Attacco ucraino a Sebastopoli: bilancio vittime sale a 5. La Russia accusa gli USA

Attacco ucraino a Sebastopoli: bilancio vittime sale a 5. La Russia accusa gli USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il bilancio delle vittime dell'attacco delle forze armate ucraine a Sebastopoli è salito a cinque persone: due adulti e tre bambini sono rimasti vittime dell'attacco terroristico. Lo ha annunciato il governatore Mikhail Razvozhaev.

“A seguito dell’attacco terroristico del regime di Kiev contro la città di Sebastopoli, avvenuto d’estate durante una giornata di vacanza con il bel tempo, mentre la gente si rilassava sulla spiaggia, con munizioni a grappolo di fabbricazione statunitense, purtroppo attualmente abbiamo 124 vittime, compresi tre bambini e due adulti morti", ha reso noto.

Inoltre, cinque bambini sono in terapia intensiva. Il governatore ha assicurato che i minori feriti saranno trasferiti negli ospedali di Mosca e che l'aereo dalla capitale è già in viaggio.

In precedenza erano stati segnalati tre decessi: un adulto e due bambini.

Secondo il governatore, il presidente russo Vladimir Putin ha espresso le sue condoglianze e sono stati impartiti tutti gli ordini necessari.

Nel pomeriggio di domenica 23 giugno, le forze armate ucraine hanno attaccato Sebastopoli con missili ATACMS di fabbricazione nordamericana. Il colpo principale è caduto sulla spiaggia di Uchkuevka.

Il comitato investigativo (IC) della Russia ha aperto un procedimento penale ai sensi dell'art. 205 del Codice Penale della Federazione Russa (“Atto terroristico”). La rappresentante ufficiale del Ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha definito questo attacco delle Forze Armate ucraine un "crimine rituale", perché l'Ucraina lo ha compiuto nel Giorno della Santissima Trinità.

Accuse agli USA

Washington è responsabile dell'attacco ucraino alla penisola russa di Crimea con missili ATACMS, che ha causato almeno cinque morti e più di 100 feriti, perché "ha fornito queste armi all'Ucraina", ha dichiarato il ministero della Difesa russo.

"Tutte le assegnazioni di volo dei missili tattici operativi statunitensi ATACMS sono inserite da specialisti USA sulla base dei dati di intelligence satellitare degli Stati Uniti", spiega l'agenzia. 

"Pertanto, la responsabilità dell'attacco missilistico deliberato contro la popolazione civile di Sebastopoli è principalmente di Washington, che ha fornito queste armi all'Ucraina, e del regime di Kiev, dal cui territorio è stato lanciato l'attacco", ha aggiunto, avvertendo che "queste azioni non rimarranno senza risposta". 

In precedenza, la portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha denunciato Kiev per aver deliberatamente scelto il giorno della festa ortodossa della Santissima Trinità per bombardare la Crimea.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti