Editoriale Global Times - "Stati Uniti, non rendete la crisi più grande. Chi offende Pechino sarà punito"

Editoriale Global Times - "Stati Uniti, non rendete la crisi più grande. Chi offende Pechino sarà punito"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Cina avverte severamente gli Stati Uniti di non agire in modo avventato o di non creare una crisi più grande, ha dichiarato mercoledì il Ministero degli Esteri cinese, sottolineando che coloro che offendono la Cina saranno puniti. 

Il ministero ha lanciato questo severo avvertimento in risposta agli ultimi commenti del coordinatore degli Stati Uniti per l'Indo-Pacifico, Kurt Campbell, sulla visita a Taiwan della presidente della Camera Nancy Pelosi.

Wang Wenbin, portavoce del Ministero degli Esteri cinese, ha dichiarato durante il briefing di routine di mercoledì che le osservazioni fatte dall'alto funzionario statunitense distorcono completamente il i fatti e mettono a nudo la logica banditesca degli Stati Uniti e l'approccio per la ricerca del potere.

La farsa creata da Pelosi non influirà in alcun modo sulla tendenza storica del ritorno di Taiwan alla madrepatria, né danneggerà minimamente il consenso internazionale sul principio di una sola Cina, né fermerà il processo storico del grande ringiovanimento della nazione cinese. Il popolo cinese non teme gli spiriti maligni e difende incrollabilmente i propri interessi fondamentali, ha affermato Wang. 

Il principio del rispetto della sovranità e dell'integrità territoriale nelle relazioni internazionali diventerà un pezzo di carta, tutti i tipi di separatisti e di forze estremiste si intensificheranno e la pace e la stabilità faticosamente conquistate della regione saranno seriamente minate se la Cina non si opporrà risolutamente alle azioni sconsiderate, irresponsabili e irrazionali degli Stati Uniti, ha affermato Wang.

Secondo Wang, più di 170 Paesi, tra cui 20 capi di Stato, sette vice capi di Stato, nove capi di governo, ministri degli Esteri di circa 60 Paesi e più di 10 organizzazioni internazionali come l'ONU, hanno espresso il loro impegno per il principio di una sola Cina e l'opposizione alle provocazioni statunitensi. 

Venerdì Campbell ha detto che la Cina ha "reagito in modo eccessivo" alla visita di Pelosi e l'ha usata come pretesto per cercare di "cambiare lo status quo" nello Stretto di Taiwan, ha riferito la Reuters. 

Secondo quanto riportato dalla Reuters, gli Stati Uniti effettueranno transiti aerei e marittimi standard attraverso lo Stretto di Taiwan nelle prossime settimane e annunceranno una "road map ambiziosa" per i negoziati commerciali con l'isola di Taiwan nei prossimi giorni. 

Lo status quo attraverso lo Stretto di Taiwan, rimasto immutato per decenni, è stato effettivamente rotto, non dalla Cina ma dagli Stati Uniti e dalle forze secessioniste di Taiwan, ha detto Wang. 

Gli Stati Uniti si sono mostrati sordi ai ripetuti avvertimenti della Cina sulla visita della Pelosi e hanno insistito per andare avanti sulla loro strada. La mossa di Pelosi ha danneggiato gravemente gli interessi fondamentali della Cina, la quale deve ovviamente rispondere con fermezza e gli Stati Uniti devono sopportarne tutte le conseguenze, ha affermato Wang, sottolineando che gli Stati Uniti non devono sorprendersi perché la Cina li aveva avvertiti in anticipo e intendeva dire ciò che aveva detto. 

La Cina esorta ancora una volta gli Stati Uniti ad attenersi alle norme fondamentali che regolano le relazioni internazionali, ovvero il rispetto della sovranità e dell'integrità territoriale degli altri Paesi e la non ingerenza nei loro affari interni, a porre fine alle parole e alle azioni che minano gli interessi fondamentali della Cina e a creare le condizioni necessarie per la cooperazione tra Cina e Stati Uniti.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra