Amazon traccia ogni minuto del "tempo libero da attività" dei suoi lavoratori

Amazon traccia ogni minuto del "tempo libero da attività" dei suoi lavoratori

Stephanie Amador / The Tennessea / Legion-Media

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Amazon traccerebbe i movimenti e registrerebbe ogni minuto del cosiddetto "tempo libero da attività" dei suoi lavoratori attraverso gli scanner portatili che usano per tracciare i pacchi dei clienti e le persone accusate di perdere tempo durante l'orario di lavoro, secondo ai documenti interni ottenuti da Vice che li ha pubblicati ieri.

Questi rapporti, che sono stati depositati presso il National Labor Relations Board nel contesto di una controversia presso il magazzino JFK8, il più grande dell'azienda a New York e recentemente sindacalizzato, indicano che se un dipendente accumula da 30 a 59 minuti di inattività in un anno, si riceve un primo avviso scritto, ma se arrivi a 60-119 minuti in un solo giorno o accumuli un avviso e altri 30-59 minuti nello stesso anno, puoi essere licenziato. 

Inoltre, da quello che emerge il colosso statunitense dell'e-commerce tiene traccia del numero di minuti che i suoi dipendenti trascorrono in bagno, parlando con i colleghi o andando al piano sbagliato. In una delle tabelle allegate agli atti sono stati registrati anche undici minuti durante i quali uno degli operai ha dichiarato di “non ricordare quello che stava facendo. 

Allo stesso modo, nel 2019 Amazon ha chiesto ai manager di JFK8 di identificare il "top offender" per ogni turno calcolando i tempi di inattività attraverso il suo scanner di articoli. Dopo aver riconosciuto quella persona, avrebbero dovuto interrogarla sulla loro ubicazione per ogni timestamp registrato nel sistema come improduttivo e sanzionarli, se ritenuto appropriato.  

Durante tale interrogatorio, il dirigente poteva chiedere al dipendente "se esistessero vere barriere che giustifichino la detrazione del tempo" qualificato come inattivo. Inoltre, Amazon utilizza anche i filmati delle telecamere di sorveglianza per corroborare le affermazioni dei lavoratori sulla loro ubicazione. Secondo una delle liste rivelate, 18 persone sono state licenziate dal magazzino JFK8 per aver accumulato più di due ore "senza compiti" in un solo giorno tra il 1° gennaio e il 25 febbraio 2020. 

Gli stessi lavoratori di queste strutture hanno spiegato ai media di non avere traccia di quanto tempo di inattività mostrino i loro nomi e hanno assicurato che evitano di bere acqua, oltre a fare delle pause per andare in bagno per paura di ricevere un avviso o di essere licenziati. 

Da parte sua, Amazon non ha risposto alle domande sul fatto che queste politiche siano ancora in vigore presso JFK8 o se vengano utilizzate in altri magazzini nel paese nordamericano. 

Non è la prima volta

Non è la prima polemica di questo tipo in cui è coinvolto il colosso dell'e-commerce. Così, nel 2020, un altro rapporto denunciava che Amazon aveva creato un'ampia infrastruttura di controllo e sorveglianza per i suoi dipendenti che sottoponeva ogni lavoratore a un attento controllo e ne seguiva ogni mossa, ricorrendo a metodi "sempre più invasivi" e "creando condizioni eccezionalmente oppressive" per il lavoro.

Nel 2021, un ex dipendente di Amazon lamentando di avere la sindrome dell'intestino irritabile ha raccontato che la società l'ha  licenziata per essere andata in bagno troppe volte al giorno  durante l'orario di lavoro.

Nel gennaio 2022, è stato riferito che Amazon aveva notificato ai suoi lavoratori statunitensi che avrebbe ridotto il congedo per malattia retribuito per coloro che risultano positivi al coronavirus o sono costretti alla quarantena a causa del contatto con persone infette.

Un mese dopo, un rappresentante dell'azienda avrebbe minacciato i dipendenti del magazzino JFK8 che avrebbero potuto vedere il loro salario ridotto al minimo se avessero deciso di organizzare un sindacato.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti