Dopo i sistemi S-400 la Turchia valuta i caccia russi Su-35 e Su-57. È la fine della NATO?

Dopo i sistemi S-400 la Turchia valuta i caccia russi Su-35 e Su-57. È la fine della NATO?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le tensioni nel Mediterraneo orientale con Francia e Grecia, la questione S-400, e altre mosse di Ankara sullo scacchiere internazionale allontanano sempre di più la Turchia dalla NATO? Alcuni osservatori ipotizzano addirittura una fuoriuscita del paese dall’alleanza atlantica. 

 

Stati Uniti e Turchia sono ai ferri corti perché Washington vuole che il governo turco annulli l’acquisizione dei sistemi di difesa missilistica S-400 prodotti dalla Russia. Tuttavia, la Turchia ha mantenuto la sua posizione e ha ricevuto la consegna del primo lotto di S-400 nel luglio dello scorso anno e ha effettuato un secondo ordine alla Russia.

 

Ora, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha mostrato un crescente interesse per il caccia Sukhoi Su-57. Il jet da combattimento Su-57 è progettato per avere supercruise, supermaneuverability, stealth e avionica avanzata per superare gli aerei da combattimento della generazione precedente, nonché le difese terrestri e navali.

 

L'anno scorso, Erdogan ha affermato che la Turchia potrebbe acquistare aerei da combattimento Su-35 e Su-57 di fabbricazione russa invece di caccia F-35 di fabbricazione statunitense.

 

Il presidente turco dell'epoca disse che la decisione era stata presa dopo aver appreso che gli Stati Uniti intendevano interrompere la partecipazione della Turchia al programma F-35 durante una conversazione telefonica con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

 

Gli Stati Uniti hanno quindi provveduto ad espellere Ankara dal programma. Hanno inoltre bloccato la consegna dei velivoli alla Turchia, compresi quelli già acquistati e pagati in anticipo. Secondo gli USA "l'F-35 non può coesistere con una piattaforma russa di raccolta di intelligence che verrà utilizzata per conoscere le sue capacità avanzate". Gli Stati Uniti sostengono che l'S-400 non sia compatibile con i sistemi NATO e minacciano le capacità stealth dei nuovi jet da combattimento.

 

L'aeronautica militare turca ora cerca disperatamente un caccia da 4,5 generazione per sostituire gradualmente i vecchi F-16 e F-4 della Turchia. Data la rivalità della Turchia con la Francia, il presidente Macron difficilmente approverà un accordo per vendere caccia Rafale a Erdogan. Anche la Turchia sarebbe imbarazzata a chiedere alla Francia i jet Rafale poiché Parigi e Ankara sono ai ferri corti.

 

La Turchia potrebbe anche cercare gli Eurofighter Typhoon dal Regno Unito, dati i legami che entrambi i paesi hanno iniziato a forgiare dopo aver firmato un accordo da 130 milioni di dollari nel 2017 per sviluppare il TF-X, tuttavia, con le sanzioni sostenute dagli Stati Uniti, sarebbe quasi impossibile, evidenzia The EurAsian Times. 

 

"La Turchia ha accennato, in varie occasioni, che avrebbe guardato alla Russia", ha detto Aaron Stein, direttore della ricerca presso il programma per il Medio Oriente del Foreign Policy Research Institute. "I russi hanno detto che ci sono stati colloqui preliminari per il Su-35, ma quei colloqui non sembrano essere mai stati portati avanti, né sembrano essere attivi in ??questo momento".

 

Allo stesso tempo, l'aviazione militare turca ha bisogno di una moderna flotta di aerei da combattimento e Ankara sarebbe costretta a guardare l'hardware russo. In questo scenario, i caccia Su-35, i Su-30SM o anche gli ultimi Su-57 sono i sostituti più allettanti per la Turchia. Ciò potrebbe ulteriormente mettere in pericolo i legami della Turchia con la NATO e persino portare alla sua sospensione.

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La guerra non conviene, mai! di Michele Blanco La guerra non conviene, mai!

La guerra non conviene, mai!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti