Come l'SBU si è trasformata nel Mossad Ucraino dopo il Maidan - Intervista a Vassilly Prozorov

Come l'SBU si è trasformata nel Mossad Ucraino dopo il Maidan - Intervista a Vassilly Prozorov

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Clara Statello per l'AntiDiplomatico

Kiev ha condotto all'interno del suo territorio, dei territori delle Repubbliche popolari del Donbass e della Federazione Russa, azioni di sabotaggio, intelligence, incluso attentati e omicidi politici dei cosiddetti collaborazionisti. In un articolo-rivelazione pubblicato lo scorso 6 settembre da The Economist, è stata delineata una vera e propria attività di terrorismo condotta dai servizi contro i cittadini ucraini e le organizzazioni anti-maidan.

Anni prima, tuttavia, questa attività era stata ampiamente documentata da un ex agente dell'SBU, che dopo l'Euromaidan ha iniziato a collaborare con l'FSB. Nel 2017 è finalmente fuggito in Russia, dove ha fondato Ukr_leas, un portale costruito sul modello del Wikileaks di Julian Assange, con cui svolge attitivà di indagine sui crimini della junta di Kiev.

L'SBU ha detto di lui: “Questo mostro deve ricordare il destino di Giuda. Questione di tempo" Stiamo parlando dell'ex Colonnello SBU Vassilly Nicolaevich Prozorov. 


L'INTERVISTA:

Un clamoroso articolo di The Economist ha parlato dell'SBU come del Mossad ucraino, con un programma di omicidi politici mirati. Lei può confermare?

Sì. Posso confermare Ne ho già parlato più volte e ho anche fornito documenti. Si può dire che sono stato uno dei primi a menzionare le attività della 5ª Direzione del Dipartimento di controspionaggio dell'SBU,, perché conoscevo le informazioni di prima mano, per così dire, per così dire. Durante il mio lavoro nell'apparato centrale dell'SBU, ho conosciuto ufficiali che avevano prestato servizio in questa particolare unità.

 

In che momento l'SBU si è trasformata nel Mossad ucraino?

A mio parere, il paragone con il Mossad è troppo lusinghiero per l'SBU. Ebbene, tutto è cominciato subito dopo il Maidan, quando le forze di sicurezza ucraine hanno iniziato a condurre la cosiddetta "operazione antiterrorismo - ATO" nell'est del Paese. È stato allora che sono iniziati i massacri senza processo, sono apparse le prigioni illegali e la tortura e gli abusi sono diventati comuni nel lavoro dei servizi di sicurezza. Tuttavia, a mio avviso, i metodi terroristici e il lavoro di sabotaggio hanno avuto inizio nella primavera del 2015. Dopo la campagna invernale del 2014-2015, la macchina militare di Kiev era sull'orlo del collasso e gli accordi di Minsk l'hanno salvata. Convinte dell'impossibilità di sconfiggere militarmente le repubbliche del Donbass, le autorità di Kiev hanno deciso di puntare sul sabotaggio e sulle attività terroristiche, oltre che sulle operazioni di informazione e psicologiche.

Ad esempio, il 21 aprile 2015, il Comitato congiunto per le attività di intelligence sotto il Presidente dell'Ucraina ha preso la decisione di intensificare i lavori sulla creazione di gruppi di agenti di combattimento (ricognizione e sabotaggio) nel territorio delle Repubbliche del Donbass, Repubblica di Crimea e nella Federazione Russa nel suo insieme. A questi gruppi è stato affidato il compito di compiere attacchi terroristici, sabotaggi e omicidi. Allo stesso tempo, è stata prestata particolare attenzione a mascherare tali azioni come varie manifestazioni di natura criminale, lotta per il potere e così via. Fu da questo momento che la  5ª Direzione del Dipartimento di controspionaggio iniziò a funzionare nella SBU, sotto il nome di Direzione delle attività di controspionaggio attivo (DKR).



Pu
ò spiegare brevemente in che modo funzionano questi organismi dell'intelligence ucraina?

Nel 5° dipartimento DKR della SBU c'erano 3 dipartimenti, divisi per pertinenza geografica: per la Repubblica di Lugansk, per la Repubblica di Donetsk e per la Crimea. Gli ufficiali di questi dipartimenti sono stati addestrati allo spiegamento di movimenti di guerriglia, operazioni di controinsurrezione, sabotaggio e attacchi terroristici. Hanno seguito l'addestramento presso il Centro Operativo Speciale “A” della SBU, che si trova nella foresta vicino a Kiev, vicino al villaggio turistico di Koncha-Zaspa. Gli agenti particolarmente promettenti del 5° Direttorio venivano addestrati negli Stati Uniti (Fort Brag, US Special Warfare Center in North Carolina e “The Farm”, centro di addestramento della CIA statunitense,  in Virginia) e nel Regno Unito (22° Reggimento SAS, Hereford). Nelle loro attività sul territorio della DNR e della LNR, gli ufficiali della SBU hanno utilizzato agenti tra i residenti locali, appositamente addestrati per svolgere azioni specifiche. Inoltre, gli ufficiali della SBU hanno collaborato strettamente con gli ufficiali delle forze operative speciali delle forze armate ucraine (AFU). È accaduto spesso che la 5ª direzione del DKR della SBU abbia fornito agenti, sganciato esplosivi e armi nel territorio della DNR-LNR e che gli operatori della MTR (Forze per le operazioni speciali, NdR) dell'AFU abbiano eseguito azioni direttamente come è accaduto nel gennaio 2017, quando i sabotatori ucraini uccisero il capo del dipartimento di polizia della LPR, Oleg Anashchenko.



Nell'articolo si parla di persone fatte esplodere, fucilate, impiccate, avvelenate o semplicemente desaparecidos. Sembra una guerra civile. Ci pu
ò spiegare cosa è successo dopo il Maidan in Ucraina?

A mio parere, nel febbraio 2014 c'è stato un colpo di Stato a Kiev, che ha portato solo danni al popolo ucraino. Tuttavia, occorre dire che la situazione in Ucraina è iniziata a peggiorare dopo il primo Maidan del 2004 e l'ascesa al potere del presidente Yushchenko. È con lui che è iniziata l'ucrainizzazione forzata del Paese, la chiusura delle scuole in lingua russa e la glorificazione dei collaborazionisti nazisti che hanno guidato il movimento nazionalista nell'Ucraina occidentale durante la Seconda guerra mondiale. Fu Yushchenko a conferire il titolo di eroe dell'Ucraina a Roman Shukhevych, che aveva prestato servizio nella Wehrmacht nazista dal 1938 e che nel 1941, con il grado di Hauptmann - nel battaglione sovversivo "Nachtigal" - partecipò agli omicidi di massa nell'Ucraina occidentale, compresi gli ebrei di Leopoli. A sua volta, va detto che nell'est e nel sud dell'Ucraina, e anche nelle regioni centrali, il movimento nazionalista è stato trattato esclusivamente come criminale.. E Yushchenko, con tali iniziative, ha iniziato a dividere il Paese.

Il Paese si è definitivamente diviso dopo il Maidan del febbraio 2014. I leader del Maidan che sono saliti al potere hanno effettivamente vietato la lingua russa in uno dei loro primi decreti e hanno continuato a tagliare tutti i legami con la Russia. La stragrande maggioranza degli ucraini aveva e ha legami familiari, di amicizia e commerciali con la Russia. Le successive proteste della popolazione russofona si sono concluse con il massacro di Odessa del 2 maggio 2014. In quell'occasione, secondo i dati ufficiali, sono state uccise quasi 50 persone tra i sostenitori dell'amicizia con la Russia. A proposito, finora le autorità di Kiev non hanno indagato su questo reato. Così come nessuno ha fatto il nome di chi ha sparato sulla Maidan, dove oltre ai manifestanti sono stati uccisi decine di agenti delle forze dell'ordine. In seguito, il Paese ha avviato cambiamenti radicali volti a rompere ogni legame con la Russia, a glorificare i criminali nazisti, a violare i diritti dei suoi cittadini a vantaggio dei Paesi occidentali. Nello stesso periodo sono nate le prime unità di volontari di orientamento apertamente nazista, che hanno iniziato a massacrare, stuprare e derubare la popolazione dell'est del Paese nella zona ATO.



Valentin Nalivaychenko ha chiesto a The Economist di rettificare l'affermazione Siamo giunti con riluttanza alla conclusione che dovevamo eliminare le persone in eliminare i terroristi.  Chi erano in realtà le vittime di queste persecuzioni politiche?

Dal 2014, decine di persone sono state uccise dagli agenti della SBU. Erano sia militari che civili. Si possono ricordare i famosi comandanti militari del Donbass “Motorola”, “Givi”, Mozgovoy, il presidente della DNR Alexander Zakharchenko, il capo della polizia della LNR Oleg Anashchenko. Appena dopo l'inizio della SVO (operazione speciale militare, NdR) dietro gli omicidi della giornalista civile Daria Dugina e di Denis Kireev, un funzionario di Kiev membro del gruppo negoziale Russia-Ucraina. E questa è solo una piccola parte degli esempi delle loro attività.



E' a conoscenza dell'atteggiamento dei servizi di intelligence dell'Occidente collettivo nei confronti di questi omicidi chirurgici?

I dipendenti dei servizi segreti occidentali hanno addestrato direttamente i dipendenti della 5ª direzione DKR della SBU a compiere attacchi terroristici e omicidi, e talvolta hanno persino pianificato congiuntamente tali azioni. Per confermare ciò, citerò ancora una volta come esempio il verbale della riunione del comitato congiunto per le attività di intelligence sotto la presidenza dell'Ucraina del 21 aprile 2015, dove il paragrafo 5 afferma chiaramente che la SBU dovrebbe organizzare la formazione di tali gruppi con il coinvolgimento di specialisti stranieri. Inoltre, sono stati i servizi segreti occidentali a farsi carico della fornitura agli ufficiali della SBU di tutte le attrezzature necessarie per attività di sabotaggio e terrorismo, compresi orologi e torce elettriche.



Con il suo progetto Ukr Leaks lei ha investigato sui crimini compiuti dalla junta di Kiev. In particolare mi ha molto impressionato la prigione segreta dentro l'aeroporto di Mariupol, chiamata Biblioteca, dove i prigionieri chiamati glibrih venivano atrocemente torturati. Mi ha ricordato le carceri segrete del regime di Pinochet, come lo Stadio Nacional, il Quartel Terranova o Colonia Dignidad. Cosa succedeva agli ucraini che finivano nella Biblioteca?

Tutti coloro che sono finiti nella “biblioteca” possono essere divisi in tre gruppi. Il primo riguarda le persone cadute accidentalmente nelle mani di battaglioni di volontari o di altre unità ucraine. Per esempio, avete espresso il vostro malcontento nei confronti delle autorità di Kiev sull'autobus, ma un passeggero dalla mentalità nazionalista l'ha sentito e l'ha detto ai nazisti a un posto di blocco; avete conservato immagini dell'emblema russo o della bandiera della vittoria nella Grande Guerra Patriottica nel vostro cellulare, ma una pattuglia di militanti di Azov o Dnipro ha controllato il vostro telefono per strada. Queste persone venivano portate nella "Biblioteca", dove gli agenti dell'SBU le hanno confrontate con i database e hanno condotto altre attività di verifica. Di solito, se non veniva trovato materiale compromettente su una persona, questa veniva rilasciata dopo 4-5 giorni. Venivano portati con una sacco in testa in un posto fuori città e gettati fuori dall'auto in un luogo deserto. Queste persone non venivano sottoposte a torture particolari, ma solo a un "trattamento" di routine durante i primi colloqui.

Un'altra categoria di persone è quella dei commercianti. Dall’autunno del 2014, quando a Mariupol si era già diffusa la terribile fama della “Biblioteca”, gli agenti di polizia corrotti e la SBU hanno iniziato a utilizzare la “Biblioteca” per intimidire chi stava in affari. Nell’ottobre 2014, la permanenza di un commerciante in questa prigione per un giorno costava 300 dollari. Naturalmente, dopo 3-4 giorni, chi si trovava in tali condizioni era pronto a fare qualsiasi cosa per essere rilasciato: intestare la propria attività, modificare i termini dei contratti e semplicemente pagare una grossa somma per la sua libertà. E la terza categoria è quella delle persone che gli agenti dell'SBU sospettavano di collaborazionismo con le strutture statali russe o della DNR. Venivano rinchiuse nella "Biblioteca" dopo che l'SBU le seguiva e identificava i loro collegamenti e contatti. Queste persone sono state torturate in modo molto severo e disumano. Per loro c'erano solo due possibilità: o morire o essere processati e condannati in trubunale.



Sia Budanov che Gerashenko hanno pi
ù volte dichiarato che i servizi speciali ucraini  possono colpire i nemici della Nazione anche fuori dal territorio. Lei ritiene che questi attentati e assassini mirati possano avvenire anche in Europa, contro giornalisti, politici, intellettuali, artisti attivisti non ucraini che Kiev considera filorussi?

In linea di massima questo è assolutamente possibile. Dato il crescente sentimento negativo in Europa, il regime di Kiev potrebbe intraprendere la strada dell’intimidazione dei suoi oppositori tra giornalisti o politici. Inoltre, tali azioni si adatteranno bene all'immagine mediatica delle autorità di Kiev per il pubblico ucraino, grazie alla quale nascondono la reale situazione, ad esempio l'insuccesso sul campo di battaglia. Tuttavia, ufficialmente, il regime di Kiev negherebbe tali azioni con la massima fermezza, cercando di scaricare la responsabilità su altri responsabili per non causare il malcontento delle autorità e della società occidentali.

 

Lei è sulla lista nera, teme per la sua vita?

Sì, certo. In generale, va detto che dopo la mia partenza a Kiev sono stati aperti diversi procedimenti penali contro di me, anche per alto tradimento, traffico illegale di armi e diserzione. Tuttavia, poiché sono riuscito a scappare da sotto il naso della SBU, non hanno fatto subito storie. Sono stato semplicemente inserito nella lista dei ricercati. Un anno dopo la mia partenza, però, il 25 marzo 2019, sono intervenuto in una conferenza stampa a Mosca, dove ho raccontato i crimini del regime di Kiev di cui ero venuto a conoscenza. Quindi, sui media ucraini sono apparsi molti articoli su di me, in cui venivo accusato di crimini terribili e di ogni sorta di fango. Ad ogni modo, dopo un po' il clamore mediatico di nuovo si placò.

 

Il punto è che la menzione delle mie attività ricorda ai servizi segreti ucraini un grave fallimento. Per questo motivo cercano di non menzionarmi affatto nei media, mentre allo stesso tempo cercano sistematicamente di eliminarmi fisicamente. E, naturalmente, sono presente sul sito assolutamente illegale “Myrotvorets”, gestito da sostenitori dei nazionalisti ucraini.

Per quanto riguarda la paura, no, non ho paura. Lascia che i nemici abbiano paura delle mie rivelazioni e comprendano che non potranno sfuggire alla risposta.

 

 

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti