, la loro situazione era solo peggiorata.

Nelle settimane successive al consolidamento del potere talebano a Kabul, l'amministrazione Biden ha congelato le riserve estere dell'Afghanistan e ha impedito ai gruppi internazionali di fornire aiuti al paese dilaniato da decenni di guerra.

Biden ha poi firmato un ordine esecutivo per sequestrare e dividere i fondi congelati, per un valore di oltre 7 miliardi di dollari, destinando la metà alle famiglie delle vittime degli attacchi dell'11 settembre.

A seguito delle misure unilaterali della Casa Bianca, oltre la metà della popolazione dell'Afghanistan si trova ad affrontare una grave insicurezza alimentare, coinvolgendo un milione di bambini di età inferiore ai 5 anni che, secondo l'UNICEF, sono "a rischio di morte a causa di una grave malnutrizione acuta".

Secondo il ministero della Salute del Paese asiatico, oltre 13mila bambini afgani nati da gennaio 2022 sono morti a causa del crollo del settore sanitario del Paese.

Il mese scorso la Banca Mondiale ha rivelato che, a causa del blocco economico, i redditi in Afghanistan sono diminuiti così drasticamente che circa il 37% delle famiglie afghane non aveva abbastanza soldi per comprare il cibo, mentre il 33% poteva permetterselo, ma niente altro di più.

"L'isolamento dell'economia afgana a seguito della crisi politica dello scorso agosto rischia di... portare a grave povertà, sfollamento, fragilità e minacce di estremismo", ha affermato Tobias Haque, economista della Banca mondiale per l'Afghanistan.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti