Elezioni Colombia: Gustavo Petro e Rodolfo Hernández al ballottaggio per la presidenza

Elezioni Colombia: Gustavo Petro e Rodolfo Hernández al ballottaggio per la presidenza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il candidato Gustavo Petro, del Pacto Histórico, e Rodolfo Hernández, della Liga de Gobernantes contra la Corrupción, si confronteranno al ballottaggio il prossimo 19 giugno nel secondo turno elettorale in Colombia, secondo i dati del pre-conteggio rapido forniti dalla Registraduría Nacional.

Il candidato della sinistra Gustavo Petro ha ottenuto la maggioranza dei voti, con il 40,34% (8.522.399 voti), mentre il centrista Rodolfo Hernández è arrivato secondo con il 28,16% (5.951.013 voti). Nessuno dei due ha ottenuto metà dei voti più uno necessari per ottenere la maggioranza ed evitare il ballottaggio.

Al terzo posto Federico Gutiérrez, dell'alleanza di destra Equipo por Colombia con il 23,88%, che ha già assicurato che voterà per Hernández al secondo turno.

Al quarto posto Sergio Fajardo, della coalizione di centrosinistra Centro Esperanzas; al quinto John Milton Rodríguez, per il partito Colombia Justa Libres e poi Enrique Gómez Martínez, del Movimiento Salvación Nacional.

Secondo i dati della Registraduría Nacional, 21.399.857 dei 39.002.239 elettori chiamati a votare hanno preso parte a queste elezioni, il che implica una partecipazione del 54,86%, la più alta del XXI secolo.

In Colombia, il pre-conteggio o è informativo mentre il controllo generale, che si svolge in un'audizione pubblica presso il Consiglio Elettorale Nazionale (CNE), è ciò che effettivamente produrrà i risultati ufficiali.

La Commissione d'esame del CNE, che questa domenica ha iniziato il conteggio, una volta chiusi i seggi, ha informato tramite il proprio account Twitter che l'audizione pubblica proseguirà mercoledì prossimo, a partire dalle 9:00 del mattino (ora locale).

Reazioni dei candidati

Dopo che si è concretizzato il secondo turno presidenziale tra Petro e Hernández, i rappresentanti delle coalizioni politiche hanno evidenziato lo sviluppo della giornata elettorale.

Il senatore Roy Barreras e consigliere per la campagna di Gustavo Petro ha riflettuto sul trionfo del Pacto Histórico sulle vecchie strutture politiche: "La Colombia è cambiata. Una clamorosa sconfitta delle vecchie strutture politiche", ha affermato.

Da parte sua, Hernández ha pubblicato un video in cui sottolinea che combatterà la corruzione e ha promesso di non deludere i suoi elettori, "oggi hanno perso i fasci che pensavano sarebbero stati al ??governo per sempre, oggi la Colombia ha vinto (...) i prossimi giorni saranno decisivi per determinare il futuro del Paese, sono consapevole della necessità di unirci sulla strada del cambiamento che è diventato evidente e forte", ha aggiunto.

"Sono consapevole che sarà il popolo colombiano che mi accompagnerà nella difesa delle decisioni che prenderò. Dirò a coloro che hanno votato per me che non li deluderò", ha affermato Hernández.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli