Giornalista di Izvestia ucciso da droni ucraini: Mosca chiede condanna internazionale

Giornalista di Izvestia ucciso da droni ucraini: Mosca chiede condanna internazionale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il corrispondente di guerra di "Izvestia", Semyon Eremin, è stato ucciso il 19 aprile durante un attacco da parte di droni FPV ucraini nella zona di Zaporozhye, dove si era recato per girare un nuovo reportage. Eremin si trovava sulle posizioni di un battaglione di una delle armate del Distretto Militare del Sud.

"Eremin era entusiasta di conoscere il nuovo reparto", ha raccontato Alexey Lazurenko, commentatore di "Izvestia". L'ultima comunicazione di Eremin era stata: "Spero vada tutto bene, sarà un reportage interessante".

Durante il ritorno dal servizio il veicolo su cui viaggiavano i giornalisti è stato attaccato da un gruppo di droni FPV. Questo tipo di attacco è diventato una minaccia costante per chiunque si muova vicino alla linea del fronte. Il reportage finale di Eremin, trasmesso il 18 aprile su "Izvestia", si concentrava sulle tattiche di difesa delle truppe russe contro i droni utilizzando fucili a pompa.

Gennady Alekhin, esperto militare, ha spiegato che gli attacchi con droni sono coordinati e possono includere da 5 a 15 droni. Questi possono essere droni kamikaze o droni che lanciano esplosivi e altri proiettili. Alekhin ha anche sottolineato che spesso i giornalisti sono bersagli specifici di questi attacchi.

Il Ministero degli Esteri russo, tramite la portavoce Maria Zakharova, ha chiesto alle organizzazioni internazionali di condannare l'uccisione di Eremin. Nel comunicato, Zakharova ha descritto l'uccisione di Eremin come un ulteriore prova della natura terroristica del regime di Zelensky. Ha inoltre espresso le condoglianze alla famiglia e agli amici di Eremin e ha esortato le istituzioni internazionali e i diritti umani a condannare fermamente l'omicidio.

"Consideriamo l'uccisione deliberata e a sangue freddo del giornalista come un'ulteriore prova della brutta natura terroristica del regime del [presidente ucraino Vladimir] Zelensky, che sta dando la caccia agli operatori dei media russi, ai reporter di guerra e alle figure pubbliche che cercano di aprire gli occhi della comunità internazionale attraverso i loro reportage e i loro post sui crimini che i militanti del regime di Kiev stanno commettendo", si legge nel comunicato.

L'uccisione di Eremin avviene in un contesto di crescente tensione tra Russia e Ucraina, con la Russia che accusa l'Ucraina di mirare deliberatamente ai giornalisti russi e ai reporter di guerra.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti