G-20 e clima. Presidente Malawi ai paesi ricchi: "Pagate o morite con noi"

G-20 e clima. Presidente Malawi ai paesi ricchi: "Pagate o morite con noi"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Come ognuno di noi giustamente non vuole pagare di tasca propria la svolta ecologica, pur ritendola necessaria per la sopravvivenza del Pianeta, così anche i paesi poveri lanciano un messaggio molto chiaro.

Il presidente del Malawi Lazarus Chakwera, infatti, ha lanciato un messaggio forte ai paesi ricchi che finora non sono riusciti a pagare i 100 miliardi di dollari che si erano impegnati a donare ogni anno ai paesi poveri nella lotta al cambiamento climatico.

"Questo non è un atto di carità. Quindi pagate o morirete con noi" , ha dichiarato oggi Chakwera alla BBC Africa.

"Quando diciamo che devono mantenere la loro promessa, non si tratta di beneficenza, ma di pagare una tassa di pulizia. Se sono stati coinvolti nei cambiamenti che il mondo ha vissuto, ripuliamolo, ma dobbiamo assumerci la responsabilità", ha avvertito il presidente.

Dodici anni fa, alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Copenaghen (COP15), i paesi sviluppati hanno promesso di mobilitare tale somma entro il 2020 per aiutare i paesi poveri a far fronte agli effetti del cambiamento climatico e costruire economie più verdi.

Ma questo obiettivo deve ancora essere raggiunto e il governo del Regno Unito, che ospita la COP26 a Glasgow, in Scozia, ora afferma che è improbabile che lo faccia fino al 2023.

Nell'ambito del vertice del Gruppo dei Venti (G20), che si è tenuto il 30 e 31 ottobre a Roma (Italia), i rappresentanti dei paesi partecipanti hanno deciso di adottare varie misure per combattere il cambiamento climatico e le sue conseguenze.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti