Filo diretto con Putin - "Gli USA hanno fatto saltare il Nord Stream"

Filo diretto con Putin - "Gli USA hanno fatto saltare il Nord Stream"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il 14 dicembre si svolge il tradizionale filo diretto con il Presidente russo Vladimir Putin. Quest'anno è abbinato a una grande conferenza stampa: il leader russo risponde alle domande di cittadini e giornalisti. Il Cremlino ha ricevuto più di 2 milioni di questioni e il leader russo ha scelto personalmente le domande per l'evento. Vengono anche accettate in tempo reale fino alla fine dell'incontro. La maggior parte dei russi è interessata ai temi delle pensioni, dell'assistenza sanitaria, degli alloggi, dei servizi abitativi e di pubblica utilità e altri ancora.

Sui principali compiti in patria e all'estero

“Per un Paese come la Russia è impossibile esistere senza sovranità. Semplicemente non esisterà, almeno non nella forma in cui esiste ora, in cui è esistita per millenni. La cosa principale è rafforzare la sovranità. E rafforzare la sovranità significa rafforzare la capacità di difesa, la sicurezza, garantire i diritti e le libertà dei cittadini del Paese, sviluppare il nostro sistema politico, il parlamentarismo, garantire la sicurezza nell'economia, la sovranità tecnologica. Sono sicuro che l'intero Paese comprende perfettamente che senza di ciò il Paese non può esistere”.

Lo stato dell'economia

"Il principale indicatore economico è il PIL. Si prevede che il nostro PIL crescerà del 3,5% entro la fine dell'anno. Questo è un buon indicatore, significa che ci siamo ripresi dal calo dell'anno scorso e abbiamo fatto un serio passo avanti. Purtroppo l'inflazione è aumentata.

La produzione industriale cresce del 3,6%, quella manifatturiera del 7,3%. E il 10% è la crescita degli investimenti in capitale fisso. I profitti aziendali sono aumentati del 24%.

La stabilità dell'economia russa è una buona notizia per chi tiene i soldi in banca. I salari e i salari reali disponibili della popolazione sono in crescita - del 5-7%. Naturalmente, questo non vale per tutti, ma per molti. Il 1° gennaio il salario minimo sarà aumentato immediatamente del 18,5%. Non lo facciamo spesso. Il debito pubblico è stato ridotto da 46 a 33 miliardi di dollari.

E un indicatore così integrato: la crescita dell'aspettativa di vita. Nel 2021 era in media di 70,06 anni, nel 2022 di 72,3 e nel 2023 di 74 anni".

Sugli obiettivi in Ucraina e la pace

“Ci sarà la pace quando raggiungeremo i nostri obiettivi. E i nostri obiettivi non cambiano: sono la denazificazione, la smilitarizzazione e lo status di neutralità dell'Ucraina.

Per quanto riguarda la smilitarizzazione. Se non vogliono negoziare, dovremo usare altre misure. Oggi l'Ucraina non produce quasi nulla, tutto viene portato, gratuitamente. Ma questa gratuità potrebbe finire a un certo punto. E a quanto pare, sta finendo poco a poco. Verrà concesso ancora un po' di tempo. Tutto ciò che gli occidentali hanno promesso all'Ucraina - tutto è stato dato. L'abbiamo distrutto e continueremo a distruggerlo. Questa è la smilitarizzazione. O negozieremo e concorderemo, o decideremo con la forza".

Sulla seconda ondata di mobilitazione

"Abbiamo avuto un'ondata di mobilitazione - abbiamo arruolato quasi 300.000 persone. Questi ragazzi stanno facendo un ottimo lavoro in guerra. 14 eroi della Federazione Russa tra i mobilitati, per non parlare di altri riconoscimenti. Ora ci sono 244 mila persone nella zona dell’operazione speciale. E 44 mila sono state congedate per raggiunti limiti di età. A ieri sera, sono stati reclutati 486.000 contractor. Il flusso dei nostri uomini pronti a difendere gli interessi della Madrepatria con le armi in pugno non accenna a diminuire. Si tratta di 1.500 uomini ogni giorno.

Complessivamente, entro la fine del 2023, saranno mezzo milione. Perché abbiamo bisogno di una seconda ondata di mobilitazione?".

Sui benefici per i militari e i veterani

"Vorrei ribadire ancora una volta la mia posizione: tutti i volontari, tutti coloro che difendono gli interessi della Russia con le armi in pugno e rischiando la propria vita, dovrebbero essere messi esattamente nelle stesse condizioni.

Ci sono delle lacune [su questo argomento]. Faremo in modo che tutti ricevano lo stesso sostegno da parte dello Stato.

Per quanto riguarda la richiesta di veterani nell'educazione degli scolari, essi sono molto richiesti. Otto Bismarck disse una volta che le guerre non vengono vinte dai generali, ma dagli insegnanti e dai sacerdoti. Ed è vero. Educare i giovani allo spirito patriottico nel senso migliore è molto importante. E stiamo già cominciando a farlo. Migliaia di vostri colleghi e compagni d'armi stanno lavorando nelle scuole e con i bambini e gli adolescenti, e amplieremo questo lavoro. La migliore educazione è l'esempio personale, e chi meglio di voi può farlo.

Il problema [con le PMC] è lì. Si tratta di lacune che non avrebbero dovuto essere autorizzate dal Ministero della Difesa. Formalmente, legalmente, non esistono società militari private in Russia, non sono previste dalla legge. I contratti delle PMC con lo Stato non sono stati stipulati. I loro comandanti avevano uno o l'altro rapporto con lo Stato. Purtroppo i pagamenti venivano effettuati in contanti. Ora è molto difficile stabilire anche solo l'elenco del personale di queste PMC.

Ma alcuni hanno dato la vita per il loro Paese, combattendo all'interno delle PMC. I loro diritti dovrebbero essere ripristinati, hanno diritto a tutti i benefici, a qualsiasi forma di sostegno da parte dello Stato, di cui godono gli altri partecipanti. Non c'è dubbio. Se sarà necessario modificare la legge, lo faremo".

Sulle prospettive di miglioramento delle relazioni con l'UE e gli Stati Uniti

"Per quanto riguarda la normalizzazione delle relazioni, non dipende da noi. Non siamo noi a rovinare le relazioni.

Ad esempio, come è iniziato il conflitto in Ucraina? Con il colpo di Stato del 2014. Prima di allora, per decenni abbiamo cercato di costruire relazioni normali con l'Ucraina, anche quando c'è stato un "colpo di Stato strisciante" sotto Yanukovych (nel 2010). Quando c'è stato il colpo di Stato nel 2014.

L'intero sud dell'Ucraina è sempre stato filo-russo - perché si tratta di territori storicamente russi. Cosa c'entra questo con l'Ucraina? La Crimea, la costa del Mar Nero e Odessa è una città russa in generale.

Il golpe in Ucraina era necessario per creare un conflitto, e i nostri "amici" statunitensi ne erano responsabili. E gli europei hanno fatto finta di non sapere nulla. Hanno perso in gran parte la loro sovranità e prendono decisioni a loro danno. Ma noi non l'abbiamo dimenticato e non lo dimenticheremo. Molti personaggi europei si comportano ora, nella pratica, collaborativamente. Fico e Orban non sono politici filo-russi, ma "filo-nazionali", non ce ne sono più - gli altri dipendono dal "grande fratello".

Siamo pronti a costruire relazioni con l'UE e con gli Stati Uniti. Crediamo che gli Stati Uniti siano un Paese importante nel mondo, ma questa politica imperiale li ostacola. Dopo tutto, se non si comportano come un impero, l'elettorato lo percepisce come un fallimento.

Quando ci saranno dei cambiamenti interni, quando inizieranno a rispettare gli altri invece di risolvere le questioni con sanzioni e azioni militari, allora si creeranno le condizioni per ripristinare le relazioni. Finora non ci sono queste condizioni".

Sulla situazione al fronte e sul futuro delle nuove regioni

“Le nostre forze armate stanno migliorando la loro posizione lungo quasi tutta la linea di contatto. Quasi tutti sono nella fase attiva dell'azione.

Ogni anno il bilancio federale stanzia più di mille miliardi di rubli per lo sviluppo di nuove regioni e la loro inclusione nella vita economica e sociale della Russia. Naturalmente in altre regioni la situazione è migliore. Ciò è dovuto al fatto che per qualche motivo, come in Crimea, le ex autorità di Kiev non hanno prestato la dovuta attenzione a queste regioni. Inoltre, abbiamo stabilito rapporti di gemellaggio tra queste regioni e altre regioni della Federazione Russa. Abbiamo già investito circa 150 miliardi e sono previsti circa altri 100 miliardi di rubli. È importante che quest'anno le nuove regioni abbiano versato 170 miliardi di rubli al bilancio federale. Ciò suggerisce che l’economia si sta riprendendo e sta tornando alla normalità. Naturalmente c’è ancora molto da fare lì. Lo faremo”.

Sul funzionamento dell'ONU e sulla pace nella Striscia di Gaza

“Sto guardando cosa sta succedendo. Vorrei riconoscere l’importante ruolo di leadership del presidente Erdogan nel migliorare la situazione a Gaza. Fa di tutto per creare le condizioni per una pace a lungo termine. Quanto sta accadendo è, ovviamente, un disastro. Guardate l’operazione speciale e quanto accade a Gaza e sentite la differenza. Non c'è niente di simile in Ucraina.

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite ha definito l'odierna Gaza il più grande cimitero di bambini del mondo. Questo la dice lunga, e questa è una valutazione obiettiva.

Per quanto riguarda il ruolo delle Nazioni Unite. Non sta accadendo nulla di insolito alle Nazioni Unite adesso. Alcuni partecipanti, anche durante la Guerra Fredda, hanno sempre bloccato le decisioni. L’ONU è stata creata per cercare consenso. Abbiamo ancora bisogno di attuare le decisioni delle Nazioni Unite sulla creazione di uno Stato palestinese con capitale a Gerusalemme Est.

Il presidente Erdogan ed io abbiamo posizioni molto simili su questo tema. Siamo d'accordo con il presidente per fare una visita all'inizio del prossimo anno.

Mi sono consultato su Gaza con gli Stati arabi, con gli Emirati, con l'Egitto.

Innanzitutto dobbiamo mantenere le persone a Gaza.

In secondo luogo, dobbiamo fornire un sostegno massiccio alle persone. Gli Emirati, ad esempio, hanno aperto il proprio ospedale da campo al confine di Rafah. Abbiamo discusso che sarebbe fantastico se la Russia aprisse lì un ospedale da campo. È vero, il presidente Netanyahu ritiene che l’apertura di un ospedale russo non sia sicura. Ma questo non significa che non continueremo a lavorare in questa direzione”.

 

Sul tasso di cambio del rublo e l'indebolimento del dollaro

"Si stanno dando la zappa sui piedi. Perché stanno riducendo le possibilità del dollaro e dell'euro come valute mondiali di riserva universale?

Nel 2021, l'87% delle valute estere - il dollaro e l'euro insieme - sono state utilizzate per servire le nostre esportazioni. Il rublo - 11-13% e lo yuan - 0,4%. A settembre di quest'anno, il quadro è il seguente: rublo - 40%, yuan - 33%, uso combinato di dollaro ed euro - 24%. Perché hanno fatto questo?

È un male per noi? No. Quanto più utilizziamo la nostra valuta nazionale nelle transazioni economiche e finanziarie, tanto meglio sarà. Aumenta la nostra sovranità e le nostre opportunità. Il nostro tasso di cambio è fluttuante, dipende da varie condizioni, dai prezzi delle nostre esportazioni e dalla crescente domanda interna al Paese, e sta crescendo. In generale, la situazione del mercato finanziario è stabile".

Pensioni, alloggi e servizi comunali

"Si prevede che le pensioni saranno indicizzate del 7,5% a partire dal 2024, spero che questo non sia inferiore all’inflazione. Nel dicembre 2022 abbiamo indicizzato le pensioni di oltre il 10%, poi in primavera di un altro 4% per l’inflazione, e dall’inizio di quest’anno ci sarà un’altra indicizzazione. Ma le tariffe non vengono aumentate dal giugno dello scorso anno e il prossimo aumento è previsto solo nel luglio 2024. Durante questo periodo verranno effettuate tre indicizzazioni delle pensioni per un importo superiore al 22%. Ma, ovviamente, tutto deve essere fatto in modo tempestivo, le tariffe dovrebbero essere aumentate gradualmente e i redditi dei cittadini dovrebbero crescere a un ritmo più rapido.

C'è ancora una cosa a cui prestare attenzione. Secondo le regole, se le spese di una famiglia per l'alloggio e i servizi comunali superano il 22%, allora la famiglia ha diritto a un sussidio e milioni di persone hanno approfittato di questo diritto l'anno scorso. In alcune regioni questa soglia è ancora più bassa: 15%, 20%.

Ed è stata appena presa una decisione: quando pagano gli alloggi e i servizi comunali, i pensionati non pagheranno alcuna commissione".

 

Sullo svolgimento del Vertice BRICS in Tatarstan

"La scelta del Tatarstan è dovuta al fatto che il Tatarstan si sta sviluppando bene. Sia i leader precedenti che quelli attuali del Tatarstan stanno lavorando bene.

Oggi il Tatarstan e Kazan si stanno sviluppando bene, ci sono infrastrutture, Kazan ha organizzato diversi eventi importanti ed è diventata un nuovo centro di attrazione. La scelta della città [per ospitare il vertice BRICS] è legata a questo".

Sull'ordine mondiale basato sulle regole

"Per quanto riguarda un ordine mondiale basato su regole, non esistono regole. Cambiano ogni giorno a seconda della situazione politica attuale e degli interessi immediati di coloro che ne parlano.

Ci sono molti Paesi che vogliono vivere non secondo queste regole non scritte, ma secondo le regole descritte dalle Nazioni Unite, guidati dai propri interessi e dagli interessi dei loro partner".

A proposito degli aerei russi soggetti a sanzioni

"Voleremo, ovviamente. Per quanto riguarda gli aerei di fabbricazione straniera. C'erano infatti continue controversie con le nostre aziende, che acquistavano troppi aerei stranieri quasi senza restrizioni, argomentando anche con comprensibili considerazioni: efficienza dei motori, rispetto dei requisiti di rumore, ecc. Ma sarebbe meglio prendersi del tempo per creare un mercato per le apparecchiature domestiche. Qualcosa è stato ottenuto, ma la nostra flotta aerea è molto sovraccarica di aerei stranieri.

Penso che le nostre aziende abbiano fatto la cosa giusta, non hanno reagito alle azioni illegali delle società di leasing. Ma il processo è in corso, nessuno vuole perdere soldi, quindi riacquistiamo alcuni di questi aerei e diventano proprietà di compagnie russe.

Ma dobbiamo sviluppare la nostra produzione di aeromobili. Prevediamo di produrre oltre 1.000 aerei entro il 2030".

 

Sulle relazioni tra Cina e Russia

"Il livello della nostra cooperazione con la Cina è senza precedenti. Speriamo di raggiungere un fatturato commerciale di 200 miliardi di dollari quest'anno. Penso che l'anno prossimo sarà di 220-230 miliardi di dollari. L'anno scorso la crescita è stata del 31%, quest'anno sarà del 30%. Stiamo sviluppando costantemente i nostri legami economici in vari settori.

Ciò che mi fa piacere è la diversificazione delle nostre relazioni. Stiamo costruendo ponti e strade, collaborando in industrie ad alta tecnologia.

Il lavoro è intenso, stabile e affidabile. Le relazioni russo-cinesi sono una garanzia della stabilità nel mondo. Cooperiamo, ma non creiamo blocchi militari. La nostra amicizia non è diretta contro Paesi terzi. In Occidente si cerca sempre di fare alleanze contro qualcuno".

Sui contatti con Macron

"Abbiamo avuto un rapporto di lavoro abbastanza buono e gentile. Come sapete, sono stato in Francia e Macron è venuto in Russia; abbiamo sempre avuto un’agenda fitta di relazioni bilaterali e questioni internazionali.

Siamo pronti a continuare a collaborare con la Francia, ma da un certo punto il Presidente francese ha interrotto le relazioni con noi. Se c'è interesse, siamo pronti; se non c'è interesse, ne faremo a meno. Non stiamo evitando questi contatti, ma se i Paesi europei e il Presidente francese in particolare non vogliono comunicare con noi - beh, abbiamo altro da fare".

Sul crescente nazionalismo, antisemitismo e russofobia

"Recenti studi del VTsIOM affermano che il 96% dei cittadini russi ritiene che l'armonia interreligiosa e interetnica nel nostro Paese sia un enorme vantaggio rispetto ad altre parti del mondo. Ciò accade principalmente perché ci rivolgiamo ai nostri valori tradizionali.

Per quanto riguarda la crescita dell’islamofobia, ecc., sì, hanno davvero una tendenza al rialzo. Secondo me, ciò è dovuto al fatto che le persone affrontano una sorta di ingiustizia.

Questo è molto brutto. Le confessioni svolgono un ruolo enorme nel nostro Paese, ma non ultimo ruolo importante lo gioca il fatto che perseguiamo una politica interna ed estera equilibrata. Penso che la gente lo apprezzi. Per quanto riguarda la russofobia, questo è uno dei vettori della lotta contro la Russia. Sì, esiste nel mondo. Dobbiamo fare tutto il possibile per evitare che ci succeda qualcosa del genere".

Sulla Moldova, l'Armenia, la CSI e la CSTO

"Costruiamo tutti i nostri piani di integrazione esclusivamente sulla base della volontarietà e del mutuo vantaggio di tutti i partecipanti. Il fatturato commerciale tra i Paesi dell'EAEU è in costante crescita. L'apertura dei mercati del lavoro e dei capitali, il mantenimento della cooperazione, la disponibilità della lingua di comunicazione interetnica - tutto ciò crea tali condizioni, che aumentano la nostra competitività sui mercati mondiali e influiscono sulla crescita del benessere dei cittadini.

Se la Moldavia non vuole partecipare a questi processi, così sia, questa è la scelta della leadership moldava. La Moldavia è uno dei Paesi più poveri d'Europa. Per molto tempo è stato il più povero, ma oggi l'Ucraina ha preso questo posto d'onore.

Se vogliono, come la Germania, acquistare gas al 30% più costoso di quello dell'UE, se hanno denaro extra - beh, prego. Se non vogliono, non devono farlo.

Vedete, in Europa, apparentemente nei Paesi alleati dell'Ucraina, le strade sono bloccate per impedire ai prodotti ucraini di andare in Europa. Lì ci sono i loro interessi e c'è il desiderio di combattere per questi interessi. Dove andranno i moldavi con i loro prodotti? La presenza di questo Paese nella CSI non ha un grande valore per noi.

Per quanto riguarda l'Armenia, ci sono processi complicati legati al Karabakh. Ma non siamo noi a prendere questa decisione. È stata l'Armenia a rinunciare al Karabakh. È andata così. I processi sono complicati processi politici interni. Non credo che sia nell'interesse dell'Armenia porre fine in qualche modo alla sua appartenenza alla CSI, all'EAEU e alla CSTO.

Per quanto riguarda l'assenza del Primo Ministro armeno agli eventi, sappiamo che è legata ai processi generali in Armenia e non è legata al desiderio o alla mancanza di volontà [di partecipare agli eventi]".

Sullo sviluppo dell'intelligenza artificiale e sulla sostituzione dell'uomo con le reti neurali

"Posso dire con certezza una cosa: nessuno può sostituire la nonna. Dobbiamo avere paura dell’IA? È impossibile impedirne lo sviluppo, inclusa la super intelligenza, che inizia a sentire, distingue gli odori, acquisisce capacità cognitive e si sviluppa. Ciò significa che dobbiamo guidare questo sviluppo. In ogni caso, facciamo tutto affinché possiamo essere uno dei paesi leader in questa direzione.

E nessuno sa come andrà a finire. Queste sono le realtà di oggi. Sì, possiamo parlare di restrizioni e autolimitazioni, della necessità di raggiungere un accordo tra i leader per non creare condizioni che potrebbero portare a qualche tipo di pericolo per l’umanità. Un tempo era così con l’energia nucleare.

Probabilmente sarà lo stesso con l’intelligenza artificiale, quando i leader di quest’area si renderanno conto che stanno emergendo alcune minacce, allora probabilmente inizieranno a negoziare. Ma prima difficilmente sarà possibile raggiungere veri accordi, ma occorre pensarci oggi".

Sulla proroga dei mutui agevolati e familiari

“Il governo dovrebbe procedere in base alle capacità del bilancio federale, ma penso che dovremmo pensare a estendere il mutuo familiare preferenziale”.

Sulla politica nei confronti della Serbia

“Siamo consapevoli della situazione nella Repubblica Srpska e le nostre valutazioni sono in completo accordo con la vostra leadership politica. Le persone che vivono in questo territorio devono determinare il loro futuro. E qualunque decisione del passato o di oggi venga loro imposta, se vogliamo vivere in un mondo equilibrato che tenga conto degli interessi di tutte le persone, soprattutto di quelle che vivono in un determinato territorio, dobbiamo tenere conto dei progetti e delle aspirazioni della popolazione. Su questi principi baseremo la nostra politica”.

Sugli atteggiamenti verso l'aborto

"Perché parlate di divieti? Non esistono. Adesso mi sono ricordato dei divieti nella campagna anti-alcol. Ricordiamo a cosa ha portato: l'uso di surrogati, un aumento delle vittime di avvelenamento.

È inoltre necessario agire con molta attenzione in questo settore. Naturalmente conosco la posizione della Chiesa: non può averne un'altra. Combatte per la vita di ogni persona.

Lo Stato è interessato che le donne prendano decisioni a favore della preservazione della vita di un bambino. Questa è una cosa ovvia. Ma anche i diritti e le libertà delle donne devono essere rispettati. Come risolvere questo problema? Il primo è un appello ai nostri valori tradizionali, uno dei quali è la famiglia numerosa. Questa è educazione nel senso che un figlio è un dono di Dio per tutti, sia donne che uomini.

Questo, ovviamente, rientra nella sfera del benessere materiale. Dobbiamo prestare attenzione alle cliniche prenatali, dobbiamo mettere tutto in ordine in quel campo, c'è qualcosa su cui lavorare. Dobbiamo pensare a come e con quale ritmo mettere in ordine i reparti maternità degli ospedali e delle cliniche regionali.

E terzo. Dobbiamo pensare a come continuare a lavorare per sostenere le famiglie con bambini. Si tratta di mutui, sussidi e di ulteriore miglioramento di tutti gli strumenti messi a punto dallo Stato negli ultimi anni. Questo è l'atteggiamento".

Gli USA hanno fatto saltare il Nord Stream

"Perché forniamo gas all'Europa? Gazprom è un partner affidabile, ha degli obblighi e li rispetta. Perché dovremmo punire l'Ungheria o la Slovacchia? Non abbiamo mai fatto nulla per motivi politici e non faremo nulla.

Non abbiamo chiuso Yamal-Europe, l'ha fatto la Polonia, non abbiamo fatto saltare Nord Stream-1 e Nord Stream-2, probabilmente l'hanno fatto gli statunitensi, e non apriremo Nord Stream-1, la Germania non vuole. Beh, non vogliono e non ne hanno bisogno, la loro economia sarà in negativo quest'anno.

Ma Gazprom adempie ai suoi obblighi, anche attraverso il territorio dell'Ucraina. E riceve denaro per questo. Tra l'altro, l'Ucraina usa il nostro gas, perché è così che funziona il suo sistema.

Per quanto riguarda il rivolgersi all'Est.

Lo facevamo già prima, prima del conflitto in Ucraina. Nell'Estremo Oriente stanno nascendo nuovi centri di crescita che acquistano petrolio, gas e carbone. Stiamo pensando di espandere il nostro mercato, non solo alla Cina, ma anche ad altri Paesi. A proposito, anche il Giappone non rinuncia al nostro mercato. Anche i progetti di NOVATEK nell'Artico sono in fase di sviluppo".

Consigli ai giovani?

"Mantenere l'onore. Nel senso più ampio del termine. Oggi bisogna pensare a ciò che accadrà domani, bisogna fissare mete e obiettivi ambiziosi. Dobbiamo fissare obiettivi che sembrano irraggiungibili".

Sulle letture di Putin

"Rileggerò il Codice penale. Alcuni pensano che alcune pene siano troppo severe per alcuni reati. Sul comodino della camera da letto c'è un volume di Lermontov. Era un giovane brillante. Mi chiedo come pensassero i giovani brillanti dell'epoca e come i loro valori siano in relazione con quelli moderni".

Sui consigli da dare a me stesso nell'anno 2000:

"Direi: state andando nella direzione giusta, compagni. Da cosa metterei in guardia? Dall'ingenuità e dall'eccessiva fiducia nei nostri cosiddetti partner. Quanto ai consigli: dobbiamo credere nel grande popolo russo. Questa fede è la chiave del successo nella rinascita, nella formazione e nello sviluppo della Russia".

 

 

 

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo di Geraldina Colotti Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti