Argentina: le conseguenze della rinuncia all'adesione ai BRICS decisa da Milei

Argentina: le conseguenze della rinuncia all'adesione ai BRICS decisa da Milei

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La decisione del governo ultraliberista dell’Argentina di non aderire al blocco dei BRICS è stata principalmente "pratica", poiché il Paese ha gravi problemi economici e per risolverli è più conveniente cooperare con le "democrazie liberali", con le quali Buenos Aires ha "maggiori opportunità", ha dichiarato il ministro degli Esteri del governo mIlei, Diana Mondino, in un'intervista rilasciata al quotidiano La Nación. 

Alla domanda se la decisione di rifiutare l'adesione al blocco fosse "ideologica o pratica", ha risposto: "Entrambe le cose. Ma fondamentalmente pratica". "L'Argentina ha una serie di problemi economici molto grandi e l'obiettivo dei BRICS è quello di commerciare con Paesi con i quali abbiamo già relazioni commerciali", ha aggiunto la diplomatica.

Allo stesso tempo, secondo Mondino, il governo argentino è favorevole alle alleanze con le "democrazie liberali", come Stati Uniti, Israele, Canada, Australia e i Paesi dell'Unione Europea. "Questi sono i Paesi con i quali abbiamo maggiori possibilità di utilizzare i nostri mezzi politici, economici e commerciali e di collaborare per crescere. L'economia deve crescere, abbiamo bisogno di esportare di più, abbiamo bisogno di più tecnologia, abbiamo bisogno di scambi di studenti, abbiamo bisogno di molte cose che abbiamo già con i Paesi BRICS", ha spiegato.

In precedenza, il presidente argentino Javier Milei aveva inviato una lettera ai presidenti dei Paesi BRICS, che comprendono Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica, in cui li informava che al momento il suo Paese non ritiene opportuno aderire al gruppo. 

Il presidente ha indicato che "alcune decisioni prese dalla precedente amministrazione saranno riviste". "A questo proposito, vorrei informarvi che in questo caso l'incorporazione della Repubblica Argentina nei BRICS come membro a pieno titolo a partire dal 1° gennaio 2024 non è considerata opportuna", ha scritto Milei nella missiva.

Le conseguenze

La mancata adesione dell’Argentina ai BRICS, nonostante le fallaci giustificazioni addotte da Milei e Mondino, avrà impatti negativi significativi sull’economia e sulla posizione internazionale del paese. I paesi BRICS sono emersi come grandi potenze economiche negli ultimi anni, e l’esclusione dell’Argentina da questo influente gruppo ostacola oggettivamente la sua capacità di attingere a nuovi mercati e sbloccare potenziali fonti di investimento. Questo può aggravare le continue difficoltà economiche dell’Argentina e la sua incapacità di affrontare efficacemente il mutevole panorama economico globale.

La mancata adesione dell'Argentina ai BRICS limita il suo accesso a nuovi mercati. I paesi BRICS sono diventati importanti partner commerciali per molti paesi in tutto il mondo, offrendo enormi opportunità di crescita economica. Non facendo parte di questo gruppo, l’Argentina perde l’opportunità di promuovere legami economici più stretti ed espandere le proprie esportazioni verso questi mercati in forte espansione. Questa mancanza di diversificazione lascia l’economia argentina vulnerabile agli shock e alle fluttuazioni esterne, esacerbandone ulteriormente l’instabilità economica.

L’auto-esclusione dell’Argentina dai BRICS comporta implicazioni negative sulla sua capacità di attrarre investimenti esteri. I paesi BRICS hanno attratto significativi investimenti esteri grazie alla loro rapida crescita economica e ai vasti mercati di consumo. L’adesione a questo gruppo avrebbe segnalato l’impegno dell’Argentina verso la riforma economica e avrebbe fornito una piattaforma per attrarre investitori stranieri che cercavano di sfruttare il potenziale del paese. Senza far parte dei BRICS, l’Argentina faticherà molto a infondere fiducia negli investitori internazionali, portando a un calo degli investimenti diretti esteri e a una persistente stagnazione economica.

Inoltre, la mancata adesione dell’Argentina ai BRICS influisce notevolmente sulla sua posizione e influenza internazionale. I paesi BRICS hanno effettivamente utilizzato il loro potere collettivo per modellare le agende economiche globali e sfidare il dominio delle potenze occidentali in declino. Questa esclusione limita la capacità dell’Argentina di influenzare le politiche e le decisioni economiche globali, lasciandola ai margini dei principali dibattiti internazionali. Di conseguenza, la voce del Paese sarà emarginata, ostacolando la sua capacità di difendere efficacemente i propri interessi e di partecipare alla definizione dell’ordine economico globale.

Dunque, la non adesione dell'Argentina ai BRICS avrà diversi impatti negativi sulla sua economia e sulla sua posizione internazionale. Perdere le opportunità offerte da questo influente gruppo ha limita l’accesso dell’Argentina a nuovi mercati, ostacola la sua capacità di attrarre investimenti esteri e diminuisce la sua influenza internazionale, anche alla luce del fatto che Milei lega l’Argentina al declinante Occidente che ha intenzione unicamente di utilizzare l’Argentina per sfruttarne le risorse e per i propri interessi egemonici. 

Il parere degli esperti 

Il quotidiano argentino Pagina|12 ha raccolto i pareri di una serie di esperti sulla scellerata decisione presa dal governo di Javier Milei. 

Gabriel Merino, ricercatore del Conicet, ritiene che "si tratta di una decisione deplorevole, tipica di una politica estera ultra-ideologizzata". Il blocco dei BRICS esprime il mondo emergente che sta crescendo, in contrasto con la relativa stagnazione della maggior parte dell'Occidente e del Nord globale. Dal 2020, i BRICS hanno superato il Gruppo dei Sette (Stati Uniti, Giappone, Germania, Italia, Francia, Regno Unito e Canada) come percentuale del PIL mondiale.

Merino ricorda che "secondo il FMI, la Cina e l'India, le principali economie del blocco, rappresenteranno il 50% della crescita dell'economia mondiale nel 2023, il 35% e il 15%, rispettivamente".

Nemmeno Bolsonaro ha osato sbattere la porta alla Cina, poiché il Brasile, durante la sua presidenza, è rimasto all'interno del blocco. In seguito, Lula ha compiuto uno sforzo diplomatico per convincere le potenze emergenti a prendere in considerazione l'ingresso dell'Argentina.

L'esperta di relazioni internazionali Julieta Zelicovich analizza che "l'improvvisazione è la risposta associata alla negazione del cambiamento. Si verifica quando i governi presumono che le 'vecchie maniere' siano ancora valide, anche se il terreno è cambiato". Nel suo account su X, la ricercatrice sostiene che "la mancata adesione ai BRICS fa parte di una lettura errata delle dinamiche prevalenti sulla scena internazionale. In questo caso vale il detto ‘non lo vedono’. Un ordine internazionale in transizione, che richiede altri tipi di alleanze se si vuole perseguire lo sviluppo del Paese".

L'ex direttore della Banca Centrale dell’Argentina, Jorge Carrera, sostiene che la decisione è "una mancanza di rispetto, soprattutto nei confronti di Cina e Brasile, che hanno spinto per il nostro ingresso. L'infantilismo di ideologizzare eccessivamente (a destra o a sinistra) le relazioni internazionali, subordinando così gli interessi nazionali dell'Argentina, è un grande errore. In questo, Bolsonaro e Itamaratí hanno dimostrato una maggiore intelligenza a lungo termine".

In un articolo pubblicato sul supplemento Cash, l'ex direttore dell'INTI, Enrique Mario Martínez, ha spiegato perché il Paese ha grandi opportunità in termini di cooperazione tecnologica, edilizia, alimentazione, economia della conoscenza e agricoltura, basate su un rapporto più stretto con i BRICS.

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo di Geraldina Colotti Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti