Carri armati M1 Abrams in Ucraina: i dubbi degli esperti su efficacia e vulnerabilità

Carri armati M1 Abrams in Ucraina: i dubbi degli esperti su efficacia e vulnerabilità

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I carri armati che l’Occidente si appresta a fornire al regime di Kiev vengono presentati come game-changer. Armamenti in grado di cambiare nettamente la situazione sul campo dove adesso le truppe ucraine sono costrette sulla difensiva con russi e alleati che avanzano verso la completa liberazione del Donbass. 

Ogni qualvolta i paesi occidentali hanno fornito nuove armi pesanti al regime di Kiev ci è stato detto che queste nuove forniture belliche sarebbero state capaci di mutare la situazione sul campo di battaglia. 

Sarà vero per i carri armati?

I carri armati statunitensi M1 Abrams che Washington ha deciso di consegnare a Kiev come aiuto militare hanno delle debolezze che hanno permesso di annientarli con le armi sovietiche, tra cui i carri armati T-55, durante il conflitto in Iraq, ha dichiarato giovedì alla TASS l'esperto di corazzature, laureato in Scienze Militari, colonnello in pensione Sergey Suvorov.

I carri armati M1 Abrams possono anche essere difficilmente riparati sul campo e sono poco adatti a operare su terreni polverosi come in Ucraina, ha aggiunto l'esperto.

I carri armati Abrams hanno ripetutamente dimostrato la loro vulnerabilità durante le ostilità in Iraq, ha sottolineato l'esperto. "Come dimostra l'esperienza di combattimento in Iraq, sono andati in fiamme. La torretta del carro armato è stata perforata da un proiettile perforante da 100 mm sparato da un carro armato T-55. Ci sono stati casi in cui i veicoli Abrams sono stati colpiti dai cannoni automatici dei Bradley e dei nostri veicoli da combattimento di fanteria BMP-2", ha spiegato l’esperto. 

Si conoscono anche casi in cui il carro armato USA è stato distrutto dalle prime modifiche sovietiche dei carri armati T-72 che sparavano proiettili vecchi "che erano stati ritirati dall'uso operativo ancora prima che il concetto di Abrams fosse ideato", ha affermato Suvorov.

L'esperto ha anche sottolineato i casi in cui i carri armati Abrams sono stati spazzati via dai lanciagranate anticarro RPG-7.

Un impianto di alimentazione supplementare installato nella parte posteriore della torretta per alimentare i moderni sistemi elettronici è un altro punto debole delle successive modifiche dei carri armati statunitensi, ha poi dichiarato l'esperto. "Era ricoperto da una corazza in grado di resistere ai proiettili dei fucili d'assalto, ma è vulnerabile a una mitragliatrice DShK da 12,7 mm. È stato colpito da una DShK e il suo motore è stato distrutto, l'olio e il carburante sono andati in fiamme e si sono riversati sul motore principale situato sotto. Il motore principale è andato in fiamme e poi il carro armato stesso è andato in fiamme ed è bruciato”. 

L'esperto ha detto che il carro armato americano non ha quasi nessuna possibilità di vincere un duello con i carri armati russi.

"Se un Abrams emerge a grande distanza, un T-72 o un T-90 spareranno un missile anticarro e possiamo dire che l'Abrams non avrà nemmeno la possibilità di sparare un colpo, perché il suo raggio di tiro non glielo permetterà", ha spiegato.

Tuttavia, l'efficienza finale del carro armato statunitense dipende dalle capacità del comandante di farlo funzionare e dagli equipaggi addestrati. 

L’osservatore militare Viktor Baranets ha individuato alcuni punti deboli dei carri armati statunitensi: 

- Fianchi con armatura debole, vulnerabili anche ai vecchi lanciagranate. E la parte posteriore del carro armato - anche per i cannoni BMP.

- Nessun armamento guidato, a differenza della maggior parte dei carri armati moderni (il che riduce la portata del fuoco).

- Può essere colpito dalla torretta del propulsore ausiliario a poppa anche con una mitragliatrice di grosso calibro.

- Impossibile azionare la mitragliatrice antiaerea dalla torretta.

- Facilmente colpibili dall'alto con munizioni di alta precisione.

"L'Abrams è una macchina seria ma estremamente pesante, più pesante di tutti i suoi ‘compagni di classe’. Pesa fino a 68 tonnellate.

Gli statunitensi sostengono che in questo modo gli Abrams sono più protetti. La sua armatura è considerata la migliore della categoria (gli USA hanno sempre tutte le cose "migliori del mondo"). Ma lo sono soprattutto sulla parte frontale del serbatoio. E i missili anticarro vengono utilizzati, di norma, lateralmente. Dove l'armatura è più sottile. Così, ad esempio, i ribelli yemeniti Houti hanno distrutto almeno 20 Abrams.

A causa del suo peso elevato, il serbatoio ha un’autonomia ridotta ed è estremamente vorace.

Il grande vantaggio dell'Abrams è che i suoi proiettili perforanti sono più efficaci e sono stati sviluppati di recente, mentre i nostri sono stati sviluppati ai tempi dell'URSS”.

L’esperto continua la sua disamina chiedendosi come si comporteranno questi tank in Ucraina: “Infine, non è chiaro come si comporterà l'Abrams nelle condizioni ucraine. Finora sono stati testati in battaglia solo in Medio Oriente. Nelle sabbie. E in Ucraina è l'inverno, neve e ghiaccio o fango impraticabile. C'è un video in Internet che mostra come "Abrams" non riesca a salire sulla collina innevata e scivoli all'indietro”.

Uno dei maggiori esperti militari russi, Viktor Murakhovsky, è convinto che i carri armati della NATO non siano adatti a combattere in Ucraina: “Il 55% dell'Ucraina è considerato terreno chiuso, con un raggio d'azione inferiore a 500 metri. Le distanze fino a 2.000 e 2.500 metri rappresentano solo il 16% del territorio. Inoltre, non tutti i carri armati della NATO, a differenza di quelli russi, sono dotati di protezione dinamica contro le munizioni a carica sagomata. Tenendo conto di questi due fattori, i carri armati occidentali saranno tranquillamente penetrati dai cannoni russi”.

Difetti strutturali e operativi

A parte la necessità di riempire i serbatoi degli Abrams con carburante pulito, essi presentano anche difetti operativi più gravi. In particolare, non possono essere riparati sul campo, ha affermato l'esperto Sergey Suvorov.

"Le riparazioni sono un grosso problema. Se qualcosa si rompe nel propulsore, questo deve essere estratto dal serbatoio, portato in un'officina speciale con personale specializzato, scollegato dalla scatola degli ingranaggi e solo allora riparato".

Il sistema di aspirazione dell'aria dei carri armati Abrams di produzione statunitense è un'altra vulnerabilità, ha sottolineato l'esperto. "Sono dotati di un filtro dell'aria che funziona in modo simile a quello installato nei veicoli a motore: se si intasa, deve essere tolto e pulito. Nel frattempo, tutti i nostri carri armati sono dotati di collettori di polvere a ciclone che sono dispositivi piuttosto intelligenti", ha detto l'esperto, aggiungendo che un filtro Abrams è stato sufficiente per soli 15 minuti di movimento del carro armato lungo il terreno polveroso durante la campagna in Iraq.

Questo potrebbe essere un grosso ostacolo nell'impiego dei carri armati Abrams nella zona dell'operazione militare speciale in Ucraina, ha avvertito l'esperto. "È ancora possibile operare in inverno, ma l'estate in Ucraina è piuttosto polverosa".

Il tasso di fuoco dell'Abrams diminuisce dopo i primi tre o quattro colpi a causa del suo sistema di caricamento separato. In secondo luogo, il principio di funzionamento del veicolo nordamericano è inferiore a quello di altri carri armati occidentali e ridurrà ulteriormente l'efficienza dell'equipaggio, ha sottolineato l'esperto.

"In un carro armato Leopard, il caricatore sta in piedi, mentre i progettisti dell'Abrams hanno cercato di ridurre l'altezza del carro armato e il caricatore all'interno del veicolo opera piegato in basso, il che non è del tutto comodo”. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti