Crimes of the Future: la guerra per disumanizzare l'essere umano

Crimes of the Future: la guerra per disumanizzare l'essere umano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Laura RU

Su questo canale parlo molto di guerra, ma non solo di quella combattuta con armi militari. La guerra non riguarda solo la conquista e il controllo di territori mappabili, non si riduce alla geografia fisica. E' in corso una guerra per disumanizzare l'essere umano, privarlo di tutto cio' che lo rende distinguibile da un animale, trasformarlo in mera carne, ora da esibire e poi da eliminare.

Questa guerra coinvolge tutti ed e' con questa consapevolezza che sono andata a vedere l'ultimo film di David Cronenberg.

Se non avete visto Crimes of the Future, fatelo. Consiglio di andare al cinema a stomaco vuoto perche' li' riceverete molti colpi. Non aspettatevi consolazione perche' il post-umano e' orrore puro. Il film si apre con l'inquadratura di una nave affondata e termina con Viggo Mortensen che mangia una barretta di plastica. In mezzo c'e' un mondo alla deriva di corpi insensibili al dolore che vivono in ambienti degradati, tecno-utopie marce, narcisismo esibizionista, un figlio-mostro che mangia plastica, un artista la cui "arte" consiste nella generazione di nuovi organi interni senza nessuna funzione, praticamente tumori. La rimozione di queste escrescenze viene data in pasto al pubblico, come performance di body art estrema. La spettacolarizzazione delle interiora segnala la scomparsa di qualsiasi interiorita'.

La chirurgia ha sostituito il sesso perche' il corpo e' anestetizzato. Se gli esseri umani appaiono privati della loro umanita' la tecnologia viene rappresentata come mostruosamente organica. La Russia e altri paesi che resistono alla distopia del transumanesimo combattono anche per chi rifiuta il futuro distopico che le elite occidentali stanno apparecchiando.

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti