Dopo la Turchia gli Stati Uniti sanzioneranno l'India per i sistemi russi S-400

Dopo la Turchia gli Stati Uniti sanzioneranno l'India per i sistemi russi S-400

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dopo la Turchia anche l’India teme di dover affrontare le sanzioni unilaterali statunitensi. Questa è la preoccupazione espressa da un esperto indiano in vista della consegna del sistema di difesa aerea S-400 prodotto dalla Russia, che avverrà il prossimo anno, come ricorda Sputnik. 

Tuttavia, Amit Cowshish, ex consigliere finanziario del ministero della Difesa indiano, ritiene che il governo indiano possa essere “interessato agli sviluppi ma non preoccupato".

Il Senato degli Stati Uniti ha approvato all'inizio di questo mese il National Defense Authorization Act (NDAA), che includeva misure economiche contro Ankara per l'acquisizione di sistemi di difesa missilistica S-400.

Cowshish sottolinea che le sanzioni contro la Turchia sono un'indicazione della volontà degli Stati Uniti di imporre il CAATSA (Countering American Adversaries Through Sanctions Act) contro i paesi impegnati con la Russia in acquisti per il settore difesa.

“L'India potrebbe essere interessata agli sviluppi. Questo non vuol dire che le sanzioni non possano essere imposte in futuro. In effetti, molti analisti ritengono che le sanzioni contro la Turchia siano un'indicazione della determinazione degli Stati Uniti a far scattare la CAATSA quando il sistema di difesa russo sarà ricevuto dall'India”, sottolinea Cowshish.

CAATSA richiede l'imposizione di determinate sanzioni a persone/entità che consapevolmente si impegnano in una "transazione significativa" con i settori della difesa o dell'intelligence della Russia.
Nonostante le osservazioni sulle possibili sanzioni, Nuova Delhi non ha mai evitato gli acquisti per la difesa dalla Russia, inclusa l'approvazione di un acquisto da 4,25 miliardi di dollari di 21 MiG-29 e 12 Su-30 MKI fino a luglio di quest'anno.

Oltre a trasmettere la sua richiesta di esenzione durante i colloqui bilaterali, il ministro indiano per gli affari esteri S. Jaishankar ha anche consigliato a Washington in agosto di andare oltre le alleanze e imparare a "lavorare in un mondo più multipolare, con relazioni maggiormente plurilaterali”.

Tuttavia, l'esperto sostiene che qualsiasi sanzione da parte degli americani rappresenterà una battuta d'arresto per la crescente cooperazione di Nuova Delhi con Washington.

All'inizio di quest'anno, il ministro della Difesa indiano Rajnath Singh ha esortato la Russia ad accelerare la consegna degli S-400 in una situazione di stallo al confine con la Cina nella regione orientale del Ladakh. L'India ritiene che il sistema missilistico a lungo raggio sia nell'interesse nazionale del paese e rifiuta di rinunciare all'accordo, nonostante le minacce di sanzioni da parte degli Stati Uniti.

L'Indian Air Force ritiene che l'introduzione dei sistemi di difesa missilistica aerea S-400 inclinerà ulteriormente l'equilibrio tecnologico a favore dell'India.

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti