Fernandez a Scholz: "L'Argentina e l'America Latina non hanno intenzione di inviare armi all'Ucraina"

Fernandez a Scholz: "L'Argentina e l'America Latina non hanno intenzione di inviare armi all'Ucraina"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Presidente argentino Alberto Fernández ha tenuto un incontro bilaterale con il Cancelliere tedesco Olaf Scholz, giunto in Argentina per il suo primo viaggio in Sudamerica come Cancelliere tedesco.

Durante una conferenza stampa congiunta, Fernández ha annunciato che il suo Paese non fornirà armi all'Ucraina nella guerra per procura che il regime di Kiev combatte contro la Russia, e ha aggiunto che non lo farà nemmeno l'America Latina in generale.

Una vera e propria lezione di sovranità di fronte a una Germania che ha invece completamente capitolato di fronte alle pressioni di USA e NATO. 

"Ho comunicato al Cancelliere la mia preoccupazione e il mio desiderio di trovare una soluzione al conflitto. Non ho voce in capitolo sulle decisioni prese da altri Paesi. Ciò che è certo è che vogliamo che la pace venga ristabilita il prima possibile", ha dichiarato il presidente argentino.

"L'Argentina e l'America Latina non pensano di inviare armamenti all'Ucraina”, ha dichiarato Fernández dal Palacio de San Martín. 

La posizione espressa dal presidente argentino è in linea con quella di altri omologhi delle regione che hanno respinto le pressioni statunitensi e rifiutato di fornire armi che sarebbero finite al regime di Kiev. 

Martedì scorso, il presidente colombiano Gustavo Petro ha riferito che Washington ha chiesto a Bogotà di fornire all'Ucraina attrezzature militari di fabbricazione russa. Il governo colombiano ha respinto la richiesta e ha espresso un netto rfiuto.

"In alcune conversazioni, il generale Richardson e altri rappresentanti degli Stati Uniti mi hanno detto che, poiché era impossibile per la Colombia mantenere le armi russe in uno stato attivo, lo avrebbero fatto loro stessi e le avrebbero inviate in Ucraina", ha dichiarato il presidente.

Secondo lui, le armi di fabbricazione russa in possesso del suo Paese sono attualmente in cattive condizioni perché Bogotà non ha le risorse per la loro manutenzione tecnica. "Non siamo dalla parte di nessuno. Siamo dalla parte della pace. Per questo motivo non una sola unità di equipaggiamento militare russo, in qualsiasi condizione si trovi sul nostro territorio, sarà utilizzata in questo conflitto", ha assicurato Petro. Il quale ha poi ricordato che nella Costituzione della Colombia la pace è un imperativo. 

Questa settimana è stato anche riferito che il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva ha rifiutato di fornire alla Germania le munizioni per carri armati che Berlino intendeva poi consegnare al regime di Kiev.

Secondo fonti informate, il comandante dell'esercito brasiliano Julio César de Arruda, poi licenziato, avrebbe spiegato a Lula che il governo tedesco avrebbe pagato poco meno di cinque milioni di dollari per una partita di munizioni per i suoi carri armati Leopard-1. Tuttavia, secondo quanto riportato dal quotidiano Folha de S.Paulo, il presidente avrebbe scelto di rifiutare l'offerta, sostenendo che "non valeva la pena provocare i russi". 

Il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador è un altro leader latinoamericano che si è espresso contro l'invio di armi all'Ucraina e sostiene la neutralità dei Paesi non coinvolti nel conflitto.

Dall'inizio dell'operazione militare speciale, López Obrador ha sostenuto la posizione neutrale e non interventista del Messico e recentemente ha criticato l'autorizzazione della Germania all'invio di carri armati Leopard 2, che a suo avviso colpirà soprattutto il popolo tedesco.

"Il potere dei media è usato dalle oligarchie di tutto il mondo per sottomettere i governi. La Germania, ad esempio, non voleva essere troppo coinvolta nella guerra con l'Ucraina", ha detto, dando la colpa ai media tedeschi per il cambiamento di posizione di Berlino.

Dall’America Latina ennesima lezione di sovranità alla colonia Europa. Un continente che i governanti hanno deciso di immolare sull’altare degli interessi del capitale statunitense. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il neoliberismo e l'idea di giustizia di Francesco Erspamer  Il neoliberismo e l'idea di giustizia

Il neoliberismo e l'idea di giustizia

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Giro d'Italia 2023 e (ancora) sportwashing di Francesco Santoianni Giro d'Italia 2023 e (ancora) sportwashing

Giro d'Italia 2023 e (ancora) sportwashing

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Avete capito chi stiamo addestrando a Sabaudia? di Alberto Fazolo Avete capito chi stiamo addestrando a Sabaudia?

Avete capito chi stiamo addestrando a Sabaudia?

La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota" di Antonio Di Siena La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota"

La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota"

La Costituzione è morta. Viva la Costituzione! di Gilberto Trombetta La Costituzione è morta. Viva la Costituzione!

La Costituzione è morta. Viva la Costituzione!

Un caffè con Gianni per capire cosa sia l'informazione libera di Michelangelo Severgnini Un caffè con Gianni per capire cosa sia l'informazione libera

Un caffè con Gianni per capire cosa sia l'informazione libera

Il salario reale in Cina cresce (da noi crolla) di Pasquale Cicalese Il salario reale in Cina cresce (da noi crolla)

Il salario reale in Cina cresce (da noi crolla)

Giacarta può essere sconfitta? di Federico Greco Giacarta può essere sconfitta?

Giacarta può essere sconfitta?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Scuola: 3 giorni di sciopero... ma in California! di  Leo Essen Scuola: 3 giorni di sciopero... ma in California!

Scuola: 3 giorni di sciopero... ma in California!

L'internazionalismo nella nuova fase storica di Paolo Pioppi L'internazionalismo nella nuova fase storica

L'internazionalismo nella nuova fase storica

Andrew Doyle. I buoni, i cattivi e la libertà di parola di Damiano Mazzotti Andrew Doyle. I buoni, i cattivi e la libertà di parola

Andrew Doyle. I buoni, i cattivi e la libertà di parola