G7 in Giappone e il "nuovo tempo storico". Intervista a Fabio Massimo Parenti

G7 in Giappone e il "nuovo tempo storico".  Intervista a Fabio Massimo Parenti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 di Pietro Fiocchi

 

Intervista con Fabio Massimo Parenti, PhD in Geopolitica, Geostrategia e Geoeconomia

 

Alle prove generali, protagonisti i ministri degli esteri, per questo prossimo G7 ad Hiroshima, il capo della diplomazia giapponese, Hayashi Yoshimasa, ha dichiarato che "...ci impegniamo per un ordine internazionale libero e aperto, basato sullo stato di diritto, a cui il Giappone attribuisce grande importanza. Ci opponiamo fermamente a qualsiasi tentativo di modificare unilateralmente lo status quo in qualsiasi parte del mondo. Vogliamo lavorare insieme per affrontare le questioni urgenti della comunità internazionale in vista del Vertice di Hiroshima".

E’ chiaro quale sarà il leitmotiv di questo G7, come è noto che tra le questioni urgenti della comunità internazionale ci sono anche determinate vicende irrisolte tra Tokyo e Pechino, di qualche decennio addietro, su cui i governi giapponesi che si sono susseguiti hanno sempre sorvolato o evitato di affrontare in maniera ufficiale.

In un ordine internazionale libero e aperto ognuno dovrebbe assumersi le proprie responsabilità e riparare a tragici orrori come vorrebbe il diritto in materia.

La storia farà il suo corso, per ora approfondiamo alcuni aspetti delle attuali dinamiche internazionali meno pubblicizzate chiedendo qualche chiarimento al prof. Fabio Massimo Parenti:

 

"In questo momento ci sono cambiamenti che non si vedevano da 100 anni", ha detto Xi Jinping a Putin durante la sua visita a Mosca. È d'accordo sul fatto che stiamo vivendo in tempi storici?

Negli ultimi 100 anni l'umanità ha vissuto enormi cambiamenti, impossibili da riassumere in poche parole. I progressi tecnologici e l'industrializzazione mondiale si sono diffusi gradualmente in tutto il mondo e la popolazione è passata da meno di 2 miliardi a 8 miliardi, quadruplicandosi. L'aumento maggiore si è verificato dopo la fine della seconda guerra mondiale. Tutto questo si è concretizzato in una serie di conflitti e guerre tra imperi e Stati nazionali e tra blocchi macro-politici. Più di due secoli di mondo a trazione occidentale sono stati caratterizzati da uno sviluppo ineguale e da uno sfruttamento di massa con l'imposizione di un sistema capitalistico globale a tutto il mondo, con alcune resistenze ed eccezioni. Il nuovo risveglio della guerra globale (mai stata "fredda") sta mostrando un forte declino dell'Occidente e l'emergere di un nuovo ordine mondiale plasmato dal resto del mondo, con la Cina al centro. Si tratta di una tendenza strutturale già prevista negli anni Settanta da alcuni studiosi marxisti e di una tendenza irreversibile. In questo senso, le dinamiche geopolitiche ed economiche dell'ultimo anno stanno svelando questa tendenza anche alla "gente comune". In questo senso, sono d'accordo che stiamo vivendo in un altro, nuovo tempo storico.

 

Secondo Lei, quali sono gli eventi geopolitici più significativi che si stanno verificando in questo momento?

Non esiste mai un evento geopolitico "puro" slegato da quello economico. Per tenere insieme la complessità delle dinamiche di potere dell'essere umano, dovremmo parlare di geografia economico-politica nel tempo, tenendo insieme le dimensioni spazio-temporali delle dinamiche di potere... Gli eventi più significativi (sempre meglio dire "processi") riguardano la profonda trasformazione della geopolitica dell'energia: i principali produttori mediorientali, ad esempio, stanno lavorando per rafforzare i legami con il mondo non occidentale. A ciò si aggiunge la conseguente trasformazione della geografia delle infrastrutture energetiche - ancora più articolata in Asia per le esigenze asiatiche rispetto al passato - e, non da ultimo, il nuovo consenso comune all'utilizzo di valute locali per queste esigenze vitali, a livello bilaterale e multilaterale. Citare tutti gli eventi principali sarebbe troppo lungo. Basta dare un'occhiata all'allargamento dei BRICS e dell’Organizzazione di Shanghai per la Cooperazione. La quota maggiore del commercio e del PIL mondiale è trainata da Paesi non occidentali e l'ordine neoliberale di stampo imperial-mafioso ha perso consenso (raramente autentico in passato) tra la maggioranza della popolazione mondiale e anche all'interno dell'Occidente.

 

Politici e accademici occidentali affermano che dopo la Seconda guerra mondiale abbiamo assistito all'emergere di un "ordine internazionale basato su regole liberali". È una descrizione accurata dal Dopo Guerra ad oggi? O una maniera alternativa per descrivere l'egemonia globale degli Stati Uniti?

No. Non è una descrizione accurata dell'ordine del sistema a guida occidentale guidato dagli Stati Uniti. Questo ordine sta scomparendo e ho già fornito un'etichetta alternativa e più accurata nella risposta precedente. L'"egemonia globale statunitense" è stata caratterizzata da minacce e tirannia più che da una vera e propria egemonia. Quindi, una descrizione più educata ma accurata è al massimo "dominio globale degli Stati Uniti".

 

Vede il conflitto ucraino come qualcosa che potrebbe portare alla nascita di un nuovo ordine internazionale?

Sicuramente la risposta russa dell'ultimo anno a quelle che percepisce come minacce straniere ha accelerato le tendenze storiche sopra citate. Un nuovo ordine internazionale è già qui per restare, in costruzione negli ultimi decenni di guerre, crisi finanziarie e nuovi accordi istituzionali emergenti per liberare la popolazione mondiale dall’egemonia. Quest'ultima è stata esercitata nei settori militare, commerciale, energetico, monetario e finanziario dal dominatore e dai suoi alleati più rigidi.

 

Quali altre tendenze globali potrebbero contribuire alla nascita di un nuovo ordine internazionale?

Nuovi codici culturali, nuovi ambienti mediatici e nuovi assetti istituzionali regionali e internazionali per gestire in modo diverso le principali dinamiche economico-politiche già citate. Tutto questo darà vita a una vera e propria democratizzazione delle relazioni internazionali e dei rapporti tra le persone.

 

La Russia ha recentemente annunciato la sua nuova versione del Concetto di politica estera, in cui ha sostituito l'articolo sulla "riforma delle Nazioni Unite" con un articolo sul "ripristino del ruolo dell'ONU". L'ONU ha ancora delle prospettive? O il futuro sarà dominato da nuovi format negoziali come BRICS, G20 e altri?

Queste ultime organizzazioni multilaterali influenzeranno il ruolo futuro delle Nazioni Unite, che in realtà hanno bisogno di un ripristino dalle fondamenta piuttosto che di semplici riforme.

 

 

Il profilo:

Fabio Massimo Parenti, Ph.D. in Geopolitica, geostrategia e geoeconomia, è attualmente Foreign Associate Professor of International Studies alla China Foreign Affairs University di Pechino, dove insegna Economia politica internazionale, Relazioni internazionali e Geopolitica.

In Italia è docente internazionale all’Italian International Institute Lorenzo de’ Medici di Firenze, dove ha insegnato Global Financial Markets, China’s Development and Global Shift, Globalization and Social Change e War and Media. Ha insegnato anche nelle università di Città del Messico, Monterrey e Manchester.

? membro di EURISPES-Laboratorio BRICS; ricercatore al Central China Economic Region Research Institute (CCERRI) di Zhengzhou, provincia dello Henan, e consigliere scientifico all’Istituto Diplomatico Internazionale (IDI) di Roma. ? membro dell’Editorial Advisory Board di due riviste scientifiche internazionali (Area Development and Policy, ADP, e The Journal of Economic Science: Theory and Practice, JESTP). Collabora inoltre con media nazionali e internazionali. 

Tra i suoi libri principali, “La via cinese. Sfida per un futuro condiviso”, 2021; “Geofinance and Geopolitics” 2018; “Geofinanza e geopolitica” 2016; “Mutamento del sistema-mondo: per una geografia dell’ascesa cinese”, 2009; “Gli spazi della globalizzazione”, 2004.

Ha inoltre pubblicato numerosi articoli su riviste scientifiche nazionali (es. Rivista Geografica Italiana e Bollettino della Società Geografica Italiana) e internazionali (es. Area Development and Policy, Human Geography e GeoJournal), contributi in volumi collettanei, voci per l’Universale Treccani e centinaia articoli divulgativi su varie testate giornalistiche. Editoriali e interviste sono apparse su TV, radio, giornali e siti web italiani, stranieri ed internazionali. 

 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti