Droni e veicoli blindati alla Tunisia: le sanzioni USA non fermano la Turchia

Droni e veicoli blindati alla Tunisia: le sanzioni USA non fermano la Turchia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Recentemente anche la Turchia è stata colpita dalle sanzioni statunitensi. In particolare nel mirino USA è finita la Presidenza turca delle industrie della difesa (SSB). Ente statale che si occupa dell’esportazione dei prodotti bellici prodotti da Ankara. Tra cui i famosi droni che hanno permesso alle forze dell’Azerbaigian di sbaragliare l’Armenia nel recente conflitto in Nagorno-Karabakh. 

La circostanza non ha fermato l’attività dell’SSB. Il presidente della Presidenza turca delle industrie della difesa, Ismail Demir, ha reso noto secondo quanto riporta il quotdiano Daily Sabah, che gli ultimi giorni dell'anno hanno visto una quantità elevata di esportazioni dell'industria della difesa dalla Turchia alla Tunisia.

Sotto il coordinamento della SSB, cinque società di difesa locali hanno esportato prodotti per un valore di 150 milioni di dollari (1,14 miliardi di TL), ha detto Demir in un post su Twitter.

I prodotti includono veicoli aerei senza pilota (UAV) Anka a media altitudine e lunga durata (MALE) della Turkish Aerospace Industries (TAI), il veicolo Kirpi anti-imboscata (MRAP) di BMC, i veicoli blindati Ejder Yalc?n di Nurol Makina, vari veicoli come i carri armati Katmerciler e sistemi elettro-ottici del gigante turco della difesa ASELSAN.

I prodotti sono per le forze di sicurezza tunisine, ha detto Demir, sottolineando di aver tenuto una riunione di cooperazione dell'industria della difesa con funzionari tunisini tramite videoconferenza.

Per quanto riguarda i droni UAV Anka è la prima volta che questi vengono venduti all’estero. Secondo Habertürk, TAI consegnerà tre UAV Anka e tre sistemi di controllo a terra al comando dell'aeronautica militare tunisina.

Il finanziamento delle esportazioni sarà fornito tramite Türk Eximbank. La banca fornirà 80 milioni di dollari in prestiti alla Tunisia, afferma Habertürk. 

Cinquantadue piloti tunisini e personale di manutenzione riceveranno la necessaria formazione presso le strutture TAI nella capitale Ankara.

Il Kirpi blindato di BMC, leader nella produzione di veicoli militari e commerciali, è in grado di trasportare 12 persone ed è stato precedentemente esportato, con il Qatar come uno dei principali acquirenti. Il Kirpi ha diverse versioni tra cui 4x4 e 6x6 MRAP e veicoli ambulanza 4x4.

I veicoli da combattimento corazzati tattici Ejder 4x4 di Nurol Makina sono stati acquistati da oltre 10 paesi e la società sta continuando a negoziare nuovi contratti con altri paesi. L'azienda ha inoltre sviluppato varie configurazioni del veicolo per i suoi acquirenti esteri.

Il produttore di veicoli corazzati Katmerciler, nel frattempo, ha registrato la sua prima esportazione dopo aver firmato un accordo da 20 milioni di dollari per vendere H?z?r, il più potente veicolo da combattimento corazzato nel suo segmento, a un paese africano rimasto segreto nel 2019.

Le sanzioni statunitensi non hanno scalfito le attività della Presidenza turca delle industrie della difesa (SSB). Altro chiaro segnale del declino di Washington. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti