Conflitto in Ucraina: somiglianze e parallelismo con la guerra civile spagnola

Conflitto in Ucraina: somiglianze e parallelismo con la guerra civile spagnola

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


LETTERE A L'ANTIDIPLOMATICO: INVIATECI I VOSTRI COMMENTI, RIFLESSIONI, CRITICHE E SPUNTI SU QUELLO CHE LEGGETE SU L'AD A INF@LANTIDIPLOMATICO.IT

.................................................

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa riflessione giunta alla nostra redazione.


di Francesco Sobrero*


L’ evolversi dell’operazione militare speciale russa in Ucraina  può suggerire alcune considerazioni che non so quanto possano apparire “eretiche” sia a lettori di sinistra sia di destra, dato che questi termini hanno oggi un significato ambiguo.

L’andamento bellico guidato dalle gerarchie militari russe è iniziato in un modo ed è continuato poi in un altro, risultando l’avversario più agguerrito del previsto anche a causa del massiccio appoggio ricevuto dalla NATO che di fatto  ha reso gli Ucraini dei  combattenti per procura.

Le modifiche tattiche, organiche, logistiche, il potenziamento di talune produzioni belliche, lo sviluppo di certe tecnologie fatti “in corso d’opera”  sono sempre difficili, ma mi pare che i Russi li abbiano realizzati in modo abbastanza valido.

In sostanza i Russi sanno imparare dai loro errori, sia a livello tattico che strategico.

Non so cosa venga insegnato durante le lezioni di storia militare nelle accademie, prima in quelle sovietichE in cui per ragioni di età si sono formati gli attuali vertici delle forze armate, poi in quelle russe in cui si sono formati gli odierni quadri intermedi. Ma al di là delle critiche spesso di sapore propagandistico che in occidente si sono rivolte in ogni epoca all’ Armata Rossa è indubbio che in varie occasioni la strategia russa sia stata inizialmente sbagliata, ma quasi sempre il potere politico ha saputo correggersi in corso d’opera e rimediare in modo sostanziale alle carenze tattiche, logistiche, di armamento, ecc., cosa che non sempre è stata fatta in un occidente forse portato a sopravvalutare le pur importanti conquiste tecnologico-scientifiche applicate agli strumenti bellici.

Bene la guerra elettronica, gli attacchi cyber, gli aerei invisibili; ma viene sempre il momento – ed è venuto anche stavolta - che la guerra diventa trincea/assalto alla trincea, fuoco di batteria/fuoco di controbatteria, attacco al suolo/contraerea; campo minato/sminamento. Un bagno di realismo (e purtroppo di sangue) ha lambito anche le ipertecnologiche teorie belliche occidentali.

Nella storia dell’ ultimo secolo della politica sovietico-russa (uso questo termine perché c’è una certa continuità) e delle sue offensive militari portate in prima persona o “per procura” possiamo dire che i fallimenti sono stati veramente pochi: citerei la sconfitta contro i Polacchi del maresciallo Pilsudsky, ma in quegli anni il regime era nato da pochissimo; poi l’ Afghanistan, ma in quegli anni il regime era ormai entrato  in crisi e gli “amici” dei sovietici in quel paese erano veramente pochi e soprattutto infidi (Karmal, Amin, ecc…); infine la guerra di Spagna.

Ebbene, osservando questi 16 mesi di conflitto in Ucraina non ho potuto fare a meno di notare delle somiglianze con la guerra di Spagna, ma a parti invertite; nel senso che i Russi sembrano aver fatto tesoro -  oltre 80 anni dopo - di quanto portò alla vittoria dei nazionalisti contro i repubblicani da essi fortemente appoggiati con armi, consiglieri e commissari politici.

Qui qualcuno salterà sulla sedia per lesa maestà storica, ma mettiamoci calmi ed analizziamo senza tabù.

Nella fase iniziale con un colpo a sorpresa ed in modo inaspettato i nazionalisti di Queipo de Llano presero Siviglia, zona molto rossa e sicuramente lontana politicamente e geograficamente da Galizia, Navarra o Vecchia Castiglia. Similmente la grande città presa di sorpresa dai Russi nelle prime ore del conflitto è stata Kerson.

Così come in Spagna ci fu  inizialmente una puntata  contro la capitale Madrid fermata a Brunete anche perché Franco deviò volutamente parte delle sue forze per liberare l’alcazàr di Toledo, obiettivo di scarso valore strategico, ma di fondamentale rilevanza simbolica per i nazionalisti, allo stesso modo poco dopo l’inizio dell’operazione i Russi sono giunti a qualche chilometro da Kiev, ma poi, visto l’”osso duro”, si sono ritirati per concentrare gli sforzi altrove.

Dove? Principalmente a Mariupol, con un lungo e sanguinoso assedio a forze nemiche asserragliate perfino nei sotterranei della Azovstal . il che porta a ricordare l’attacco e la conquista di Oviedo dove i minatori asturiani resistettero anche nelle gallerie delle miniere. L’azione richiese grandi sforzi da parte dei nazionalisti, ma era necessaria per la continuità fra la Galizia e la Navarra. Ricorda niente sulla continuità territoriale con la Crimea?

Tra l’altro allora a fianco dell’esercito rosso combatterono parecchi volontari internazionali così come anche oggi ce ne sono tanti a fianco degli Ucraini.

Gli attacchi e contrattacchi su Bakhmut durati mesi possono ricordare i passaggi di mano di Teruel In Aragona, che finirono comunque con la presa della città da parte dei nazionalisti.

E arriviamo alle evoluzioni di oggi, che avvengono  dopo neanche un anno e mezzo  di conflitto, mentre in Spagna avvennero nel ’38, oltre due anni dopo l’inizio delle ostilità: confrontiamo la “controffensiva ucraina” e la “controffensiva dell’Ebro”. Nell’ estate di quell’anno il presidente Negrin di fronte alla lenta ma inarrestabile avanzata delle forze di Franco, anche o soprattutto  per far vedere agli “alleati” occidentali (Francia, Inghilterra, USA) che ce la poteva fare a ribaltare le sorti del conflitto decise una controffensiva nella valle dell’Ebro. Si seppe poi che il suo comandante in capo il generale Lister e, a livello di comandanti di divisione, anche il generale  El Campesino erano contrari perché non c’erano forze sufficienti, ma la politica rendeva necessario riprendere l’iniziativa.

Inizialmente il contrattacco ebbe successo anche perché i nazionalisti si attendevano un’azione più a sud-est, lungo la costa, nella zona di Castellon de la Plana, volta a ricreare la continuità fra la Catalogna ed il Levante. Invece i rossi attaccarono nell’interno, verso l’Aragona. Passarono l’ Ebro in due punti, avanzarono di oltre 20 chilometri fin davanti a Gandesa (che non presero) e lì si fermarono. Curiosamente i repubblicani  facevano affidamento su dei carri armati russi BT-7 forniti da Stalin che non dettero buona prova, anzi: nei filmati dell’epoca di parte italiana (Istituto Luce) appaiono come dei mezzi  esili, con delle torrette molto esposte e facile bersaglio delle artiglierie nazionaliste.

Anche la Cecoslovacchia (sotto influsso francese) aveva fornito delle moderne artiglierie Skoda che però non bastarono.

Aggiungiamo  che la copertura aerea fornita da Italia e Germania o direttamente (Savoia Marchetti e Junker)  o tramite fornitura di vecchi biplani Fiat all’ aviazione falangista fu anche decisiva contro l’aviazione repubblicana ormai ridotta ai minimi termini.

Esaurita definitivamente la spinta offensiva dei repubblicani, nel novembre ‘38 i nazionalisti passarono a loro volta  l’Ebro e all’inizio del 39 discesero fino a Barcellona incontrando scarsa resistenza da parte di un esercito che si era consunto inutilmente nei mesi precedenti. Negrin ed il governo fuggirono in Francia e di lì a poco Valencia, Madrid ed ultima Alicante si arresero: così finì l’avventura della repubblica spagnola.

Facciamo un gioco di sostituzione:

  • Negrin = Zelensky
  • avanzata delle forze di Franco = avanzata russa
  • far vedere agli “alleati” occidentali (Francia, Inghilterra, USA) che ce la poteva fare a ribaltare le sorti del conflitto = far vedere agli “alleati” occidentali (Francia, Inghilterra, USA, Germania) che ce la poteva fare a ribaltare le sorti del conflitto
  • controffensiva nella valle dell’Ebro = controffensiva nel Donbass
  • generale Lister = generale Zaluzhnyi
  • carri armati russi forniti da Stalin che non dettero buona prova = carri armati Leopard forniti dall’occidente che non dettero buona prova
  • Anche la Cecoslovacchia = anche l’Italia
  • aveva fornito delle moderne artiglierie = ha fornito moderni obici da 155
  • l’aviazione repubblicana ormai ridotta ai minimi termini = aviazione ucraina ormai ridotta ai minimi termini
  • I nazionalisti passarono a loro volta l’Ebro = i Russi ricacciarono gli Ucraini oltre il Dnipro
  • discesero fino a Barcellona = arrivarono fino a Kiev
  • Negrin ed il governo fuggirono in Francia = Zelensky ed il governo fuggirono in Polonia.

Al di là dei parallelismi che possono apparire forzati, ma che sono comunque abbastanza significativi, oggi i Russi sembrano aver pianificato questa campagna mirando alla conquista ed al mantenimento del territorio.

E’ noto che Franco sapeva di dover vincere militarmente, ma anche di dover preparare con un minimo di consenso un futuro governo del paese: non poteva prendere iniziative  in cui la scorciatoia militare eccessivamente violenta venisse imposta alla popolazione: era pur sempre uno spagnolo che combatteva con altri spagnoli. Ricordiamo che responsabile della distruzione di Guernica fu l’aviazione tedesca.

Più in generale l’esercito franchista conquistava paesino dopo paesino, costone dopo costone, strada dopo strada, ponte dopo ponte, respingendo i nemici e facendo in modo che la parte conquistata non venisse ripresa. Franco  ragionava come un militare – quale era per formazione – e non come un politico portato a pensare “in grande”.

Infatti si attirò l’ironia  di Mussolini che dopo l’ennesimo rifiuto di accelerare un’avanzata  disse di lui che  era “…un grande comandate di battaglione, ma non sarebbe dovuto andare oltre il grado di maggiore…”.

Merita appena ricordare che Mussolini a forza di pensare in grande finì appeso a testa in giù in un distributore   di benzina, l’altro morì di vecchiaia nel suo letto…

Mi fermo qui nell’esposizione spero non banale di quanto mi sono trovato a pensare in questi mesi.

Lungi da me l’aver voluto offendere la memoria della Spagna; spero di aver dato degli spunti di riflessione ed una chiave di lettura inusitata di quanto sta avvenendo.

*Professore liceale

Le più recenti da LETTERE A L'ANTIDIPLOMATICO

Vincoli esterni (e quelli interni) di Paolo Desogus Vincoli esterni (e quelli interni)

Vincoli esterni (e quelli interni)

Nuova strage di operai a Chieti: le fabbriche tossiche vanno chiuse! di Giorgio Cremaschi Nuova strage di operai a Chieti: le fabbriche tossiche vanno chiuse!

Nuova strage di operai a Chieti: le fabbriche tossiche vanno chiuse!

La Cia, il Covid e il cortocircuito del "debunking" di Francesco Santoianni La Cia, il Covid e il cortocircuito del "debunking"

La Cia, il Covid e il cortocircuito del "debunking"

I media "liberi" e lo sdoganamento del nazismo al Parlamento canadese di Marinella Mondaini I media "liberi" e lo sdoganamento del nazismo al Parlamento canadese

I media "liberi" e lo sdoganamento del nazismo al Parlamento canadese

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Canada, quando la toppa è peggio del buco... di Alberto Fazolo Canada, quando la toppa è peggio del buco...

Canada, quando la toppa è peggio del buco...

IL SOVRANISMO COSTITUZIONALE SPIEGATO FACILE DA LELIO BASSO di Gilberto Trombetta IL SOVRANISMO COSTITUZIONALE SPIEGATO FACILE DA LELIO BASSO

IL SOVRANISMO COSTITUZIONALE SPIEGATO FACILE DA LELIO BASSO

È NATO PRIMA IL MIGRANTE O IL TRAFFICANTE? di Michelangelo Severgnini È NATO PRIMA IL MIGRANTE O IL TRAFFICANTE?

È NATO PRIMA IL MIGRANTE O IL TRAFFICANTE?

La vera ideologia di fondo esce allo scoperto di Pasquale Cicalese La vera ideologia di fondo esce allo scoperto

La vera ideologia di fondo esce allo scoperto

Giacarta può essere sconfitta? di Federico Greco Giacarta può essere sconfitta?

Giacarta può essere sconfitta?

Seymour Hersh: Un anno di bugie sul North Stream di Paolo Pioppi Seymour Hersh: Un anno di bugie sul North Stream

Seymour Hersh: Un anno di bugie sul North Stream

Re Giorgio e le "due repubbliche" italiane di Paolo Arigotti Re Giorgio e le "due repubbliche" italiane

Re Giorgio e le "due repubbliche" italiane

L’inevitabile fine del Nuovo Ordine Mondiale di Damiano Mazzotti L’inevitabile fine del Nuovo Ordine Mondiale

L’inevitabile fine del Nuovo Ordine Mondiale

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti