Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni)

Chi uccide veramente la cultura (da 30 anni)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La crisi dell'Europa è una crisi culturale più che finanziaria e politica. Le fondamenta dell'Europa sono state costruite irresponsabilmente su un ordine del discorso economicista (peraltro senza alcun fondamento scientifico). Parametri contabili elevati a principi quasi religiosi. Questi parametri e questo ordine del discorso ci ha condannato all'irrilevanza nei settori più promettenti. Il problema è l'assenza di principi etici, morali, esistenziali che sono alla base di qualsiasi stato o entità che avrebbe l'ambizione di diventare stato. Tutto è stato sacrificato a dei parametri contabili peraltro espressi con la raffinatezza di un ragioniere ubriaco.
 
L'ordine del discorso economicista a cascata ha invaso qualsiasi ambito; tutto andava sacrificato nel nome di parametri contabili.
 
Questa visione ha mostrato la corda a livello culturale e politico dimostrandosi totalmente errata anche dal punto di vista economico stante l'attuale arretratezza che, ripeto, è non solo tecnologica, ma anche scientifica, ma anche giuridica ma anche di teoria economica.
 
Ma voi vi immaginate in Usa che non permettono ricerche in un determinato settore (computer science, matematica ma anche arte, filosofia, psicologia ecc.) perchè costano troppo e i ragionieri s'arrabbiano? Impensabile, infatti sono avanti e lì i ragionieri vengono trattati per quello che sono: degli studiosi di secondo o terz'ordine. Mentre qui s'impicciano di tutto senza capire una mazza. Totalitarismo economicista. Ne abbiamo avuto un esempio grottesco con la cosiddetta Commissione Colao dove 15 economisti cianciavano di "rebranding della cultura italiana". Ma voi vi rendete conto? Colao che fa il rebranding a Caravaggio e a Michelangelo? Oppure dove cianciavano, senza alcuna competenza in ambito medico (peraltro compiendo un reato, perchè l'esercizio abusivo di professioni mediche è tale) di servizi psicologici. Dei ragionieri? Roba da matti.
 
Bene, una simile sclerosi è tutto cascame culturale del trattato di Maastricht. Se tutto si decide sulla base di parametri ragionieristici è chiaro che i ragionieri s'impicciano di tutto senza capire nulla anche nei singoli stati.
 
Se non si capisce che è urgente reimpostare a livello culturale l'ordine del discorso dando spazio ad altri saperi, ad altri punti di vista l'Europa e le nazioni che la compongono moriranno d'inedia e di sclerosi. Da qui parte tutto il disastro.

Giuseppe Masala

Giuseppe Masala

Giuseppe  Masala, nasce in Sardegna nel 25 Avanti Google, si laurea in economia e  si specializza in "finanza etica". Coltiva due passioni, il linguaggio  Python e la  Letteratura.  Ha pubblicato il romanzo (che nelle sue ambizioni dovrebbe  essere il primo di una trilogia), "Una semplice formalità" vincitore  della terza edizione del premio letterario "Città di Dolianova" e  pubblicato anche in Francia con il titolo "Une simple formalité" e un  racconto "Therachia, breve storia di una parola infame" pubblicato in  una raccolta da Historica Edizioni. Si dichiara cybermarxista ma come  Leonardo Sciascia crede che "Non c’è fuga, da Dio; non è possibile.  L’esodo da Dio è una marcia verso Dio”.

 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti