Alla mossa del cavallo di Putin dagli Usa rispondono facendo il pesce in barile

Alla mossa del cavallo di Putin dagli Usa rispondono facendo il pesce in barile

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Con la astuta mossa del cavallo del cavallo di Mosca, l'Occidente è sostanzialmente spalle al muro: o accetta un accordo di reciproca sicurezza con la Russia oppure si prenderà la responsabilità di un rifiuto che potrebbe essere foriero di conseguenze gravissime. Il sette di Gennaio, si riunirà la Nato per un meeting straordinario che dovrà preparare la risposta da dare alla Russia.

Poi il 10 ci sarà l'incontro ginevrino tra i russi e gli americani e a seguire, quello tra Nato e Russia e Russia e Ocse. Se gli Usa fanno i pesci in barile e non si sbilanciano su un possibile orientamento a respingere o ad accettare l'accordo (fatto salvo il fatto che alcuni specifici punti saranno certamente respinti da Washington) sono gli europei a fare la voce grossa. I baltici hanno fatto sapere che bisogna respingere la proposta, così come la Finlandia che addirittura sembra chiederà l'adesione alla Nato. Ma anche la UE fa capire quale è il suo orientamento di fondo: oggi Mr Pesc, Borrell si recherà in Donbass per dare sostegno, anche simbolicamente fisico, a Kiev.

Non appare azzardato dire che gli americani hanno deciso di scaricare sui loro servi europei le responsabilità storiche di un rifiuto alquanto probabile. A quel punto non rimarrà che attendere che deflagri la polveriera ucraina con un intervento russo che non necessariamente dovrà essere con l'invio di truppe di terra, almeno nell'immediato: a Mosca bastano i raid aerei per decapitare l'esercito ucraino. Ciò che però possiamo dire che nel caso si verifichi questo scenario ci saranno immediate sanzioni occidentali che a loro volta porteranno alla rottura delle relazioni diplomatiche tra Russia e Usa, come già illustrato da Putin a Biden nel loro ultimo colloquio emergenziale di qualche giorno fa. Tutto sembra ormai deciso, c'è solo da comprendere fino a dove i contendenti si spingeranno.

L'unico elemento di tenue speranza è l'incontro annunciato da Berlino tra il Cancelliere Scholz e Putin per questo mese. Probabilmente è l'ultima possibilità per la pace europea. La speranza che però Scholz riesca a far desistere Putin e ad accettare l'Ucraina prima protettorato occidentale e poi direttamente nella Nato sono sostanzialmente tendenti allo zero.

Giuseppe Masala

Giuseppe Masala

Giuseppe  Masala, nasce in Sardegna nel 25 Avanti Google, si laurea in economia e  si specializza in "finanza etica". Coltiva due passioni, il linguaggio  Python e la  Letteratura.  Ha pubblicato il romanzo (che nelle sue ambizioni dovrebbe  essere il primo di una trilogia), "Una semplice formalità" vincitore  della terza edizione del premio letterario "Città di Dolianova" e  pubblicato anche in Francia con il titolo "Une simple formalité" e un  racconto "Therachia, breve storia di una parola infame" pubblicato in  una raccolta da Historica Edizioni. Si dichiara cybermarxista ma come  Leonardo Sciascia crede che "Non c’è fuga, da Dio; non è possibile.  L’esodo da Dio è una marcia verso Dio”.

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti