22 giugno 1941. "Non osino le ali nere la nostra patria sorvolare". Lebedev-Kumach compone il simbolo della Grande guerra patriottica

22 giugno 1941. "Non osino le ali nere la nostra patria sorvolare". Lebedev-Kumach compone il simbolo della Grande guerra patriottica

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Nora Hoppe


Vasilly Lebedev-Kumach impiegò una sola notte, dal 22 al 23 giugno 1941, per scrivere il testo della canzone che divenne il simbolo della Grande Guerra Patriottica.

 

"Guerra sacra", noto anche come "Alzati, terra immensa!") è stato ed è ancora uno dei più famosi brani musicali sovietici associati alla seconda guerra mondiale. La musica è di Aleksandr Aleksandrov, fondatore del Coro dell'Armata Rossa e compositore della musica dell'inno nazionale dell'Unione Sovietica. I testi sono di Vasilij Ivanovi? Lebedev-Kuma?.


Esistono numerosi adattamenti in lingua straniera di questa canzone, tra i quali la versione tedesca, Der Heilige Krieg (scritta da Stephan Hermlin) e quella ungherese, Fel, küzdelemre, h?s haza.

La canzone viene spesso eseguita durante il Giorno della Vittoria nella Federazione Russa e nelle repubbliche post-sovietiche.

Due giorni dopo l'inizio della guerra, il 24 giugno 1941, contemporaneamente sui quotidiani Izvestia e Krasnaya Zvezda, fu pubblicato il testo della canzone "Guerra Santa", firmato dal famoso poeta sovietico e premio staliniano V. I. Lebedev-Kumach. Subito dopo la pubblicazione, il compositore A. V. Alexandrov ne scrisse la musica. Non c'era tempo per stampare le parole e le note, Aleksandrov le scrisse con il gesso sulla lavagna e i cantanti e i musicisti le copiarono nei loro quaderni. Un altro giorno fu riservato alle prove.

Il 26 giugno 1941, alla stazione ferroviaria di Belorusski, uno del Coro dell'Armata Rossa dell'URSS che non era ancora partito per il fronte eseguì questa canzone per la prima volta. Secondo i testimoni oculari, quel giorno la canzone fu eseguita cinque volte di seguito. Nel maggio 2005, in ricordo di questo evento, è stata installata una targa commemorativa sull'edificio della stazione.

Tuttavia, fino al 15 ottobre 1941, la "Guerra Santa" non fu molto eseguita, perché si riteneva che avesse un suono eccessivamente tragico: non si cantava di una vittoria anticipata con "poco spargimento di sangue", ma di una pesante battaglia mortale. E solo a partire dal 15 ottobre 1941, quando la Wehrmacht aveva già conquistato Kaluga, Rzhev e Kalinin, la "Guerra Santa" cominciò a suonare quotidianamente alla radio di tutta l'Unione - ogni mattina dopo i rintocchi del Cremlino.

La canzone guadagnò una popolarità di massa sui fronti della Grande Guerra Patriottica e mantenne alto il morale delle truppe, soprattutto nelle pesanti battaglie difensive. Durante la guerra, la canzone fu registrata due volte su dischi per grammofono.

Nel dopoguerra è stata spesso eseguita dal Coro dell'Armata Rossa. A. V. Alexandrov ed ebbe un ampio successo, sia in URSS che nelle tournée all'estero.

 

 

 

 

 

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo di Geraldina Colotti Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

Da Madrid, l’Internazionale nera contro il socialismo

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti