CNA: circa 200 consiglieri statunitensi sono attualmente a Taiwan

CNA: circa 200 consiglieri statunitensi sono attualmente a Taiwan

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Circa 200 consiglieri militari statunitensi sono attualmente di stanza nelle basi di Taiwan, ha riferito la Central News Agency, citando fonti all'interno delle forze armate.

Secondo le fonti, i consiglieri statunitensi sono stati assegnati principalmente a campi di addestramento e brigate di riserva per osservare i protocolli di Taiwan e fornire consulenze pratiche sui metodi di addestramento.

Gli input dei consiglieri statunitensi saranno successivamente utilizzati per aiutare Taiwan a formulare una migliore formazione quando il servizio militare obbligatorio sarà esteso a un anno nel 2024, hanno aggiunto le fonti.

Alla richiesta di commentare, il quartier generale del comando dell'esercito ha rifiutato di fornire dettagli sulla presenza di truppe statunitensi, affermando solo che qualsiasi affare che comporti scambi tra Taiwan e un esercito straniero segue i regolamenti.

I media locali hanno iniziato a riferire di avvistamenti di consiglieri statunitensi già dal 27 marzo in una base nel distretto di Gangshan a Kaohsiung.

Parlando con CNA, Chieh Chung, ricercatore associato presso la National Policy Foundation di Taipei, ha spiegato che se i consiglieri statunitensi fornissero alla nazione miglioramenti pratici, l'esercito di Taiwan farebbe passi da gigante.

Chieh ha ricordato che l'esercito americano ha molta familiarità lo strategic shooting e l'addestramento medico sul campo di battaglia, entrambi i quali potrebbero avvantaggiare i coscritti.

Nel frattempo, Su Tzu-yun, un ricercatore presso l'Istituto per la ricerca sulla difesa e la sicurezza nazionale finanziato dal governo di Taiwan, ha ribadito che il dispiegamento di consiglieri, principalmente dell'esercito degli Stati Uniti, fa parte degli sforzi di Washington per soddisfare le ambizioni di il National Defense Authorization Act degli Stati Uniti per l'anno fiscale 2023, che cerca di approfondire gli scambi militari con Taiwan e rafforzare le sue capacità di difesa.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti