Esequibo e sovranità del Venezuela. I 5 quesiti del referendum consultivo del 3 dicembre

Esequibo e sovranità del Venezuela. I 5 quesiti del referendum consultivo del 3 dicembre

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

“La decisione segue decenni di controversie e rappresenta un passo significativo nella difesa dei diritti sovrani del Venezuela su questo territorio in disputa”, si legge in una nota stampa ufficiale dell’Ambasciata della Repubblica bolivariana del Venezuela che annuncia la Consultazione Referendaria sull'Esequibo previsto per il 3 dicembre.

Dopo aver chiarito come il territorio appartenga storicamente al Venezuela sulla base del principio dell’UtiPossidetis Juris, nella nota si ripercorre la “ferita storica imperialista” prodotta dalla fase coloniale britannica che ha privato “il Venezuela di una vasta porzione di terre, processo che culminò nel Lodo Arbitrale del 1899, viziato di nullità e pertanto non riconosciuto come valido”.

Da allora la contesa ha visto varie fasi in cui il Venezuela, prosegue la nota, ha  denunciato l’espropriazione e presentato un reclamo all’ONU che ha determinato l’applicazione dell’Accordo di Ginevra del 1966, “ancora oggi vigente e firmato da Venezuela, Gran Bretagna e la Guyana Britannica, oggi Guyana, dove viene riconosciuta una disputa territoriale sulla Guayana Esequiba.”

Tuttavia, negli ultimi anni, “la Guyana ha autorizzato unilateralmente l'ingresso di multinazionali come la Exxon Mobil Corporation nelle aree contese, violando l'Accordo e sfidando la legalità internazionale.”

In risposta alle violazioni, il Venezuela intende tutelare i propri diritti sovrani. Il primo passo sarà la Consultazione Referendaria fissata per il 3 dicembre 2023.

Coclude la nota stampa: "I cinque quesiti del Referendum Consultivo saranno questi:

 

Primo quesito:

"È d'accordo nel respingere con tutti i mezzi, conformi al diritto, la linea impostata in modo fraudolento dal Lodo Arbitrale di Parigi del 1899, che cerca di privarci della nostra Guayana Esequiba?"

Secondo quesito:

"Sostiene l'Accordo di Ginevra del 1966 come unico strumento giuridicamente valido per raggiungere una soluzione pratica e soddisfacente per il Venezuela e la Guyana, riguardo la controversia sul territorio della Guayana Esequiba?"

Terzo quesito:

"È d'accordo con la posizione storica del Venezuela di non riconoscere la giurisdizione della Corte Internazionale di Giustizia per risolvere la controversia territoriale sulla Guayana Esequiba?"

Quarto quesito:

"È d'accordo nell'opporsi, con tutti i mezzi conformi al diritto, alla pretesa della Guyana di disporre unilateralmente di un mare ancora da delimitare, in modo illegale e in violazione del diritto internazionale?"

Quinto quesito:

"È d'accordo con la creazione dello Stato della Guayana Esequiba e con lo sviluppo di un piano accelerato per l'assistenza integrata alla popolazione attuale e futura di quel territorio, che includa, tra l'altro, il conferimento della cittadinanza e della carta d'identità venezuelana, in conformitá con l'Accordo di Ginevra e il diritto internazionale, includendo di conseguenza detto Stato nella mappa del territorio venezuelano?"

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti