“Gaza, Gaza, Parigi è con te!”: in piazza nonostante i divieti

“Gaza, Gaza, Parigi è con te!”: in piazza nonostante i divieti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Marx21

Migliaia di persone hanno preso parte nel pomeriggio del 28 ottobre a Parigi a una manifestazione “a sostegno del popolo palestinese”, vietata dalle autorità. Si sono verificati scontri tra la polizia e i manifestanti.
La manifestazione “a sostegno del popolo palestinese” in Place du Châtelet, nel pieno centro della capitale francese, è stata ostacolata da una numerosa forza di polizia. Ciò nonostante la manifestazione si è tenuta, la situazione è sfuggita di mano intorno alle 17, con la polizia che ha effettuato diverse denunce e arresti.

Tra i manifestanti c’erano rappresentanti eletti, come il deputato ambientalista Aurélien Taché e il deputato della LFI (sinistra radicale) Jérôme Legavre. “L’emergenza è il cessate il fuoco, per smettere di uccidere donne, bambini, uomini”, ha detto sul posto Elsa Touré, vicesindaco di Corbeil-Essonnes, nella regione parigina, aggiungendo che “lo Stato israeliano ha calpestato il diritto internazionale per anni.”

Samia Orosemane, una comica, ha esposto un cartello “dov’è finita la nostra umanità?” “Non è normale che non sia stato chiesto un cessate il fuoco, che ci siano migliaia di civili che muoiono e che nessuno dica nulla” e che “nel paese dei diritti umani” ci venga impedito di manifestare”, ha detto all’AFP .

La giustizia amministrativa aveva convalidato a mezzogiorno il divieto prefettizio della manifestazione, citando in particolare “la gravità del rischio di turbamento dell’ordine pubblico” e “un contesto di accresciute tensioni legate agli eventi nella Striscia di Gaza con un aumento degli atti antisemiti in Francia”.

“Negli Stati Uniti ci sono migliaia di manifestanti che chiedono un cessate il fuoco e così anche in altri paesi, ma in Francia è proibito (…)”, ha detto in forma anonima all’AFP, Raymond, attivista della LFI.

Gaza, Gaza, Parigi è con te!” hnno scandito i manifestanti. “È l’umanità che viene assassinata, figli di Gaza, figli della Palestina”. E ancora: “Assassino israeliano, complice Macron!”
Il 19 ottobre, il Consiglio di Stato si era opposto al divieto sistematico di manifestazioni per la Palestina chiesto dal ministro degli Interni Gérald Darmanin, e il tribunale amministrativo di Parigi aveva annunciato che avrebbe revocato il divieto della prefettura di manifestare quel giorno. L’Alta Corte amministrativa tuttavia aveva aggiunto che spetta esclusivamente ai prefetti valutare se sussista un rischio locale di turbativa dell’ordine pubblico.

Unisciti al nostro canale telegram

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti