Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La polizia danese, che, insieme al servizio di sicurezza e intelligence del paese (PET), ha condotto un’indagine sull’esplosione  dei gasdotti Nord Stream avvenuto nel settembre 2022, ha annunciato il 26 febbraio che il caso verrà chiuso perché “non ci sono ragioni sufficienti per avviare una causa penale in Danimarca”. 

L’annuncio d Copenaghen arriva poco più di due settimane dopo che anche la Svezia ha deciso di chiudere la propria indagine in merito, concludendo che “la giurisdizione svedese non si applica” al caso.

Quindi chi dovrebbe indagare? La Svezia ha detto di non essere competente, la Danimarca che non ci sono ragioni sufficienti per avviare una causa penale.

Il comunicato pubblicato dalla polizia danese specifica che le esplosioni nei gasdotti Nord Stream 1 e 2 “si sono verificate al di fuori delle acque territoriali danesi” e che, durante l’indagine “complessa ed esaustiva”, le autorità del paese “hanno collaborato con i partner stranieri”, riporta RT.

“L’indagine ha portato le autorità a concludere che c’è stato un sabotaggio deliberato contro i gasdotti. La valutazione, tuttavia, è che non ci sono ragioni sufficienti per avviare un caso penale in Danimarca. Ecco perché la polizia di Copenaghen ha deciso di concludere l’indagine penale sulle esplosioni”, si legge nel documento.

La polizia danese conclude sottolineando che “non può fornire ulteriori commenti e non sarà disponibile per interviste sull’indagine”, quindi non sapremo mai cosa hanno eventualmente scoperto.

Il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov ha definito la decisione delle autorità danesi di concludere l’indagine come “assurda”, soprattutto considerando che “ammettono che è stato un sabotaggio”. “È ovvio che durante l’indagine, hanno iniziato a scoprire che i loro alleati più stretti sono coinvolti”, ha aggiunto.

Allo stesso modo, Peskov ha sottolineato che Mosca ha ripetutamente chiesto a Copenaghen informazioni sull’indagine sul sabotaggio, ma le autorità danesi le hanno negate. Ad oggi, la parte russa non ha ancora potuto accedere a questi dati, ha sottolineato.

Andrea Puccio

Andrea Puccio

Andrea Puccio - www.occhisulmondo.info

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti