E' arrivato il "whatever it takes" tedesco. Noi cosa aspettiamo?

E' arrivato il "whatever it takes" tedesco. Noi cosa aspettiamo?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Ministro dell'Economia tedesco Altmaier ha appena dichiarato che lo stato tedesco potrebbe procedere alla nazionalizzazione delle imprese strategiche nazionali per evitarne il collasso. Evidentemente non parla solo di Deutsche Bank e di Commerzbank ma anche dell'Automotive, della chimica e di chissà cos'altro. Semplicemente intendono salvare il loro colossale sistema produttivo qualora si dovrà procedere al Lockdown sul modello italiano con il propagarsi dell'epidemiia. Ora, quanto costa un programma del genere? Centinaia di miliardi, ovviamente. Impossibile quantificare ma tenete conto che il sistema bancario tedesco è enormemente in difficoltà, tutto.
 

SPIEGONE.
 

Allora, la Germania ha un enorme surplus verso l'estero. Quello che io ho sempre chiamato "il bottino dell'Euro". Calcoliamolo alla buona: il pil tedesco è pari a 3300 mld di euro circa. Hanno un NIIP pari al 68% del loro Pil circa. Ciò significa che all'estero ci sono 2200 mld di euro di capitale tedesco (dalla liquidità della aziende, ai fondi pensione al risparmio gestito ecc) , investito per buona parte in quella enorme fabbrica sintetica di danaro che sono i mercati finanziari (bond sovrani, bond corporation, azioni e di tutto). L'altra parte credo minoritaria sono investiti in beni reali, alberghi, villaggi, porti e un po' di tutto localizzato all'estero. Se i soldi investiti in beni reali sono chiaramente non smobilizzabili rapidamente e senza perdite sanguinose i soldi investiti nella fabbrica sintetica di danaro si liquidano in frazioni di secondo.
 

Bene, Altmaier ha detto di essere pronto a nazionalizzare tutto quello che sarà necessario nazionalizzare. E' il "whatever it takes" dei tedeschi. Ciò significa che lo stato tedesco è pronto a emettere tutte le quantità di titoli di stato necessarie per salvare il proprio sistema produttivo e bancario. Ma chi sottroscriverebbe questa enorme messe di titoli? Semplice. Gli stessi capitali tedeschi allocati nei mercati finanziari esteri. Vendono buoni statali spagnoli, francesi, portoghesi e tutto ciò che sarà necessario per sottoscrivere ciò che emette lo stato tedesco. Il capitale tedesco rientra in Germania per proteggere l'apparato produttivo-finanziario nazionale. Il meccanismo è questo.
 

E non potrebbe monetizzare tutto la BCE? Certo che si. Ma ciò significherebbe esporre il capitale tedesco (a partire da quei 2200 mld allocati all'estero) a svalutazioni e quindi a perdite. Per salvare Spagna, Italia, Francia, Portogallo, Grecia, Irlanda? Ma davvero credete che i nordici sono disposti a giocarsi il bottino della truffa dell'Euro? Ha risposto la Lagarde "No a whatever it takes 2.0" per tutti.

Qualcosa può far recedere i tedeschi (e i nordici) dal loro "whatever it takes nazionale"?

1) Un bel miracolo e l'epidemia scompare come è venuta prima che salti tutto.

2) I tedeschi sono disarmati (siano benedetti Stalin, Churchill e Roosvelt). E forti pressioni diplomatiche (chiamatele minacce se volete) potrebbero farli desistere. Ma chi potrebbe farle? Inglesi (ma sono fuori dalla UE), Francesi (ma se la Lagarde ha parlato così credo abbia avuto rassicurazioni sulla Francia), Usa (ma a Trump gliene frega qualcosa?).

Questo è tutto. Se qualche Kompetente vuole contestare sono a disposizione.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti