Zyuganov: Combattere per il mondo russo

Zyuganov: Combattere per il mondo russo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Testo pubblicato il 10 maggio  sul sito del Partito Comunista della Federazione Russa (KPRF) https://kprf.ru/party-live/cknews/218668.html  

Traduzione italiana dal francese di histoireetsociete.com  a cura di Aginform

 L’importante scritto di Gennadi Zyuganov che riportiamo non è solo un appassionante appello in difesa del mondo russo sottoposto a un perfido attacco e a una minaccia esistenziale, come il titolo suggerisce, ma molto di più. Zyuganov mette bene in luce infatti il carattere strategico di rilevanza globale dello scontro in atto e per i comunisti non solo russi è anche un contributo per ritrovare il filo rosso che pur tra drammi, lacerazioni e discontinuità percorre la storia del movimento comunista e della trasformazione del mondo. La logica di guerra mondiale che muove ormai l’occidente capitalista e imperialista a guida americana e determina, come in Ucraina, il risorgere del mostro fascista impone in tutto il mondo la riflessione su come combatterlo e vincerlo. Zyuganov mette a fuoco la necessità impellente di uscire con decisione da tre decenni di illusioni e disastri liberisti e tornare alla via socialista. A noi vengono in mente le parole di Dimitrov al VII Congresso dell’Internazionale comunista: “la borghesia dominante cerca, in misura sempre più larga, la propria salvezza nel fascismo, allo scopo di applicare contro i lavoratori misure eccezionali di spoliazione, di aggredire l’Unione Sovietica, di soggiogare e spartire la Cina e di sbarrare, in questo modo, la via alla rivoluzione.” Sembrano parole pronunciate per l’oggi, anche se l’URSS non c’è più, sono invece del 1935. Anche allora i comunisti si preparavano a fare i conti con la guerra.

             Aginform

La crisi del modello liberale di governance globale era inevitabile. Vent'anni fa, avevo messo in guardia sulle sue conseguenze e sulle allarmanti sfide che avrebbero segnato il nuovo secolo. Il mio libro "La globalizzazione e il destino dell'umanità", pubblicato all'epoca, fu tradotto in molte lingue. Analizzava in profondità le motivazioni aggressive degli imperialisti statunitensi e dei loro tirapiedi e delineava la prospettiva dell'emergere di nuovi poli di potere globale come la Cina e l'India. All'epoca, questi paesi erano ancora in fase di rapida crescita economica. Pochi li vedevano come una futura alternativa all'egemonia americana. Oggi è diventato ovvio: l'alleanza della Russia con queste potenze asiatiche sta ribaltando il sogno fascista americano di un mondo unipolare. È in grado di porre un limite alla totale disumanizzazione intrapresa dagli strateghi di Washington.

Ho avuto modo di continuare la mia riflessione sulle sfide future nel libro "La Russia nel mirino del globalismo". Il libro descriveva la storia del nostro confronto politico, economico e spirituale con l'Occidente. Poi sono venuti i libri “La base della potenza russa” e “I due assi del mondo russo”. In essi ho illustrato in dettaglio il ruolo del nostro Paese nel XXI secolo. Come è già successo più di una volta, la Russia si trova al centro di un confronto con l'imperialismo anglosassone. La situazione è estremamente drammatica. Ma contando sul grande patrimonio della civiltà sovietica, abbiamo la possibilità di resistere e vincere.

È giunto il momento di continuare questa difficile e importante riflessione.

Oggi la storia ci ha posto di fronte a grandi sfide. Sono le sfide più gravi degli ultimi tre decenni, da quando traditori e rinnegati si sono alleati con i nostri nemici esterni e hanno proceduto alla distruzione criminale del Paese sovietico.

Ci hanno dichiarata guerra.

Per anni, il blocco NATO ha circondato i nostri confini con un anello soffocante. La storia ha destinato alla Russia il compito di difendere la sovranità e la sicurezza delle Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk e di liberare il fraterno popolo ucraino dalla giunta nazista di Bandera. In risposta al nostro desiderio di fermare i piani aggressivi dell'Occidente, i suoi padroni hanno finalmente abbandonato la maschera del "partenariato" e della diplomazia civile. I globalisti hanno dichiarato esplicitamente di essere pronti a infliggere un colpo mortale al nostro Paese attraverso una guerra ibrida. Secondo il loro piano, è arrivato il momento di trovare una soluzione completa e definitiva alla "questione russa".

I nemici della Russia non hanno iniziato una guerra ibrida contro di noi ieri. Le radici di questa guerra risalgono a secoli fa, alla storia del confronto della nostra patria con le aspirazioni aggressive dell'Occidente. Nel corso di questa storia, coloro che hanno cercato di distruggere il nostro Paese e il suo popolo, oltre alle guerre letterali e "calde", hanno utilizzato le tecniche della guerra ibrida. La pressione politica ed economica con l'informazione è sempre accompagnata da un sabotaggio intellettuale e spirituale contro la nostra società. La sconfitta economica, morale e spirituale di un nemico che non può essere sconfitto con la forza militare è la specificità della guerra ibrida e il suo contenuto principale.

Dopo lo smembramento dell'URSS, alcuni credevano che il rifiuto del socialismo avrebbe aperto la strada della Russia verso l'Occidente. Ora, dicevano, siamo saldamente ancorati a questo mondo brillante, siamo diventati parte di esso. Ma non era così. I promotori di queste idee, per ingenuità o per malvagità, ignorarono completamente le lezioni della Prima Guerra Mondiale. All'epoca, la Russia sovietica non era nemmeno all'ordine del giorno. Ma questo non impedì ai governi europei di unirsi in una corsa mortale per ridistribuire il mondo. L'intensità della crudeltà e il numero di vittime furono senza precedenti. Tutto avvenne secondo l'analisi di Lenin, presentata nel suo brillante libro Imperialismo, lo stadio supremo del capitalismo.

Impegnandosi in una carneficina globale, il governo zarista aveva commesso un'avventura antinazionale. Le potenze occidentali, sia che si tratti di avversari diretti che di alleati ufficiali, hanno volontariamente maltrattato la Russia per il proprio tornaconto. Non importava che il nostro Paese non fosse ancora diventato socialista. Il motivo era un altro: il predatore capitalista è sempre in cerca di prede. Alla fine del XX secolo, tradire la causa del socialismo non significava affatto garantire la prosperità della Russia. Era esattamente il contrario. La fine del sistema sovietico portò perdite di natura e portata straordinarie.

Il capitale mondiale cercò di "sistemare" le repubbliche divise dell'URSS secondo i suoi standard neocoloniali. Cercò ostinatamente di fare dell'ex potenza avanzata il suo cortile di casa. Ci stavamo indebolendo. Ma i globalisti non avevano alcun desiderio di tendere una mano di solidarietà capitalista alla Russia ormai anti-sovietica. Al contrario, i loro cuori erano pieni di speranza per una nuova divisione del nostro paese. Il mondo splendente si è rivelato un buco aperto.

L'anno scorso sono state imposte più di 15.000 sanzioni alla Russia. Non era mai successo a nessun altro paese. Hanno scatenato un sabotaggio economico, politico e informativo senza precedenti. Non si tratta solo di costringere la Russia ad abbandonare le sue speranze di indipendenza e i tentativi di difendere i suoi legittimi interessi. Si tratta di distruggere la nostra statualità. Sfidando l'egemonia anglosassone, siamo diventati il principale obiettivo dei suoi sostenitori a Washington, Londra, Bruxelles e in altri centri del capitalismo moderno.

Questa è la scrittura criminale dei neocolonialisti. Attraverso una serie di provocazioni, cercano di sfuggire alla crisi globale del loro stesso sistema - il capitalismo. A tutti i costi, cercano di mantenere la loro presa sul pianeta. Questi circoli non si daranno pace finché non avranno bruciato i problemi irrisolvibili nel fuoco di una terza guerra mondiale.

L'esercito statunitense ha lasciato le sue impronte sanguinose in tutto il mondo: in Corea e in Vietnam, in Jugoslavia e in Libia, in Iraq e in Afghanistan. Oggi i falchi di Washington stanno trasformando il popolo ucraino in carne da macello. Davanti agli occhi del mondo si sta svolgendo il loro terribile piano per combattere la Russia con le mani dei nostri stessi fratelli, deliberatamente intossicati dal veleno nazista.

Il significato del colpo di stato del febbraio 2014 a Kiev è chiaro oggi. Per otto anni l'Ucraina è stata preparata alla guerra con la Russia. Zelensky lo ha appena ammesso pubblicamente. Contro il nostro Paese si stanno combattendo contemporaneamente tre guerre: una guerra "calda", una guerra economica e una guerra dell'informazione. Stanno cercando di sconfiggerci sul campo di battaglia, di strangolarci economicamente e di diffamarci agli occhi della comunità mondiale.

Difendendo la nostra patria contro il diktat globalista e il neonazismo imposto in Ucraina e in tutta Europa, abbiamo accettato il fatto immutabile che la Russia non è esistita e non può esistere come parte organica dell'Occidente capitalista. I globalisti non hanno bisogno di uno Stato indipendente, forte e prospero. Per loro, la condizione principale per "integrare" la Russia nel loro mondo è la nostra distruzione. Non c'è altra soluzione.

Nel febbraio 2007, la consapevolezza di questo fatto si è riflessa in un discorso del Presidente Vladimir Putin alla Conferenza sulla Sicurezza di Monaco. Ma sono le decisioni prese dalla leadership russa 15 anni dopo a essere davvero decisive.

 La guerra ibrida dichiarata al nostro Paese è entrata in una nuova fase in termini economici, politici e militari. Non solo sono state imposte migliaia di sanzioni alla Russia per strangolare la nostra economia: armi, mercenari e istruttori della NATO combattono contro di noi. E i leader attuali e passati dei Paesi occidentali non esitano più a dichiarare che i loro accordi con la Russia erano un bluff. Quei documenti erano stati firmati per indebolire il nostro Paese e guadagnare tempo. Nel frattempo, essi rafforzavano i loro burattini Bandera.

 L'imperialismo sta rapidamente preparando una nuova guerra. Da guerra regionale, minaccia di diventare una guerra globale. Stringendo la morsa della violenza e della coercizione, i globalisti si stanno avvicinando al loro obiettivo: la distruzione del nostro Paese e l'eliminazione della sua sovranità. In questo modo, sostengono, si assicurerebbero l'accaparramento delle risorse necessarie a rafforzare la struttura fatiscente del loro ordine mondiale, ancora incompiuto. Si stanno quindi compiendo notevoli sforzi per minare i processi di integrazione della Russia con i suoi vicini. Cercano di provocando la divisione politica e culturale dello spazio eurasiatico. Cercano di separarci dai nostri alleati tradizionali e di cancellare la secolare unità di nazioni fraterne unite da una grande storia e da un profondo legame con il mondo russo.

 Anche il colpo di stato del 2014 in Ucraina, che ha accelerato drasticamente il suo degrado generale, è servito a questo scopo criminale. L'amministrazione di Kiev è passata sotto il totale controllo delle forze reazionarie controllate da Washington. Si sono affrettati a trasformare l'Ucraina in un campo di addestramento ideologico e militare per un attacco decisivo alla Russia. Il processo di separazione dei nostri legami storici si è accelerato. E’ stata messa in moto la ruota del terrore politico e della pulizia etnica e linguistica. L'eroico Donbass ha difeso il diritto di vivere e di parlare la propria lingua madre.

I neonazisti

La giunta di Kiev si è preparata in fretta e furia per un attacco militare e terroristico alla Russia. I risultati dell'inchiesta parlamentare della Duma sui laboratori chimici del Pentagono in Ucraina lo hanno dimostrato chiaramente. Erano letteralmente pieni di strutture per ricerche pericolose, tra cui lo sviluppo di armi genetiche contro gli slavi.

Il regime ucraino era anche accuratamente preparato per un attacco culturale e spirituale al mondo russo. La prova di ciò è il saccheggio delle chiese della Chiesa ortodossa ucraina, organizzato dai Banderisti e dai loro consiglieri. La Lavra della Dormizione di Kiev-Pechersk, designata da Sua Santità il Patriarca Cirillo come la culla della nostra civiltà e cultura nazionale, è sulla via della croce. Le chiese e i monasteri legati alla Chiesa storica canonica, con i loro abitanti, le reliquie e i cimeli dei santi, sono oggetto di persecuzione e profanazione.

 Per molti anni, l'Ucraina è stata spinta nella palude della russofobia e poi impegnata in una terribile guerra fratricida. Questa guerra spregevole è condotta dagli Stati Uniti con mani straniere. Fornendo armi e sostegno politico, il team di Biden sta prolungando in ogni modo possibile l'agonia del regime neonazista.

 La spada dei barbari, che si credono padroni del pianeta, non conosce compassione. Colpisce le donne, i bambini, gli anziani, tutti coloro la cui colpa consiste nel non volersi sottomettere alla volontà altrui o rinunciare ai propri ideali e valori, rifiutare le proprie radici e la lingua russa. Queste persone vengono giustiziate per la loro fedeltà ai loro antenati, i gloriosi eroi conquistatori che hanno salvato il mondo dal fascismo tedesco e dal militarismo giapponese.

 La russofobia dell'Occidente è senza precedenti. Il desiderio di Washington, Londra e Berlino di risolvere la "questione russa" ricorda le pagine più oscure del passato: i roghi dell'Inquisizione, i sabba nazisti, le azioni del Ku Klux Klan. I globalisti, che hanno intrapreso la strada del terrore, non conoscono le "linee rosse" che caratterizzano le persone normali. I piani per l'utilizzo di proiettili all'uranio impoverito sono la prova diretta della natura criminale delle loro politiche imperialiste.

 Dobbiamo essere tutti consapevoli che contro di noi è in atto una guerra di sterminio. Il suo obiettivo è lo smembramento del paese, la schiavitù del popolo e la trasformazione della nostra terra in una zona di saccheggio coloniale. Questo non solo ci minaccia di subire ingenti perdite. Perdere in una situazione del genere significa scomparire.

La sfida attuale è fatale come il ‘Periodo dei torbidi’ del XVII secolo, la Guerra Patriottica del 1812, l'intervento straniero del 1918-1920, il confronto con il fascismo nella Grande Guerra Patriottica e la perfida distruzione dell'Unione Sovietica. Gli Stati Uniti e i loro complici della NATO si sono impegnati a moltiplicare i risultati criminali degli anni '90.

 Odiando il nazismo e nutrendo sentimenti di fratellanza verso il popolo ucraino, il KPRF ha sostenuto l'operazione speciale per liberare l'Ucraina dalla schiavitù. Il Donbass è diventato un importante centro di resistenza alla reazione imperialista.

Nella lotta contro la feccia nazista e banderista, nel confronto con i loro padroni d'oltremare, siamo ispirati dagli stessi pensieri e sentimenti che hanno guidato i nostri padri e nonni nella battaglia contro il fascismo. Una poesia dei primi giorni della Grande Guerra Patriottica, scritta da un talentuoso nativo del Donbass, Dmitri Kedrin, è intrisa di questi sentimenti:

 Combatti affinchè gli invasori maledetti

facciano passar la voglia a chiunque

di venire aprofanare le nostre belle tombe.

Non le abbandoneremo!

Guarda i boschi e i pascoli,

e col fucile vai a combattere.

Tutto ciò che abbiamo guadagnato con la nostra fatica

ci guarda le spalle e ci protegge

perché non venga calpestato,

perché non venga derubato,

perché la nostra patria possa fiorire e risplendere.

Nel nome dei tuoi antenati dai capelli grigi

ti ordino di resistere fino alla morte!

Gli ideologi liberali giustificarono la necessità di smantellare il socialismo sostenendo che la fine del confronto tra il sistema socialista e quello capitalista avrebbe ridotto le tensioni internazionali e che un idillio pacifico si sarebbe gradualmente posato sul mondo. Ma le loro promesse si sono rivelate una mostruosa bugia. Il mondo non è diventato più sicuro dopo la perfida distruzione dell'URSS.

Con la scomparsa del paese dei soviet, il sistema di controlli ed equilibri creato dai grandi leader delle potenze vincitrici - Stalin, Roosevelt e Churchill - è andato in frantumi. Il capitale transnazionale si è dato da fare per raggiungere il suo vero obiettivo nella lotta contro il socialismo e lo stato sovietico: una nuova ridistribuzione del mondo in base ai suoi interessi geopolitici e finanziari. All'inizio degli anni '90 è iniziata una nuova fase di espansione imperialista che ha raggiunto il suo apice e ha portato l'umanità sull'orlo della Terza Guerra Mondiale.

L'adorazione degli Stati Uniti da parte di Gorbaciov e Eltsin con gli slogan del "nuovo pensiero" e della "integrazione nella comunità mondiale" ha fatto il gioco degli avversari della Russia. Le politiche estere dei paesi che ci hanno osteggiato durante l'era sovietica non solo non sono diventate più indulgenti, ma si sono addirittura indurite. L'espansione della NATO e di altri blocchi militari per più di tre decenni ha servito gli obiettivi imperialisti degli Stati Uniti e dei loro satelliti. All'inizio del nuovo millennio, questa situazione ha iniziato a suscitare una legittima e crescente preoccupazione nel nostro popolo e nei nuovi leader del Paese. Il pericolo che forze opposte si avvicinassero ai nostri confini era divenuto sempre più evidente.

 L'Occidente ha reagito affidandosi sempre più apertamente alla forza come strumento principale per proteggere i propri interessi. Ha intensificato notevolmente la ricerca di una "immagine del nemico" per alimentare l'isteria militare. All'inizio del XXI secolo furono "designati" come nemici il terrorismo internazionale e i paesi musulmani. Ma col tempo, gli Stati Uniti e gli Stati sotto il loro controllo hanno iniziato a imporre questo ruolo alla Cina, il cui esempio di successo di sviluppo socialista li infastidisce, e alla Russia, che vogliono vedere solo come un'appendice obbediente per le materie prime. Se da un lato l'Occidente ha bisogno delle nostre enormi risorse di materie prime, dall'altro è altrettanto desideroso di minare la sovranità dei nostri Stati.

 Il secondo decennio del XXI secolo ha visto una svolta importante e gradita nella politica estera russa. I leader del Paese hanno finalmente riconosciuto che l'Occidente non ha mai voluto rafforzare il nostro potere e la nostra indipendenza. Ha contribuito alla sconfitta dell'URSS nella Guerra Fredda, al rifiuto del socialismo, al precipitare della crisi sistemica, alla povertà di massa e alla distruzione dell'industria nazionale. La Russia è stata privata della sua sovranità economica, senza la quale la vera sovranità politica è impossibile.

 La nostra patria si sta finalmente allontanando dalla sua perniciosa idolatria dell'Occidente. La poesia di Pushkin "Ai diffamatori della Russia", scritta nel 1831, ci aiuta a comprendere il contesto storico di questi processi. Già due secoli fa, gli obiettivi delle potenze occidentali nei confronti dei nostri popoli e della fratellanza slava erano molto chiari.

 Per decenni siamo stati circondati da una catena di Stati ostili. Era impossibile ritirarsi ulteriormente e non c'era nessun posto dove andare. L'Occidente doveva percepire la determinazione della Russia a difendere i propri interessi nazionali e i propri amici.

 Oggi, i progetti degli Stati Uniti e dei suoi satelliti sono stati vanificati dalla volontà e dall'eroismo dei difensori del Donbass, oltre che dal coraggio e dalla tenacia dei nostri militari. Il cambiamento radicale della situazione politica in Europa ha avuto un impatto sulla situazione mondiale. L'operazione militare speciale della Russia in Ucraina ha evidenziato spostamenti tettonici nell'equilibrio di potere sulla scena mondiale.

 Oggi, mentre le nostre forze armate conducono un'operazione militare speciale in Ucraina per smilitarizzare e denazificare, è particolarmente importante ricordare le lezioni della storia, ascoltare le sue argomentazioni e comprenderne i significati sottostanti. E il ricordo più importante, il punto di riferimento più importante, è la storia delle forze armate della nostra patria.

Le basi delle vittorie della Russia

Nel corso della millenaria storia dello Stato russo, dalla sua fondazione nel X secolo fino ai giorni nostri, non sono mai cessati i tentativi di distruggere militarmente la Russia o almeno di indebolirne la vitalità e l'influenza nel mondo con mezzi militari. Il nostro popolo è pacifico, paziente e benevolo: chiunque conosca anche solo di sfuggita il carattere russo non può che esserne convinto. Il nostro passato non conosce le attività militari mercenarie, che sono un fenomeno onnipresente nell’Europa occidentale. Per secoli, la Russia non ha avuto lanzichenecchi o condottieri che guidassero le truppe all'inseguimento delle prede e i cecchini cosacchi si sono rapidamente trasformati da un'allegra anarchia in una forza organizzata che proteggeva i confini russi. Eppure, nel corso della sua storia, la Russia ha dovuto continuamente combattere.

Il famoso storico S.M. Soloviov ha documentato 245 casi di invasioni dellla Russia dal 1055 al 1462. Nel suo libro “La guerra nella storia del mondo russo”, pubblicato a San Pietroburgo nel 1894, il generale Sukhotin, esperto di storia militare russa, calcolò che "dal XIV secolo, che può essere considerato la rinascita dello stato russo, ai giorni nostri, in 525 anni, la Russia ha trascorso 329 anni in guerra, cioè quasi due terzi della sua esistenza. In questo periodo, 134 volte il nostro popolo ha dovuto combattere contro più nemici contemporaneamente. Una volta ha dovuto combattere contro nove nemici contemporaneamente, due volte contro cinque, 25 volte contro tre e 37 volte la Russia ha combattuto contro due nemici”.

 La prima riforma completa delle forze armate in Russia fu la trasformazione di Ivan il Terribile nella seconda metà del XVI secolo. Durante queste riforme, fu creato per la prima volta in Russia un esercito permanente, l'Esercito Streltsy (o degli arcieri). Nel XVII secolo, divenne il pilastro per ripristinare l'unità dello stato russo dopo la grave depressione del 1605-1613, per riunire la Grande e la Piccola Russia nel 1654 e per frenare gli eccessivi appetiti dell'Europa occidentale sul suolo russo.

Tuttavia, con la crescita del potere statale e militare della Russia, l'esercito degli arcieri non riuscì più a soddisfare le esigenze dello stato. Il decreto di Pietro il Grande del 17 novembre 1699 diede inizio a un approccio fondamentalmente nuovo all'equipaggiamento dell'esercito russo: il cosiddetto sistema di reclutamento. Il reclutamento rese l'esercito veramente popolare, aperto a tutti, e ne aumentò la forza e la professionalità. Questa riforma di Pietro il Grande fu il precursore dell'unità inscindibile dell'esercito e del popolo nell'era sovietica, che fu la chiave delle nostre vittorie militari e che è tanto odiata dagli occidentali e dai liberali.

Gli "eroi miracolosi" di Suvorov e le "aquile" di Kutuzov, gli eroi di Izmail, Cesme e Borodino confermarono visibilmente e inequivocabilmente all'Europa l'efficacia e l'efficienza della macchina militare russa. Fu grazie al coraggio disinteressato del soldato russo che la Russia divenne una grande potenza mondiale a metà del XIX secolo.

 La logica dello sviluppo dell'esercito e della marina russa richiedeva un'altra riforma. Il suo elemento chiave fu la sostituzione della coscrizione con il principio del servizio militare universale. Secondo la legge del 1874, la coscrizione riguardava l'intera popolazione maschile della Russia.

 La politica di coscrizione dell'Impero russo era molto differenziata. Mentre la durata generale del servizio nelle forze di terra era fissata a sei anni, esistevano quattro categorie di "beneficiari" a seconda del loro percorso di studi. Ad esempio, i diplomati delle scuole elementari prestavano servizio per quattro anni, i diplomati delle scuole comunali per tre anni e i diplomati dei ginnasi per un anno e mezzo. I diplomati degli istituti di istruzione superiore venivano arruolati per soli sei mesi.

 La guerra russo-giapponese e la Prima Guerra Mondiale misero a dura prova le capacità di difesa della Russia zarista. E le truppe non superarono la prova. No, il soldato russo non divenne meno stoico e coraggioso. Il motivo era il degrado generale dell'autocrazia zarista nel periodo pre-rivoluzionario. Si era formato un gigantesco abisso tra le esigenze dei lavoratori, le necessità dello sviluppo generale del paese, da un lato, e gli obiettivi di un regime completamente marcio e corrotto, dall'altro.

 Nel gennaio 1918, il governo della giovane Repubblica Sovietica firmò un decreto sulla creazione dell'Armata Rossa. Il 23 febbraio dello stesso anno iniziò l'arruolamento di massa dei volontari nelle sue file. Il Paese si trovava ad affrontare una sfida storica estremamente difficile. Non si trattava solo di salvare il socialismo, per cui il popolo si era pronunciato nella grande rivoluzione dell'ottobre 1917. Nella lotta contro gli invasori che stavano travolgendo la Russia, era in gioco la conservazione stessa della patria.

 Un appello risuonò in Russia, un prologo alla nascita di un nuovo grande esercito in un paese devastato dalla guerra e dalla crisi. In un paese in cui, come pensavano i suoi nemici, sarebbe stato impossibile creare una forza armata pronta a combattere nel breve periodo. Ma quel compito fu risolto dal partito leninista e dal popolo. Nella coscienza delle masse, l'idea patriottica era saldamente unita alla grande idea di uguaglianza, fratellanza e giustizia. Il popolo, per il quale il nemico aveva in serbo il destino degli sconfitti e degli schiavi, creò l'Armata Rossa di operai e contadini e divenne il popolo vittorioso. Grazie a questo, il nostro paese è sopravvissuto come un unico Stato e ha realizzato grandi imprese militari, sociali, economiche, scientifiche e culturali nel XX secolo - imprese eccezionali del socialismo che non hanno equivalenti nella storia mondiale e sono per sempre scolpite nell'oro.

 Un quarto di secolo dopo la nascita dell'Armata Rossa, la Grande Guerra Patriottica dimostrò definitivamente al mondo l'efficienza e l'abnegazione dello Stato e del popolo che avevano scelto il socialismo e il potere sovietico come loro destino. Inoltre, dimostrò l'eccezionale ruolo storico di Stalin, che guidò il paese in quegli anni difficili.

 Vale la pena ricordare che alla fine di aprile del 1918, due mesi dopo la creazione dell'Armata Rossa, questa contava meno di 200.000 uomini. Ma due anni e mezzo dopo la fine della guerra con le Guardie Bianche e gli interventisti stranieri, era 30 volte più numerosa: 5,5 milioni. Poi, in seguito alla smobilitazione, il suo numero iniziò nuovamente a diminuire. All'inizio del 1932, le truppe sovietiche contavano poco più di 600.000 uomini. Ma il 22 giugno 1941, all'inizio della Grande Guerra Patriottica, erano quasi decuplicate. La composizione dell'esercito superava i 5 milioni di combattenti. Nel maggio 1945, il giorno della vittoria, aveva superato gli 11 milioni di soldati e ufficiali.

 Il nostro esercito sconfisse 507 divisioni tedesche e 100 divisioni facsiste alleate della Germania: tre volte il numero delle truppe anglo-americane. Tre quarti degli aerei, dei carri armati, dell'artiglieria e dei cannoni d'assalto tedeschi furono distrutti sul fronte tedesco-sovietico senza alcun intervento da parte dell'Occidente.

 Se l'Occidente si impegnasse per la verità storica invece che per la russofobia e l'anticomunismo, molte cose sarebbero diverse nel nostro mondo. I membri della squadra di Biden dovrebbero ripetere le accorate parole pronunciate nel 1942 dal famoso scrittore americano e premio Nobel Ernest Hemingway: "24 anni di disciplina e di lavoro per la vittoria hanno creato una grande gloria, il cui nome è Armata Rossa. Tutti i popoli che amano la libertà hanno nei confronti dell'Armata Rossa un debito che non potranno mai ripagare.

 Nessun altro paese nella storia ha pagato un prezzo così alto e terribile per la vittoria sul nemico. E nessun paese ha ottenuto una vittoria di così grande importanza storica, non solo per se stesso, ma per il mondo intero, che ha portato la salvezza non solo alla nazione vincitrice, ma all'intero pianeta. La Grande Guerra Patriottica, in cui il potere sovietico sconfisse il fascismo a costo di sacrifici colossali, è il nostro dolore eterno. La vittoria in quella guerra fu il nostro grande orgoglio. Fu la prova incondizionata della grandezza del sistema socialista e della correttezza morale dell'idea socialista scritta sugli striscioni e vissuta nei cuori di coloro che salvarono il mondo dalla "peste bruna".

 Il compito di salvare la Russia è stato ripetutamente caricato sulle spalle dei nostri eroici soldati e degli eccezionali comandanti. Nelle battaglie per la patria, hanno forgiato le loro vittorie e si sono ricoperti di una gloria indelebile. I nomi di Alexander Nevsky, Alexander Suvorov, Mikhail Kutuzov e altri brillanti comandanti sono rimasti nella memoria del nostro popolo per secoli.

 Nel corso della sua storia, il nostro impero è sempre stato il bersaglio di nemici stranieri. Il difficile ed eroico destino della madrepatria spinse l'imperatore Alessandro III a pronunciare le sue famose parole: "La Russia non ha amici, temono la nostra immensità. La Russia ha solo due alleati affidabili: il suo esercito e la sua marina”.

 Un paese con un tale destino deve avere un esercito forte. La storia della Russia è sempre stata, e sempre sarà, inseparabile dalle sue forze armate. Ecco perché tutti i più grandi leader del nostro Paese - da Pietro il Grande a Lenin e Stalin - non sono stati solo creatori di uno Stato potente, ma anche costruttori di un esercito indistruttibile.

 Uno dei più grandi comandanti della Grande Guerra Patriottica, il maresciallo Zhukov, disse: "Il tempo non ha alcun potere sulla grandezza di tutto ciò che abbiamo vissuto durante la guerra". Il popolo che ha già sopportato grandi difficoltà continuerà a trarre forza da questa vittoria.

 E oggi, mentre continuiamo a opporci al branco di russofobi e attivisti antisovietici che cercano di falsificare la nostra storia e le nostre forze armate, possiamo ripetere con fiducia queste parole di Zhukov. Sappiamo che né il tempo né la meschinità dei nostri avversari possono cambiare la verità della storia. Non possono cancellare le straordinarie conquiste del Paese e del popolo sovietico! I risultati del passato e del presente ci ricordano che la Russia fornirà una protezione affidabile contro le minacce esterne solo se la sua politica interna si baserà sugli ideali di giustizia, sugli interessi della maggioranza popolare.

 I "riformatori", che hanno smantellato le conquiste del socialismo, hanno distrutto la capacità di difesa del nostro Paese e il suo complesso militare-industriale. Molte imprese hanno iniziato a produrre pentole e padelle invece di carri armati e cannoni. Era in corso una campagna deliberata e oculata per demoralizzare l'esercito.

 La logica conseguenza di questa politica è stata la distruzione delle più grandi basi delle forze armate russe a Lourdes (Cuba), e a Cam Ranh (Vietnam). A questo si aggiunse un'ondata di ridimensionamento dell'esercito e della marina, un'umiliante sottomissione a Washington e la fedeltà alla NATO, una capitolazione all'Occidente, portata avanti con lo slogan di "combattere il terrorismo internazionale".

 Nonostante tutto questo, i soldati russi hanno sempre svolto il loro dovere militare con dignità e integrità. E nella politica militare della leadership russa si è finalmente verificato un cambiamento di principio atteso da tempo. Ma le gravi conseguenze di questi atti criminali si fanno sentire ancora oggi. Senza di essi, gli obiettivi dell'operazione militare speciale per liberare l'Ucraina dal nazismo, dal banderismo e dall'espansione della NATO sarebbero stati raggiunti in modo molto più rapido e sicuro.

 Ciò contro cui abbiamo messo in guardia per molti anni è stato chiaramente confermato: la riorganizzazione dell'enorme eredità geopolitica dell'URSS non è stata portata a termine. Ciò significa che dobbiamo prepararci al fatto che, sulla scena internazionale, la Russia dovrà agire per molto tempo in condizioni di instabilità strategica. Ciò significa, soprattutto, che lo scudo militare della nostra sicurezza nazionale è di importanza fondamentale e vitale.

 All'inizio del XX secolo, quando la Russia era considerata da molti spacciata, i comunisti guidati da Lenin riuscirono, con l'aiuto dell'Armata Rossa, a preservare il Paese. Lo hanno ricostruito e rafforzato. La nostra patria è risorta dalle rovine in cui giaceva a causa della monarchia fallita e degli avventurieri filo-occidentali che l'hanno sostituita. I costruttori del socialismo hanno risposto con onore alla grandezza della sfida storica.

Siamo gli eredi dei grandi vincitori! Sappiamo che la Russia ha ripetutamente sconfitto i suoi peggiori nemici. Il ricordo di questa vittoria ci dà fiducia nella nostra capacità di resistere anche oggi.

Un perno strategico

I nostri avversari speravano di isolare la Russia politicamente ed economicamente. Ma non ci sono riusciti. La nostra cooperazione politica ed economica con i partner della CSI, della regione eurasiatica, dell'America Latina e dell'Africa si è rafforzata negli ultimi tempi. I nostri contatti diplomatici e commerciali si sono intensificati. I negoziati all'interno dell'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai a Samarcanda e dell'Unione Economica Eurasiatica a Bishkek hanno avuto successo.

 Il sostanziale indebolimento dell'influenza americana e dell'influenza collettiva dell'Occidente in diverse regioni è evidente. Non è un caso che il vertice dell'Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico in Cambogia e il vertice del G20 in Indonesia dello scorso anno abbiano mostrato chiare divisioni. La metà dei paesi partecipanti si è rifiutata di votare le risoluzioni russofobiche architettate a Washington. Di conseguenza, per la prima volta nella sua storia, il vertice ASEAN non ha adottato una risoluzione collettiva. E il documento finale del vertice del G20 con il sostegno degli Stati amici è stato sostanzialmente adattato alle richieste della Russia. La conclusione è chiara: la politica internazionale del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti è in palese contraddizione con le aspirazioni della comunità mondiale e si sta sgretolando sempre più chiaramente.

 La pressione dell'Occidente, i tentativi degli Stati Uniti e dei loro alleati di imporre un "nuovo ordine mondiale" stanno provocando proteste in tutto il mondo. L'umanità non vuole essere dominata dai globalisti americani. La resistenza di diversi paesi asiatici e latinoamericani contro la politica statunitense ne è la prova. L'Unione Africana, creata all'inizio del XXI secolo, mira a rafforzare l'unità e la solidarietà tra gli Stati e i popoli dell'Africa e a sviluppare una politica di difesa comune. La maggior parte degli Stati dell'Asia, dell'America Latina e dell'Africa si rifiuta categoricamente di adottare le posizioni russofobe che Washington e i suoi "aiutanti" europei stanno imponendo al mondo.

 150 paesi in tutto il mondo hanno rifiutato di partecipare alle sanzioni contro la Russia. Rappresentano più del 60% della popolazione del nostro pianeta. Persino autorevoli esperti statunitensi e dell'UE affermano che è più probabile che sia ora il mondo occidentale a essere isolato. La portata degli eventi è tale che può già essere paragonata al crollo del sistema coloniale degli anni '60 e '70.

 I nostri avversari sono chiaramente spaventati dal fatto che la civiltà russa stia unendo il suo potenziale con gli altri grandi centri di civiltà del pianeta: cinese, indiana e persiana. Le nostre grandi civiltà sono pronte a offrire un mondo di ordine, non di diktat. Non sarà governato dallo sfruttamento, ma dalla giustizia. Non dal saccheggio e dalla violenza, ma dall'alta cultura e dalla spiritualità.

 Dobbiamo sottolineare che il sostegno più forte e affidabile alla Russia nell'arena internazionale è confermato dagli Stati che sono sulla strada del socialismo. Questo è il caso della Cina, che ora sta mostrando risultati notevoli sotto la guida del Partito Comunista. Il suo XX Congresso, che ha proclamato la fine dell'era di un mondo unipolare e globalista, è stato uno degli eventi chiave del nostro tempo, sia a livello nazionale che globale. Ci sono anche Cuba, Venezuela, Vietnam e la Repubblica Popolare Democratica di Corea. Per non parlare degli Stati asiatici e africani i cui leader, scienziati e personale medico sono stati formati nelle università e nelle istituzioni del paese sovietico.

 Questa è una delle componenti essenziali dell'eredità dell'Unione Sovietica, che continua a servirci in questi tempi difficili. Questa è una lezione fondamentale per noi oggi. Infatti, stiamo vedendo i contorni di una nuova comunità socialista, in grado di diventare un importante contrappeso all'imperialismo anglosassone.

 Al Forum Sociale Mondiale di Porto Alegre, in Brasile, all'inizio del 2023, ho detto che il nuovo mondo multipolare avrebbe facilitato la lotta per il progresso sociale. L'indebolimento dell'egemonia statunitense apre la strada a un sistema di relazioni internazionali più equo. Ma il multipolarismo da solo non porta a uno sviluppo senza conflitti, alla giustizia sociale o al socialismo. Miliardi di persone svantaggiate sognano una vita dignitosa, libera dall'oppressione, in cui prevalgano il lavoro onesto e l'amicizia tra i popoli. Solo la lotta dei lavoratori per il socialismo può costruire un mondo nuovo!

 In tutto il mondo sta crescendo la consapevolezza del vicolo cieco del percorso filo-occidentale in cui il nostro Paese è stato spinto alla fine del secolo scorso. Due grandi potenze, la Cina e la Russia, hanno un ruolo cruciale da svolgere per contrastare l'egemonia americana e rafforzare la comunità di nazioni che aspirano a uno sviluppo sovrano e a una cooperazione pacifica e multiforme. Il 22° incontro dei leader degli Stati membri dell'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, tenutosi a Samarcanda nel settembre 2022, è stato un evento importante per formalizzare il nuovo concetto di interazione con il mondo.

 La superficie totale dei paesi membri della SCO supera i 34 milioni di chilometri quadrati. Si tratta del 60% del territorio dell'Eurasia. La popolazione totale degli Stati membri della SCO è di 3,4 miliardi di persone. Si tratta di quasi la metà della popolazione della Terra. Allo stesso tempo, i membri della SCO sottolineano che la loro organizzazione non è un blocco militare. A differenza delle principali organizzazioni dell'Occidente collettivo, non cerca di esercitare pressioni militari o politiche su nessuno.

 I principi costruttivi sono stati riaffermati al vertice di Samarcanda. I discorsi del Presidente russo Putin e del Presidente cinese Xi Jinping sono stati i più degni di nota. Il capo di Stato russo ha sottolineato, tra le altre cose, che la politica e l'economia globali hanno subito una trasformazione fondamentale. È irreversibile. Nuovi centri di potere stanno assumendo un ruolo sempre più importante e interagiscono non sulla base di regole imposte dall'esterno, ma sulla base di principi comuni e della Carta delle Nazioni Unite, sul rispetto della sovranità, dei valori nazionali e degli interessi reciproci.

 Per decenni, l'idea del crollo dell'Unione Sovietica è stata coltivata nei paesi occidentali. Oggi, l'idea di distruggere la Russia storica ha trionfato. L'Occidente sta pianificando di utilizzare il nostro Paese nel confronto con la Cina. Ma questo non accadrà. Intanto l'Occidente creava un'enclave neonazista in Ucraina per minacciarci e influenzare la situazione all'interno della Russia. Per impedirlo è stata lanciata l'operazione militare speciale.

 Nel suo incontro con Xi Jinping, il presidente russo ha dichiarato: "Il mondo sta cambiando rapidamente, solo una cosa rimane invariata: l'amicizia tra Cina e Russia, le nostre buone relazioni di partenariato strategico globale. E continuiamo a rafforzare questa relazione”.

 Non ci si può che rallegrare di questa posizione. Sono convinto che il rafforzamento delle relazioni di alleanza globale con la Repubblica Popolare Cinese debba diventare un principio fondamentale della politica estera della Russia. Nella politica interna, dobbiamo tenere conto dell'esperienza di sviluppo unica della Cina, ammirata in tutto il mondo.

 Nel luglio del 2022, in occasione del Forum Internazionale dei Partiti Marxisti, organizzato dal Partito Comunista Cinese, ho affermato che il tempo ha dimostrato in modo convincente che la Cina socialista è diventata la locomotiva del progresso e la stella guida dell'intera umanità. L'esperienza cinese ha infatti acquisito un significato universale. Dovrebbe essere studiata e diffusa in modo completo, tenendo conto delle condizioni nazionali di ogni paese. Il partenariato strategico tra Russia e Cina si sta approfondendo. L'amicizia tra i nostri popoli si sta rafforzando. La volontà di sviluppare una stretta cooperazione è stata ripetutamente confermata dai leader dei nostri Stati.

Nel 2022, il Partito Comunista Cinese ha celebrato il suo 100° anniversario. Si tratta di una pietra miliare nella storia del popolo cinese, che ha avuto una forte risonanza in molti paesi. I comunisti russi hanno tenuto grandi celebrazioni a Mosca per celebrare questo evento.

 A partire dall'istituzione della Repubblica Popolare Cinese, in pochi decenni, la Cina ha percorso una strada che le nazioni sviluppate hanno impiegato centinaia di anni a raggiungere. In un periodo di tempo storicamente breve, il Paese ha superato il suo retaggio semi-feudale e semi-coloniale ed è emerso come potenza globale. Nel 2021, la Cina ha finalmente superato la povertà. Il progresso continuo di questo vasto paese è stato assicurato. I compiti strategici dello sviluppo nazionale: gli obiettivi dei "due secoli" e il grande rinascimento della nazione cinese sono stati realizzati con successo. La rapida crescita economica e la stabilità sociale della Cina confermano la forza del socialismo e ne dimostrano la natura creativa.

 La tragica esperienza dell'URSS ha dimostrato che l'abbandono del ruolo guida del Partito Comunista fa inevitabilmente precipitare la società nel caos e porta alla restaurazione del capitalismo. In questo contesto, gli sforzi del PCC per rafforzare e migliorare il sistema di leadership del partito a tutti i livelli sono particolarmente preziosi.

Il socialismo in Cina è diventato una creazione su larga scala dell'intero popolo. Il PCC ha saputo combinare abilmente i principi del marxismo con le condizioni della realtà cinese. Tutte le conquiste della Repubblica Popolare Cinese sono state possibili perché il popolo e il Partito hanno preservato e migliorato continuamente le idee del socialismo, sia in teoria che in pratica.

Gli apologeti della borghesia hanno costantemente proclamato che il capitalismo è l'unica via possibile, il "punto finale dello sviluppo". Ma noi comunisti abbiamo dimostrato il contrario: esiste un'alternativa migliore al capitalismo. La costruzione socialista dell'URSS lo ha dimostrato nel XX secolo. Le conquiste della Cina lo dimostrano nuovamente oggi, sotto gli occhi di un mondo stupito.

Oggi l'Unione Europea, per volere del supervisore d'oltremare, sta chiudendo la "finestra sull'Europa" di Pietro il Grande. In cambio, dobbiamo aprire le porte dell'Asia ai nostri amici e alleati affidabili. Questo lavoro deve diventare uno dei compiti essenziali del nostro Paese.

Le grandi lezioni della vittoria

In sostanza, l'operazione militare speciale dell'esercito russo in Ucraina può essere vista come una continuazione degli eventi della Grande Guerra Patriottica. All'epoca, il nostro Paese dovette combattere contro le forze combinate dell'Europa, dove i Banderisti erano dalla parte dei nazisti. Oggi, i loro discendenti hanno rialzato la testa in cerca di vendetta.

La loro guerra terroristica aperta contro il mondo russo e la fratellanza delle nazioni è iniziata il 2 maggio 2014. I sostenitori fascisti del colpo di stato incostituzionale di Kiev di quell'anno bruciarono vivi nella Casa dei Sindacati di Odessa circa 50 difensori dei diritti legali degli abitanti di lingua russa dell'Ucraina. Questa azione brutale fu giustamente definita un nuovo Khatyn, sullascorta dei tragici eventi di un villaggio bielorusso raso al suolo dai carnefici di Hitler nel marzo del 1943.

Oggi, gli attacchi terroristici dei banditi neonazisti, che si sono intensificati in tutti questi anni, si sono estesi al nostro territorio. Questi banditi, incoraggiati dai loro sponsor occidentali, hanno già registrato nel loro "curriculum" atti terroristici contro imprese industriali e civili in diverse regioni della Russia europea. E alla vigilia del Giorno della Vittoria, hanno cercato di attaccare il nostro santuario nazionale, il Cremlino di Mosca, utilizzando droni militari. Questo non era mai successo, nemmeno durante la Grande Guerra Patriottica, quando l'esercito tedesco era a 30 chilometri da Mosca.

Lo Stato russo deve dare la risposta più appropriata e severa a questo terrore sfrenato. Abbiamo un'esperienza unica nel combattere efficacemente il terrorismo in tutte le sue forme. E oggi, sulla base di questa esperienza, è necessario prendere misure adeguate contro i banditi che si trincerano sul suolo ucraino e minacciano la nostra sicurezza con le armi in pugno.

Dobbiamo essere tutti consapevoli della grave sfida storica che dobbiamo affrontare. Dobbiamo valutare onestamente tutte le nostre vulnerabilità e comprendere chiaramente che la condizione principale per andare avanti è la mobilitazione delle risorse nazionali. La storia sovietica fornisce un eccellente esempio di mobilitazione militare ed economica disinteressata che è fondamentale per noi oggi.

Come sottolinea uno dei più talentuosi economisti sovietici, Arseny Zverev, che fu Ministro delle Finanze dell'URSS dal 1938 al 1960, nel suo libro “Stalin e il denaro”, alla fine degli anni '30 il bilancio statale era già stato portato al limite massimo per soddisfare le esigenze del complesso della difesa. Gli stanziamenti per il Commissariato del Popolo per la Difesa raggiunsero il 21% nel 1938, il 26% nel 1939, il 32% nel 1940 e il 34% nel 1941, in un bilancio redatto prima della guerra.

Le capacità delle fabbriche di artiglieria e carri armati furono sviluppate molto velocemente. Nel dicembre del 1939 entrò in servizio il leggendario carro armato T-34. Nel febbraio del 1941 i lanciarazzi Katyusha, che avrebbero terrorizzato i tedeschi, entrarono in produzione di massa. A marzo iniziò la produzione dell'aereo d'attacco IL-2, soprannominato Fortezza Volante. In aprile e maggio, su ordine della leadership sovietica, le truppe sovietiche vennero rinforzate di nascosto. 850.000 persone in più vennero arruolate nell'esercito e nella marina dalle riserve. Soprattutto nei distretti militari dell'ovest del paese.

Alla riunione del 1941 del Politburo del Comitato Centrale del Partito Comunista di tutta l'Unione, G.K. Zhukov, che era stato nominato capo dello Stato Maggiore dell'Armata Rossa pochi mesi prima, riferì che durante il periodo di modernizzazione industriale avviato in URSS nei primi anni '30 la produzione di carri armati era più che triplicata. L'Armata Rossa ricevette quasi 100.000 cannoni e mortai. L'industria sovietica fornì all'esercito circa 18.000 aerei da guerra. Le dimensioni delle forze armate furono quasi triplicate, l'equipaggiamento dell'aviazione militare fu aumentato di sette volte, il numero di carri armati messi in servizio fu aumentato di 43 volte. Circa 312 nuove navi da guerra entrarono in servizio.

Questa fu la chiave patriottica, organizzativa ed economica della nostra grande vittoria che quattro anni dopo scosse il mondo intero.

Anche i risultati della mobilitazione economica per eliminare le conseguenze della devastazione causata da Hitler furono colossali. Un anno prima della Grande Guerra Patriottica, nel 1940, il prodotto sociale lordo dell'Unione Sovietica era 4,5 volte superiore a quello di dodici anni prima. Il reddito nazionale prodotto era cinque volte superiore a quello del 1928. In questi dodici anni, lo stock di capitale fisso aumentò di 2,6 volte, gli investimenti di capitale di 6,7 volte e il volume della produzione nazionale di 6,5 volte. Il numero di lavoratori triplicò durante questo periodo.

Durante i tre piani quinquennali prebellici, nell'URSS furono avviate 9.000 imprese industriali. In media, ogni anno vennero fondate 600 nuove grandi imprese - giganti della costruzione di macchine, della metallurgia e dell'energia. Grazie a ciò, la produzione di macchinari aumentò di 30 volte nel decennio e mezzo precedente la guerra, la produzione di elettricità 24 volte, la produzione dell'industria petrolifera e chimica 17,5 volte. All'inizio della guerra, il nostro Paese occupava il primo posto in Europa per i principali tipi di materie prime. Per molte di esse, era il leader mondiale. E le materie prime non venivano esportate a basso costo, ma venivano utilizzate principalmente per la produzione di prodotti sovietici di alta qualità.

Dopo l'attacco tedesco del giugno 1941, la nostra produzione iniziò a diminuire. In novembre si era quasi dimezzata. Ma entro la fine del primo anno di guerra, il regresso fu sostituito da una continua crescita industriale. Non si fermò fino all'inizio degli anni '90, al momento del proditorio crollo dell'URSS.

Nel 1942 avevamo quasi quadruplicato la produzione di carri armati rispetto alla Germania nazista, raddoppiato la produzione di aerei da guerra e triplicato la produzione di tutti i tipi di armi. A quel punto le centrali termiche di Chelyabinsk e Kirovo-Chepetsk, così come la centrale elettrica del distretto di Karaganda, iniziarono a funzionare. Nel giro di pochi giorni, le fabbriche di Magnitogorsk e Kuznetsk iniziarono a produrre tutti i tipi di acciaio necessari per le attrezzature militari. In totale, durante la Grande Guerra Patriottica, furono costruite 3.500 nuove grandi imprese e furono ripristinati 7.500 siti industriali distrutti. Dal luglio 1941 al 1° gennaio 1945, la superficie totale delle abitazioni costruite e restaurate dai costruttori sovietici è stata di 103 milioni di metri quadrati.

Questa è l’impresa compiuta dall'industria sovietica, dalla nostra economia che non ha vacillato di fronte al fascismo ma che, con l'avvento del capitalismo primitivo, è stata consegnata al saccheggio degli oligarchi russi e dei loro soci stranieri, che hanno trasformato la maggior parte delle imprese sovietiche in rovine. Quelle rimaste furono costrette a lavorare non per il popolo e il nostro Paese, ma per le loro tasche e per il beneficio dei loro padroni occidentali. Ciò che Hitler non era riuscito a realizzare, divenne realtà nella Russia borghese di Eltsin.

Sotto i colpi brutali della guerra, l'agricoltura dell'URSS si alzò con fiducia. Durante gli anni della guerra, la superficie coltivata nei distretti orientali aumentò di cinque milioni di ettari. La scienza agraria lavorò con successo per sviluppare nuove colture più resistenti al freddo. Le colture invernali seminate in Siberia aumentarono del 64%, in Kazakistan e in Asia Centrale del 44%. Da queste regioni, 67 milioni di carri merci furono trasportati al fronte e in altre aree di retrovia.

Gli invasori distrussero e bruciarono completamente o parzialmente 1.710 città e paesi, oltre 70.000 villaggi e insediamenti. Più di 6 milioni di edifici furono distrutti e 25 milioni di persone persero le loro case. Misero fuori uso circa 32.000 imprese industriali, 65.000 chilometri di ferrovie e 4.100 stazioni ferroviarie. Furono macellati o portati in Germania 7 milioni di cavalli, 17 milioni di bovini, 30 milioni di pecore e capre. Rasi al suolo 40.000 ospedali, 84.000 scuole, istituti tecnici e università, 43.000 biblioteche. Nessun altro Stato nella storia aveva subito perdite così ingenti per mano dei suoi nemici. Il mondo non ha mai visto un'aggressione militare, economica e ideologica così brutale e distruttiva come quella subita dall'Unione Sovietica.

Ma il risultato più grande fu la resistenza del potere sovietico al più terribile degli aggressori e la rapida ricostruzione post-bellica.

Un terzo dei beni strumentali distrutti dai nazisti fu ripristinato già prima della fine della guerra. Il livello di produzione industriale d'anteguerra fu raggiunto già nel 1948 e quello agricolo nel 1950. Il reddito reale pro capite nel 1950 era superiore del 40% rispetto al 1940. Tra il 1946 e il 1955 vennero costruiti 201 milioni di metri quadrati di abitazioni, quasi quanto durante tutti i piani quinquennali prebellici messi insieme.

Già prima della guerra, Joseph E. Davis, ambasciatore degli Stati Uniti in Unione Sovietica dal 1936 al 1939, scrisse nel suo libro “Missione a Mosca”: "Ciò che colpisce maggiormente nella pratica della pianificazione sovietica è l'audacia del processo decisionale e la tenacia dell'attuazione”.

Un contributo colossale alla vittoria sul nemico venne dalla scienza nazionale, che ora viene strangolata dal capitalismo predatorio. Il ruolo della nostra medicina in quegli anni in cui la morte incombeva su tutti sui campi di battaglia è inestimabile. Grazie al lavoro disinteressato dei medici, tre soldati e ufficiali su quattro ricoverati in ospedale con ferite gravi riuscirono a guarire. Cosa sarebbe successo loro nelle condizioni mediche cosiddette "ottimizzate" e fortemente ridotte come quelle odierne?

Il Gosplan sovietico iniziò a sviluppare il Quarto Piano Quinquennale nell'agosto del 1945, mentre l'URSS era ancora in guerra con il Giappone. L'obiettivo principale era quello di ripristinare i livelli di produzione prebellici. Fu istituito un controllo speciale per l'estrazione dell'oro e la produzione di metalli preziosi, un'industria importante che ora è in mano a privati e fuori dal controllo statale e pubblico. Di conseguenza, i risultati ottenuti hanno superato di gran lunga le cifre previste. Alla fine del primo piano quinquennale del dopoguerra, il reddito nazionale era superiore del 64% rispetto al 1940.

Durante la solenne riunione al Cremlino del 6 novembre 1944, Stalin aveva tutte le ragioni per dichiarare: "La base economica dello Stato sovietico si è dimostrata incomparabilmente più valida delle economie dei paesi nemici. Il sistema socialista, nato dalla Rivoluzione d'Ottobre, ha dato al nostro popolo e al nostro esercito una forza immensa e irresistibile.

La forza del socialismo, di cui Stalin parlava dal palco del Cremlino nel 1944, ha reso l'URSS la prima potenza scientifica e spaziale del mondo negli anni della pace, ha reso il nostro paese uno dei leader del progresso, arrivando un quinto della produzione industriale mondiale.

E’ necessario un programma di recupero

All'inizio degli anni '90, alla Russia è stato imposto un sistema socio-economico totalmente sbagliato. Tre decenni dopo l'abbandono del socialismo, non abbiamo ancora raggiunto il livello degli anni '90. Il paese non ha recuperato ciò che è stato distrutto. Il Paese non ha recuperato ciò che è stato distrutto non dalla guerra, ma dall'irresponsabilità e dal tradimento, dall'avidità degli oligarchi e dai crimini della corruzione.

L'ascesa delle idee di sinistra in tutto il mondo sta provocando una disperata resistenza da parte del capitale transnazionale. Anche forze influenti in Russia stanno agendo dalla loro parte. Cercano di mantenere intatto il modello socio-economico distruttivo. Questi liberali revanscisti si oppongono in ogni modo possibile alla revisione del sistema stabilito. E non sono disposti ad abbandonare il percorso che è stato imposto a tutti noi negli anni Novanta.

Noi comunisti sappiamo che dal punto di vista dei grandi processi mondiali, il comportamento dei compradores russi è la resistenza di un partito storicamente condannato. Ma oggi sta costando caro al nostro Paese e ai suoi cittadini. Stanno cercando di affossare la Russia aggravando la crisi economica e intensificando la "quinta colonna".

Gli strateghi occidentali sono entusiasti degli evidenti difetti del sistema borghese russo. I nostri avversari sanno bene cosa è successo dopo la distruzione del modello sovietico. Sono stati loro, insieme a Eltsin, Gaidar, Chubais e Kozyrev, a dare forma a quella che hanno definito in modo derisorio la "nuova Russia". E intanto ci hanno fatto sprofondare nel capitalismo più ammuffito, primitivo e canagliesco. Coloro che hanno posato molte mine sotto la base dello Stato russo si stanno ora sfregando le mani.

Coloro che gestiscono l'economia russa non hanno ancora una ferma volontà di rompere con l'ideologia imposta dai globalisti, né hanno un chiaro programma di cambiamento nel nostro interesse nazionale. Pensavamo che nelle attuali circostanze le autorità avrebbero finalmente formulato un nuovo orientamento socio-economico e rifiutato l'ideologia dei nemici del socialismo. Invece, ci hanno imposto ancora una volta un bilancio di dipendenza dalle materie prime e di arretratezza tecnologica. In quasi tutti i settori chiave c'è un aumento simbolico dei fondi, che in realtà significa una riduzione in termini reali, tenendo conto dell'inflazione, o una riduzione anche in termini nominali.

Il blocco economico e finanziario del governo continua a ignorare la necessità di rompere con le strutture neocoloniali del capitale globale, come il Fondo Monetario Internazionale e l'Organizzazione Mondiale del Commercio. Continuano a rimanere aggrappati all'ideologia di uno stato appendice dell'Occidente per le materie prime, che nega le prospettive di uno sviluppo significativo e di una crescita economica verso l’estero. Le conseguenze negative di questa situazione sono evidenti.

Negli ultimi dieci anni, la nostra economia è cresciuta a un tasso medio annuo non superiore all'1%. Nel 2022 subirà addirittura una contrazione del 2%. Gli esperti del Dipartimento di Economia Politica dell'Università Statale di Mosca hanno concluso che il PIL della Russia è attualmente solo del 20-25% superiore al livello del 1990. Mentre la media mondiale è quasi triplicata dal 1990. Pertanto, la crescita economica mondiale media degli ultimi tre decenni è stata almeno 12 volte più veloce di quella della Russia. Lo stesso si può dire degli Stati Uniti e dei principali Stati europei, le cui economie sono cresciute di 2 o 3 volte dal 1990.

L'economia cinese invece è cresciuta di 8 volte dalla metà degli anni '90. La differenza tra i risultati del capitalismo oligarchico e del socialismo rinnovato sotto la guida del Partito Comunista è evidente a tutti. È da questo che dobbiamo partire se vogliamo salvare il Paese, per condurlo sulla strada della vittoria e del successo nello sviluppo indipendente.

In questi dieci anni, il reddito reale dei cittadini è diminuito del 12%. Per quanto riguarda il salario minimo, siamo al sesto posto tra i dieci paesi più poveri. Con l'attuale politica fiscale, la Russia, secondo l'UNESCO, è scesa al 121° posto nel mondo per quanto riguarda il livello di spesa sanitaria in relazione al PIL, all'84° posto per quanto riguarda il livello di spesa per l'istruzione e al 37° posto per quanto riguarda il livello di finanziamento della scienza.

Anche per i più ricchi si applica la stessa scala di tassazione piatta che si applica ai cittadini con reddito medio e basso. I miliardari contribuiscono alle casse pubbliche quanto i mendicanti. Il governo non è ancora disposto a rivedere questa regola, abbandonata da tempo da quasi tutto il mondo.

In epoca sovietica, uno scienziato su quattro nel mondo era cittadino dell'URSS. Il numero di scienziati altamente qualificati nel nostro Paese è diminuito di almeno un terzo negli ultimi 30 anni. Nel 2022, il calo del numero di scienziati è continuato. Rispetto al 2021, è diminuito del 2,5% e del 9% rispetto al 2010. Non è esagerato dire che si tratta di una minaccia strategica in un momento in cui la sovranità tecnologica è assolutamente necessaria per la sopravvivenza e lo sviluppo.

In un rapporto dello scorso anno, Il fragile vettore dell’economia russa, gli stessi esperti della Università Statale di Mosca hanno concluso che il modello economico adottato in Russia dopo il crollo dell'URSS è categoricamente inefficiente e contrario agli obiettivi di sviluppo. La gestione dell'economia nella sua forma attuale è altrettanto inefficiente e irresponsabile, come risultato diretto di privatizzazioni avventurose e predatorie.

A seguito di operazioni di privatizzazione praticamente illegali, la maggior parte delle aziende russe è finita nelle mani di proprietari che non sono in grado di gestirle efficacemente. Non vogliono investire nello sviluppo, sono interessati solo al profitto personale e hanno trasferito all'estero ingenti risorse finanziarie. Il governo possiede solo il 15% delle attività strategicamente importanti. I risultati deplorevoli della privatizzazione prevalgono sull'economia nazionale, predeterminandone la natura e le prospettive.

Gli scienziati ritengono che l'unica via d'uscita da questa situazione sia il trasferimento di settori strategicamente importanti dell'economia nelle mani dello Stato. La nazionalizzazione delle imprese chiave e la rimozione dell'oligarchia dalla gestione dell'economia sono tra le priorità. Gli esperti chiedono anche di riprendere la pratica sovietica dei piani quinquennali. Questi dovrebbero includere principalmente il ripristino delle strutture esistenti e la creazione di nuove strutture per lo sviluppo tecnologico avanzato.

Queste conclusioni coincidono pienamente con le richieste del nostro partito. I nostri documenti programmatici sottolineano con forza la necessità di un nuovo orientamento socio-economico. Il Paese si trova di fronte a compiti socio-economici di vasta portata. La loro risoluzione richiede una revisione fondamentale della politica degli ultimi 30 anni. Senza di essa, non saremo in grado di resistere.

Le sanzioni occidentali hanno distrutto il vecchio modello di interazione della Russia con il mondo esterno. In una situazione del genere, tappare le falle non ci salverà. È necessario un cambiamento nella politica economica e finanziaria. La transizione verso i binari della nuova industrializzazione è ciò che garantisce la nostra sovranità.

La Russia ha bisogno di una modernizzazione su larga scala, di una rapida crescita dell'industria nazionale e di un rapido spostamento delle esportazioni e delle importazioni verso est.

È giunto il momento di riconoscere che il settore privato non deve gestire le industrie di base. Oggi che la crescita economica è una questione di salvezza nazionale, il ruolo dello Stato deve essere decisivo. Solo lo Stato è in grado di realizzare priorità come l'aiuto alla produzione, il sostegno ai poveri e l'espansione delle relazioni economiche esterne in nuove direzioni. È dovere delle autorità riconsiderare la direzione sbagliata che ha portato a enormi perdite.

Alla fine dello scorso anno, il Presidente Putin, in occasione di una riunione del Consiglio per lo Sviluppo e i Progetti Nazionali, ha individuato sei obiettivi socio-economici chiave per il 2023:

- riorientare il commercio

- rafforzare la sovranità tecnologica

- stimolare la crescita del settore manifatturiero

- sovranità finanziaria

- aumentare il reddito dei cittadini

- proteggere madri e bambini.

A marzo di quest'anno, nella sua relazione alla Duma di Stato, il governo ha confermato l’impegno a raggiungere questi obiettivi. E’ un  fatto positivo. Tuttavia, una soluzione efficace a questi importanti compiti sociali ed economici è possibile solo sulla base di una politica nuova ed equa e di un programma d'azione chiaro.

La Russia ha tutte le risorse necessarie per invertire le tendenze pericolose e proteggere il suo presente e il suo futuro. Il modo migliore per combattere la crisi capitalistica è liberarsi del capitalismo stesso! Lo dimostra il nostro programma di misure urgenti per rilanciare la Russia, approvato dal Forum Economico Internazionale di Orël. Chiediamo giustamente la de-oligarchizzazione dell'economia, la nazionalizzazione delle industrie strategiche, la subordinazione del sistema finanziario agli obiettivi di sviluppo accelerato e il rilancio della pianificazione statale. Il nostro programma è sostenuto da scienziati, medici, docenti e dirigenti delle migliori aziende. Contiene un piano d'azione concreto e dettagliato per raggiungere gli obiettivi strategici del Paese.

Vi si mostra chiaramente come porre fine alla politica di schiacciamento dell'industria nazionale e strappare le industrie più importanti dalle mani del capitale straniero; liberarsi dal diktat finanziario e legale di strutture transnazionali come il Fondo Monetario Internazionale, la Banca Mondiale e il WTO; ripulire le nostre industrie strategiche dagli agenti stranieri; attuare un vasto programma di sviluppo nazionale per l'elettronica, l'aeronautica, le macchine utensili, l'energia, la farmaceutica, la produzione di veicoli, la lavorazione del legno, ecc.

350 miliardi di euro sono stati rubati e "congelati" nelle banche occidentali. L'oligarchia si è affrettata a ritirare altri 250 miliardi di euro dalla Russia.

Il nostro programma è un programma di nuova industrializzazione con il coinvolgimento di centri scientifici per rilanciare la scienza industriale e triplicare la spesa per la ricerca e lo sviluppo.

Il nostro programma prevede un nuovo fondo per lo sviluppo che potrebbe essere aumentato a 40.000 miliardi di rubli in un tempo relativamente breve. Si tratta di una trasformazione sociale completa, la cui misura più importante è quella di dare ai nostri cittadini un'istruzione e un'assistenza medica gratuita e di qualità. Questo significa riportare l'età pensionabile al livello precedente, ovvero 55 anni per le donne e 60 per gli uomini.

Nel nostro programma per la vittoria abbiamo riassunto le nostre principali proposte e richieste e ne abbiamo aggiunte di nuove per rispondere ai più importanti cambiamenti recenti. Abbiamo presentato alla Duma di Stato una serie di proposte di legge estremamente importanti che forniscono un sostegno completo alla sfera sociale e ai settori chiave dell'economia.

La validità del nostro programma è stata dimostrata in modo convincente in numerose audizioni parlamentari e tavole rotonde dedicate ai problemi dell'industria nazionale, del settore agricolo, della medicina, dell'istruzione e della scienza. Abbiamo riunito qui i migliori scienziati, i più grandi specialisti del settore, le cui conoscenze e i cui suggerimenti devono essere presi in considerazione nello sviluppo di una nuova politica per perseguire i nostri interessi nazionali.

Per vincere la battaglia contro coloro che ci hanno dichiarato guerra e cercano la distruzione della Russia, abbiamo bisogno di una mobilitazione nei campi dell'economia e dell'ideologia, della scienza e della cultura. Ciò richiede una nuova industrializzazione, un'economia pianificata e che siano fornite informazioni, non sulla base di dichiarazioni vuote e rumorose, ma sulla base di una  politica autentica nell'interesse del Paese e dei suoi cittadini.

La storia ci ha dato ragione in modo convincente. Il socialismo ha dimostrato più volte il suo potere creativo e il suo ruolo salvifico nel destino della patria. Il Grande Ottobre ha salvato il nostro pianeta dalla Prima Guerra Mondiale e la Grande Vittoria del maggio 1945 ci ha salvato dalla Seconda Guerra Mondiale. Poi siamo stati salvati dalla parità dei missili nucleari, che ancora oggi garantisce la nostra sicurezza.

In diverse occasioni, l'Occidente ha calato la "cortina di ferro" di fronte all'Unione Sovietica. Ma la posizione di leadership dell'URSS si è rafforzata. Come l'ha ottenuta? Grazie all'indipendenza economica! Un'indipendenza che possiamo riconquistare solo costruendo su basi socialiste.

Preservare le vite, salvare le menti

Il problema principale della sicurezza del Paese è la salvaguardia della popolazione. Per sopravvivere, abbiamo bisogno di 200 milioni di persone nel nostro vasto territorio. E per difendere questo territorio di 16 milioni di chilometri quadrati, abbiamo bisogno di un esercito di almeno un milione e mezzo di uomini. Eppure, fino ad oggi, la situazione demografica è categoricamente contraria a queste esigenze strategiche del Paese.

All'inizio degli anni '70, l'URSS superava non solo gli Stati Uniti, ma anche la maggior parte dei principali paesi europei in termini di aspettativa di vita. All'inizio del XX secolo, l'aspettativa di vita in Russia era in media di 17 anni inferiore a quella degli Stati Uniti.

Nel 1900, la Russia aveva una popolazione di 70 milioni di abitanti. Cinquant'anni dopo erano 102 milioni. E questo nonostante due guerre mondiali. Nei 40 anni successivi, siamo cresciuti di quasi 50 milioni. Nel 1990 eravamo 148 milioni e oggi siamo due milioni in meno. In 30 anni, quindi, la popolazione non solo non è aumentata, ma è addirittura diminuita.

I fattori distruttivi alla base della catastrofe demografica, che sono una conseguenza diretta degli attuali sviluppi sociali ed economici, sono ancora all'opera. Senza esagerare, la Russia si sta estinguendo per il quinto anno consecutivo.

Dal 2018, la popolazione è diminuita di 2,5 milioni di persone, con un calo medio di 1.500 persone al giorno. Solo l'anno scorso il calo è stato di 600 mila persone. Nel frattempo, il tasso di natalità nel 2022 è calato del 6% rispetto al 2021. Ci sono state solo 9 nascite ogni 100.000 abitanti, il dato peggiore dal 2001. Secondo gli specialisti del Ministero della Salute, più della metà degli uomini russi non vivrà fino a 65 anni.

Questi enormi problemi sono strettamente legati all'alto tasso di divorzi. Secondo le statistiche ufficiali, ci sono 60-65 divorzi ogni 100 nuovi matrimoni. Si tratta di uno dei tassi peggiori al mondo. In altre parole, due terzi delle unioni familiari si sciolgono. La metà delle coppie sciolte non fa in tempo ad avere figli.

Alla base di tutti questi fenomeni ci sono problemi sociali che causano insicurezza nel futuro, nella possibilità di garantire ai bambini una vita dignitosa, un alloggio, cibo normale, cure e una buona istruzione.

La crisi demografica porta direttamente a una crisi del lavoro, che minaccia anche la nostra sicurezza nazionale. Nell'aprile del 2023 sono stati resi pubblici i risultati dello studio della Banca Centrale, secondo cui la Russia sta vivendo la più grave carenza di specialisti della sua storia. E soprattutto di giovani.

Oltre al salvataggio fisico delle persone, il salvataggio spirituale è di grande importanza. I detrattori della Russia si sono posti come obiettivo della guerra dell'informazione quello di corrompere le anime e distruggere la verità. Nella feroce lotta contro l'Occidente collettivo, non è sufficiente costruire un potenziale militare. Per andare avanti, il mondo russo ha bisogno di valori ispiratori, di una visione del mondo basata sulle idee di giustizia sociale. L'istruzione e la cultura dovrebbero essere le fondamenta più importanti.

La distruzione dell'URSS e le riforme liberali sono state accompagnate da una brutale guerra ideologica volta a distruggere il sistema unico di educazione delle giovani generazioni. Migliaia di bambini sono stati lasciati in balia della strada. Sono stati indottrinati con i "valori occidentali", che includono la tossicodipendenza, la prostituzione minorile, la derisione delle gesta eroiche e il nichilismo nei confronti della società. I programmi scolastici sono stati privati di tutto ciò che raccontava le conquiste del paese dei soviet e dei suoi giovani, le vittorie al fronte e nelle retrovie, la conquista dello spazio e i cantieri di ricostruzione dell'Unione.

A metà del XX secolo non avremmo vinto la battaglia contro il fascismo armato senza la modernizzazione leninista-stalinista degli anni venti e trenta. La sua solida base fu il brillante sviluppo del sistema educativo. Il paese intero prese posto sui banchi di scuola, centinaia di migliaia di giovani - provenienti dalle file della classe operaia, dei contadini e dell'intellighenzia operaia - entrarono nelle università e nelle scuole tecniche superiori. Come sottolineò Stalin al 18° Congresso del Partito, "si è così creata una nuova intellighenzia sovietica, strettamente legata al popolo e pronta a servirlo fedelmente in massa".

Le parole di Stalin sono confermate dalle biografie dei migliori scrittori, poeti, registi e compositori sovietici, che ci hanno lasciato una struggente cronaca della Grande Guerra Patriottica. Tra le pagine di questa cronaca troviamo La giovane guardia di Alexander Fadeyev, Combatterono per la patria di Mikhail Sholokhov e le poesie in prima linea di Konstantin Simonov. Questi illustri autori hanno creato opere che hanno fatto la gloria della letteratura sovietica. Erano corrispondenti di guerra in quegli anni difficili, lavoravano in prima linea e rischiavano la vita. Nel 1942, Yuri Bondarev lasciò la scuola per andare al fronte. Il futuro autore del racconto I battaglioni vogliono fuoco e del romanzo Neve infuocata, che sono tra i migliori esempi di letteratura di guerra, partecipò alla battaglia di Stalingrado, forzò il Dnieper, liberò Kiev dai fascisti.

Circa l'80% degli abitanti della Russia pre-rivoluzionaria non sapeva né leggere né scrivere. Questo è uno dei motivi per cui la Prima Guerra Mondiale si esaurì rapidamente: non potevano, non erano pronti a combattere. L'istruzione primaria universale fu introdotta in Russia solo nel 1916, quando ci rendemmo conto di quanto fosse vulnerabile un soldato semianalfabeta. Ma le perdite non potevano essere recuperate.

I sovietici impararono questa lezione nel modo più duro. Rendendo l'istruzione e la cultura più ampiamente disponibili, le portarono a livelli mai visti prima. In questo modo prepararono i quadri alla grande svolta industriale dell'URSS e alla vittoria futura.

Il percorso imposto al Paese negli anni '90 ha schiacciato la nostra istruzione per decenni. Ha minato le scienze di base e applicate. Abbiamo dovuto lottare per diversi anni per risolvere una questione apparentemente ovvia: in Russia deve esserci una giornata della lingua russa!

Il 22 novembre 1994, la Banca Mondiale ha presentato un rapporto intitolato "Russia. Educazione in transizione". Questo rapporto presenta un piano per la distruzione del nostro sistema educativo. Una parte del rapporto è dedicata all'istruzione primaria, di cui si propone l'abolizione in quanto inutile. Anche l'intero sistema di insegnamento delle materie sociali doveva essere distrutto. Le materie di base furono svalutate. Si trattava di matematica, russo e letteratura, materie che formavano l'uomo, il cittadino e lo specialista. Anche gli ingegneri non erano necessari. Al loro posto furono introdotti diplomi di laurea e master.

È deplorevole che questo piano distruttivo sia stato ampiamente adottato. È urgente porre rimedio a questa situazione. Non possiamo raggiungere una svolta industriale ed economica senza un aumento del sostegno statale all'istruzione e alla scienza. Ma in un paese in cui in epoca sovietica, anche durante gli anni più difficili della guerra, veniva destinato all'istruzione fino al 17% della spesa totale del bilancio statale, oggi questa spesa non supera il 4% della spesa totale del bilancio e non raggiunge nemmeno l'1% del PIL.

Certo, non possiamo che essere contenti che il discorso presidenziale del febbraio 2023 abbia finalmente annunciato che la Russia avrebbe abbandonato il difettoso ‘sistema di Bologna’ per tornare al modello tradizionale di istruzione. Ma finora questo è l'unico passo avanti rispetto al vecchio vicolo cieco. Devono essere compiuti altri passi. In un discorso all'Assemblea Federale e al governo, in occasione della tavola rotonda dell'aprile 2023 su "Scienza e istruzione sotto sanzioni" organizzata dalla KPRF, abbiamo chiesto di adottare le seguenti misure:

- Garantire pari opportunità di istruzione ai cittadini russi, indipendentemente dal loro status finanziario e sociale;

- Aumentare la quota di finanziamento dell'istruzione nazionale ad almeno il 7% del PIL, ovvero raddoppiarla, entro cinque anni.

- Esaminare e sostenere, quanto prima, un pacchetto di proposte di legge per migliorare lo status del personale docente e aumentare le indennità degli studenti;

- aumentare gli stipendi di base del personale docente ad almeno il 70% dello stipendio medio della regione e della Federazione Russa nel suo complesso;

- riconoscere l'istruzione come una delle principali priorità della politica statale nella formazione dei bilanci federali e regionali.

Le basi per tutto questo sono state gettate. È la legge sull'istruzione per tutti che abbiamo sviluppato. Il KPRF ritiene che il compito più importante sia quello di rendere nuovamente popolare la nostra cultura e il nostro sistema educativo. È giunto il momento di valorizzare ancora una volta le conquiste di tutti i popoli dell'Unione Sovietica, incarnate nell'unica civiltà sovietica. I nostri antenati hanno creato una delle culture più brillanti del mondo moderno. E tutti nel nostro Paese devono capire fin da piccoli che questo ci dà il diritto di essere orgogliosi, ma ci impone anche una grande responsabilità.

L'apogeo sovietico del mondo russo

È necessario sottolineare che il merito più importante nella sacra causa della difesa dell'Unione Sovietica e del mondo intero contro l'invasione nazista appartiene al Partito Comunista. Questo merito è intellettuale, organizzativo e militare. I membri del CPSU e della sua ala giovanile - il Komsomol di Lenin - costituivano più della metà delle forze dell'Armata Rossa.

I comunisti e i membri del Komsomol erano in prima linea, i primi a dare la vita per la patria e la causa del socialismo. I combattenti sovietici che non avevano ancora aderito al partito si mettevano un biglietto nel taschino prima di una battaglia mortale: "Se mi uccidono, per favore consideratemi un comunista". Questo era l'ultimo desiderio di questi uomini altruisti. Non ci può essere prova più convincente della fede disinteressata del popolo nel potere sovietico e nel Partito Comunista. Non ci può essere prova più convincente del fatto che il potere sovietico e il Partito meritavano pienamente la fiducia del popolo. E così facendo, si sono guadagnati la Grande Vittoria.

È impossibile sradicare dalle menti del nostro popolo la fiducia nell'ordine sociale che ha permesso alle persone di vivere secondo le leggi dell'uguaglianza e della giustizia. Lo ha fatto rifiutando lo sfruttamento capitalistico e il potere dei ricchi su milioni di poveri, che regnavano in modo così mostruoso nel nostro Paese all'inizio del XX secolo. I comunisti hanno creato un paese i cui figli vittoriosi hanno gettato i vessilli dei conquistatori sconfitti sul mausoleo di Lenin. Così facendo, hanno dimostrato che l'esercito più forte del mondo è l'esercito del socialismo. È l'esercito che unisce nei suoi ranghi coloro che costruiscono una società sulla base dell'uguaglianza e della giustizia.

La civiltà sovietica è stata il picco storico del mondo russo - militarmente, economicamente, socialmente e spiritualmente. L'attuale "partito al governo" non ha né l'intelligenza, né la coscienza, né la volontà di adottare questa esperienza eccezionale. Intorno al Presidente vediamo molti portatori del patriottismo della Guardia Bianca, un'ideologia confusa e fuorviante, perversa e ingannevole. Vorrei ricordarvi che fu proprio questa ideologia a portare i suoi esponenti al tradimento nazionale e alla sconfitta storica durante la Guerra Civile. La Russia fu poi salvata dal collasso grazie alla vittoria dei bolscevichi sugli interventisti e sui loro complici, i leader del movimento bianco, che erano diventati collaborazionisti.

È giunto il momento di proteggere la nostra casa comune dalla feccia fascista, dai nuovi cavalieri teutoni, dai folli seguaci di Hitler. Sulle spalle delle attuali generazioni russe grava una speciale responsabilità storica: fermare lo scivolamento nell'abisso. Per ottenere una nuova e grande vittoria, la nostra madrepatria ha bisogno di un'economia efficiente, di un alto livello di scienza e istruzione, di una capacità militare affidabile e del sostegno dei suoi alleati in tutto il mondo.

La chiave della vittoria è la fermezza del popolo e la sua forza ideologica in ogni confronto. Abbiamo l'esperienza dei nostri antenati che hanno risposto ai pericoli con l'unità. La Russia ha bisogno del consolidamento di forze patriottiche sane per la protezione, lo sviluppo e la prosperità della nostra amata patria. Il nostro Paese ha bisogno di un nuovo tipo di "contratto sociale", la cui base principale è un atteggiamento rispettoso verso il popolo, la solidarietà dei lavoratori e il profondo rispetto per la posizione dei cittadini.

Un fronte patriottico contro l'Occidente imperiale non può nascere dal diritto degli uni di opprimere e derubare gli altri. Richiede un deciso rifiuto di tutte le illusioni imposte con la forza al nostro Paese alla fine del XX secolo. Il dogmatismo neoliberista è costato caro al nostro popolo. Qualsiasi tentativo di continuare a inculcare l'odio per l'era sovietica deve essere riconosciuto come una pratica rovinosa e criminale.

Per conquistare la vittoria e risolvere i grandi compiti storici, la Russia deve riunirsi intorno a idee creative e simboli luminosi. Con le lacrime agli occhi e l'orgoglio nel cuore, il nostro popolo onora le più grandi conquiste dei suoi antenati durante i giorni di maggio. In questi momenti speciali, è inammissibile nascondere il suo simbolo più importante, il mausoleo di Lenin, il cui drappeggio durante le feste nazionali è palesemente cinico e assolutamente inammissibile. L'ho detto in una lettera aperta al Presidente Putin nell'aprile del 2023, poco prima di un altro anniversario della nascita del fondatore dello Stato sovietico, Vladimir Lenin.

Vi ricordo un'altra poesia che il poeta sovietico Stepan Shchipashov scrisse all'inizio della Grande Guerra Patriottica.

Dal bronzo di Lenin. Pioppi nella polvere.

Rovine di una stazione ferroviaria distrutta

La sera i tedeschi entrarono in città

E la statua fu fatta cadere dal suo piedistallo...

L'Oberst nazista dormiva profondamente la notte

Dormiva profondamente,

e al mattino rimase sbigottito

Come prima, il Lenin di bronzo

in piedi nel bronzo,

sollevato da una forza invisibile...

Era risorto dalle sue ceneri.

Dobbiamo considerare la celebrazione del Grande Giorno della Vittoria come l'atto più importante per riunire il popolo. Il significato e il contenuto di questo evento sono sacri. Anche tutti i suoi simboli sono sacri. La vergognosa pratica di coprire il mausoleo di Lenin è degradante e intollerabile. Non è degna di un paese che sta sfidando con coraggio gli eredi degli hitleriani, che i nostri antenati hanno sconfitto sotto la bandiera di Lenin.

Nel contesto della lotta contro la rinascita del fascismo, l'atteggiamento nei confronti della storia sovietica è diventato una prova di maturità e responsabilità per ogni forza politica in Russia. Potete chiamarvi democratici o patrioti quanto volete e rinnegare il socialismo. Ma il passato è già qui. Mettere in discussione le conquiste del popolo sovietico e del suo Stato significa stendere il tappeto per lo stesso fascismo. E il fascismo, a prescindere dal suo colore, porta male, degrado e vittime colossali.

Per un fronte antifascista e un futuro migliore per il pianeta

Non basta condannare il male. Il male deve essere combattuto. Deve essere sconfitto. Ecco perché il 22 aprile 2023, anniversario della nascita di Lenin, si è svolto un evento speciale nell'eroica città di Minsk, organizzato su iniziativa dei Partiti Comunisti di Russia e Bielorussia, con il sostegno dell'UPC-PCUS. I rappresentanti di due dozzine di paesi dell'Asia, dell'America e dell'Europa si sono riuniti in un luogo iconico: il Museo della Storia della Grande Guerra Patriottica.

Ci siamo riuniti per organizzare il nostro primo Forum Internazionale Antifascista e per dire un fermo "no" alla guerra e alla reazione, al neofascismo e all'oppressione. Lo abbiamo fatto in Bielorussia, dove il numero di vittime e di distruzioni durante gli anni di lotta contro l'hitlerismo è stato particolarmente alto. Ogni centimetro di quella terra sacra è cosparso del sangue di milioni di vittime del nazismo. Un abitante su tre della Repubblica Socialista Sovietica Bielorussa fu sterminato dagli aggressori nazisti.

I partecipanti al forum antifascista hanno ricordato con fermezza che il nazismo è stato una conseguenza diretta della crisi del capitalismo. È nato dalla sete del grande capitale di mantenere il potere sui lavoratori a tutti i costi. A tal fine, gli imperialisti scelsero di sostenere le forze più oscure. Portarono al potere Hitler, Mussolini, Franco e altre canaglie. I nazisti passarono da una forza politica marginale a una forza gigantesca che minacciava di conquistare il mondo.

I popoli del mondo non hanno il diritto di dimenticare l'esperienza di queste grandi battaglie. Nel 1936 scoppiò la guerra civile spagnola con il sostegno della Germania nazista e dell'Italia fascista. Il governo popolare, nonostante il sostegno dell'URSS e di altre forze progressiste, non potè resistere. Questo aprì la strada alla peggiore guerra della storia umana. Furono compiuti passi decisivi verso i forni e le camere a gas di Buchenwald e Mauthausen, Dachau e Sobibor, Majdanek e Auschwitz.

Il mondo ha pagato un prezzo enorme per liberarsi del nazismo. La gloria immortale ha ricoperto gli eroi di quella lotta: soldati e ufficiali dell'Armata Rossa, soldati della coalizione anti-Hitler, dell'Esercito Popolare di Liberazione Cinese, della Resistenza francese e italiana, membri della resistenza antifascista tedesca, partigiani jugoslavi e coreani, patrioti polacchi e cecoslovacchi.

La bandiera rossa che sventola sul Reichstag nel maggio 1945 non è solo un fatto eroico del passato. Il senso e il significato della grande vittoria sul fascismo sono rivolti al futuro. Risuonano nei cuori delle nuove generazioni.

Anche oggi la situazione sta diventando sempre più allarmante. Il neocolonialismo sta prendendo piede in Africa e nelle Americhe. Gli imperialisti stanno scaldando la situazione in Asia. Il fumo nero dei fuochi di guerra si diffonde in Europa e in altre parti del mondo al suono degli spari. Il dolore e la sofferenza umana si moltiplicano. Si sentono i gemiti dei feriti e dei morenti. Scorrono le lacrime delle madri in lutto. La sagoma minacciosa della svastica si staglia sempre più chiaramente nell'abisso che si apre. La minaccia mortale della vendetta nazista diventa chiara. La bestia del nazismo è diventata più coraggiosa ed è uscita dalla sua tana in cerca di nuove vittime.

Le persone di buona volontà avranno bisogno di unità e coraggio nella battaglia contro il male assoluto. E questo significa combattere la sua causa principale. Il capitalismo, nella sua forma neoliberista, ha creato un sistema globale di saccheggio di interi paesi e popoli. Si è macchiato attaccando la Jugoslavia, l'Iraq, l'Afghanistan, la Libia e la Siria. Ha tentato di rovesciare i governi legittimi in Venezuela, Nicaragua e Bielorussia. Sono state imposte sanzioni senza precedenti ai popoli russo e cinese, a Cuba e alla Corea del Nord. Le minacce militari e i ricatti politici sono sempre più utilizzati.

Alla vigilia della Seconda Guerra Mondiale, le truppe d'assalto di Hitler erano guidate dal capitale finanziario. Nel XXI secolo, questo è di nuovo alla guida dei nuovi nazisti. Il fascismo sconfitto non è scomparso dalla faccia della terra. L'oligarchia mondiale ha bisogno dei suoi servizi. Pertanto, i cani da guardia nazisti marciano a Vilnius e Tallinn. I libri vengono bruciati a Kiev. I monumenti ai soldati-liberatori sovietici vengono demoliti a Varsavia. I parlamentari europei lanciano vili risoluzioni che tentano di equiparare il nazismo di Hitler al socialismo sovietico.

In Ucraina, il sostegno degli Stati Uniti e della NATO ha elevato l'ideologia nazista a Stato. I banderisti di Kiev hanno trasformato l'Ucraina in un campo di concentramento per i dissidenti. Hanno bandito i media indesiderati, strangolato l'opposizione e lanciato massacri contro i comunisti. I nazisti hanno arse vive le persone a Odessa, le hanno fatte saltare in aria e uccise all'angolo della strada. I combattenti di Azov, i cui galloni sono ornati da una zanna di lupo, hanno terrorizzato il Donbass per anni. Tutti coloro che hanno preservato gli ideali di fratellanza delle nazioni e la fedeltà alla Grande Vittoria sul fascismo sono stati oggetto di repressione.

I governi occidentali stanno rifornendo di armi l'Ucraina banderista. Zelensky desidera già un arsenale nucleare. Ma i signori della NATO non hanno ancora dato l'allarme. Inoltre, Londra ha iniziato a discutere la possibilità di consegnare ai neonazisti munizioni all’uranio impoverito .

I paesi della NATO non hanno solo riempito il mondo di basi militari. Quattrocento laboratori biologici americani sparsi per il mondo stanno sperimentando virus e batteri pericolosi. Le conseguenze di questi esperimenti minacciano la razza umana.

I comunisti hanno sempre insistito sul fatto che "il fascismo è guerra". Questo è confermato anche oggi. I bacilli della "peste bruna" sono troppo pericolosi. Devono essere decontaminati con decisione e rapidamente. Gli orrori condannati dal tribunale internazionale di Norimberga non devono ripetersi. Bisogna impedire che la reazione globale faccia precipitare il mondo in una nuova catastrofe. Compiti di tale portata vanno oltre il potere dei singoli eroi. Per realizzarli è necessario l'attivismo di massa dei lavoratori e dei popoli.

In un'analisi completa della situazione, i partecipanti al Forum Internazionale Antifascista di Minsk hanno anche sottolineato la crisi sempre più profonda dell'ideologia borghese. Infatti, i globalisti nascondono le loro pericolose azioni sotto studi pseudo-intellettuali. Traggono facilmente le idee più reazionarie sul "superuomo" e sulla "superiorità razziale" dalle teorie di Nietzsche, Chamberlain e Gobineau. Viene preparato un miscuglio di neo-malthusianesimo e post-umanesimo. Ci sono deliri misantropici sulla "priorità del progresso tecnologico rispetto allo sviluppo sociale". Le vecchie idee che hanno ispirato Hitler e i suoi collaboratori sono avvolte in un pacchetto pseudo-scientifico di "bioingegneria" da parte di Klaus Schwab e altri come lui. Vizi e perversioni vengono glorificati con la scusa dei valori umanistici.

Questo tipo di falsa "innovazione" è promossa da chi ha pregiudizi etnici e razziali e cerca di vendicarsi di chi ha combattuto contro il fascismo e il colonialismo. Questi ambienti sono ossessionati dal controllo totale dell'umanità. Annunciando l'abolizione della grande cultura russa, la "irrilevanza" di Pushkin, Dostoevskij, Tolstoj, Tchaikovsky, stanno attaccando la cultura umanista del mondo, cercando di portarci in un'epoca di barbarie senza precedenti e di campi di concentramento elettronici.

È chiaro anche ai pensatori progressisti che il neoliberismo è un nemico feroce dello sviluppo indipendente e delle norme democratiche. I sistemi politici occidentali sono degenerati in autocrazie assolute. Le élite borghesi hanno perso il contatto con i valori della libertà e dell'umanesimo. Mentre il capitalismo si contorce per il dolore, si è dimostrato pronto per la reincarnazione del fascismo. La reazione mondiale incoraggia attivamente gli eredi di Hitler e Mussolini, Franco e Salazar, Antonescu e Mannerheim, Pilsudski e Quisling. Falsifica cinicamente i fatti storici nella speranza di distruggere la memoria della Seconda Guerra Mondiale.

Per tutte le forze pacifiche del mondo, la chiave del successo è l'unità nella lotta, la coesione e la capacità di andare all’attacco. Una resistenza vittoriosa contro la reazione globale non può che essere globale. Solo la solidarietà internazionale può salvare l'umanità dalla minaccia fascista e dalla discesa nell'abisso della guerra mondiale.

Il documento finale del Forum Antifascista di Minsk lo sottolinea: i piani del "nuovo ordine mondiale" si stanno trasformando in aggressione e conflitto, neofascismo e neocolonialismo, la minaccia di una nuova guerra mondiale. Il campo di battaglia è ora il mondo intero. E questa battaglia dobbiamo vincerla - in nome del meglio che la cultura mondiale ha creato, per il bene del futuro dell'umanità. Queste parole sono tratte dal Manifesto per l'Unificazione dei Popoli del Mondo, sostenuto all'unanimità dai partecipanti al nostro incontro. "Difendi l'umanità dal fascismo!" è il titolo.

Il Manifesto ci ricorda che negli anni infuocati della Seconda Guerra Mondiale si formò una grande alleanza di oppositori della barbarie fascista: comunisti e patrioti, combattenti contro la tirannia e democratici. Si formò nonostante le differenze sociali e ideologiche, nonostante le differenze di visione politica e religiosa. Questo era l’imperativo dell'epoca. Oggi, tutte le persone di buona volontà devono unirsi ancora una volta contro il neonazismo, la reazione e il militarismo.

Il Manifesto è un documento di grande importanza politica. Crea una piattaforma ideologica convincente per l'unificazione di tutte le forze di sinistra e veramente popolari nel mondo. Solo attraverso questa alleanza sarà possibile superare le principali minacce per l'umanità nella prima metà del XXI secolo.

Stiamo conducendo la battaglia per la giustizia!

Ci sono le condizioni per la vittoria? Senza dubbio! La crisi sistemica del capitalismo si sta aggravando e ciò impedisce ai globalisti di mantenere il mondo all’interno del quadro esistente. La prosperità del "miliardo d'oro", la vetrina dell'Occidente, si è a lungo basata sul saccheggio colonialista del resto del mondo. Ma anche queste potenze sono ora vulnerabili al disastro in arrivo. Ecco perché, anche nel cuore del capitalismo, la tendenza alla lotta nella coscienza della società è sempre più marcata.

Solo la distruzione dell'URSS e della Comunità Socialista ha permesso al capitalismo di ritardare l'aggravarsi della crisi sistemica alla fine del XX secolo. Il doping dell'imperialismo è stato allora la conquista di nuovi mercati e l'eliminazione temporanea della competizione tra capitalismo e socialismo. Ma l'effetto del doping è cessato. La spirale della crisi sta nuovamente andando fuori controllo.

Il tasso catastrofico di impoverimento delle masse è ricordato dai dati dell'organizzazione internazionale Oxfam. Il numero di miliardari nel mondo è aumentato di 573 unità a causa della pandemia di coronavirus. La loro ricchezza combinata rappresenta già il 14% del PIL globale. Le dieci persone più ricche del mondo possiedono più denaro del 40% della popolazione mondiale. La ricchezza dei primi otto miliardari del mondo supera la metà della ricchezza totale del pianeta. L'1% delle persone più ricche possiede più del 45% della ricchezza mondiale.

La polarizzazione estrema continua. Nel 2022, il numero di poveri è aumentato di 263 milioni. Il numero di persone che scenderanno per la prima volta sotto la soglia di povertà equivale alle popolazioni di Germania, Francia, Gran Bretagna e Spagna messe insieme. In realtà, le fortune combinate dei miliardari non solo avrebbero pagato i vaccini contro il coronavirus per tutta l'umanità ma avrebbero evitato l'impoverimento di tutti coloro che hanno perso i loro mezzi di sostentamento a causa della pandemia. Ma l'interesse per i popoli è chiaramente estraneo ai capitalisti.

L'arricchimento estremo di pochi privilegiati "mangia" il reddito di tutti gli altri. Mezzo miliardo di persone sulla terra vive in assoluta povertà. Una persona su dieci va a letto affamata. All'inizio del 2023, un miliardo di persone vivrà con 2 dollari al giorno. Altri tre miliardi vivranno con 5 dollari al giorno. Metà della popolazione mondiale vive in povertà! Gli autori del rapporto Oxfam concludono: Stiamo assistendo al più grande aumento della disuguaglianza e della povertà globale dalla Seconda Guerra Mondiale.

Il declino del tenore di vita sta rapidamente inghiottendo la "classe media". Secondo i calcoli del FMI, il potere d'acquisto del dollaro si è ridotto di un terzo in un decennio e mezzo. La qualità dei consumi negli Stati Uniti e nell'Europa occidentale sta diminuendo. Per la prima volta, le nuove generazioni vivono peggio dei loro padri e nonni.

In questo contesto, i sondaggi di opinione hanno senso. Il 56% degli abitanti dei 30 paesi più grandi afferma che il capitalismo fa più male che bene. Anche in Germania, Gran Bretagna, Francia, Italia, Paesi Bassi e Singapore, tra la metà e i tre quarti della popolazione è di questo avviso. Anche negli Stati Uniti la metà degli intervistati è insoddisfatta del capitalismo. Anche tra coloro che sono considerati socialmente benestanti, sta prendendo piede un disincanto di massa.

È visibile un ulteriore approfondimento della crisi sistemica del capitalismo. Nel valutare la situazione, i principali economisti Joseph Stiglitz, Nouriel Roubini e Tom Piketty hanno dimostrato che la pandemia non è la causa principale del problema, ma solo una cartina di tornasole del fallimento del sistema capitalistico.

Gli apologeti del capitalismo non hanno alcun piano per affrontare la crisi. Dietro ai luoghi comuni, le élite occidentali nascondono il loro desiderio di mantenere un mondo unipolare. La loro politica ha perso definitivamente la sua componente creativa. La Cina socialista e il nostro Paese sono nel mirino del loro militarismo. I "nuovi crociati" del capitale sono pronti a far pagare all'umanità qualsiasi prezzo pur di mantenere il controllo globalista del mondo e persino a far precipitare il pianeta nell'abisso della guerra mondiale.

L'insolvenza del sistema capitalista e il pericolo che rappresenta per l'umanità sono sempre più apertamente riconosciuti dai leader del nostro Paese. Come V.V. Putin ha detto al forum di Valdai, il capitalismo è arrivato a un punto morto. Si è anche riconosciuto che la svolta di civiltà del popolo sovietico ha creato una solida base per la Grande Vittoria e si sono sentite dichiarazioni sui successi ottenuti dall'URSS nonostante le sanzioni e i blocchi del mondo capitalista. La logica di queste ammissioni, dettata dal buon senso, dovrebbe portare alla conclusione dell'inevitabilità di un socialismo rinnovato in Russia.

L'inizio dell'operazione speciale in Ucraina ha dato ai nostri cittadini un giustificato impulso alle speranze patriottiche per il tanto atteso cambiamento. Ma oggi lo diciamo chiaramente: non c'è un rinnovamento radicale e necessario della politica interna del Paese. Pur sostenendo gli sforzi per proteggere la sovranità politica dello Stato russo nella lotta contro il nazismo e il banderismo, la società chiede sempre più che il corso socio-economico sia allineato alla portata dei compiti storici.

Le ultime ricerche sociologiche mostrano che tre quarti dei nostri cittadini sono convinti che l'era sovietica sia stata la migliore della nostra storia. E tra le sue conquiste, che devono essere riprese oggi, la maggioranza assoluta nomina la giustizia sociale, l'attenzione dello Stato verso le persone, la garanzia del diritto al lavoro, l'istruzione e l'assistenza medica gratuita e di qualità. Il centenario della fondazione dell'URSS, che abbiamo celebrato alla fine del 2022, ha rafforzato l'interesse della società per l'eredità sovietica e il desiderio di farla rivivere.

Oggi diciamo che il socialismo sta bussando alla porta dell'umanità con sempre maggiore insistenza. Vediamo i suoi forti germogli anche in Russia. Essi risiedono nella conservazione degli ideali del socialismo. Nelle anime di giovani uomini e donne che sanno che il loro nonno era un comunista e che ne era orgoglioso. Sono nel rifiuto dell'antisovietismo da parte di coloro che marciano nelle file di milioni di persone nel "Reggimento Immortale". Sono nell'esempio unico delle nostre imprese popolari, la cui esperienza è stata presentata con sicurezza come prova dei vantaggi della gestione economica socialista.

Il KPRF ha recentemente celebrato il suo 30° anniversario. In tutti questi anni siamo rimasti fedeli al seguente principio: la nostra principale arma inossidabile è una posizione onesta e aperta, la perseveranza nel difendere ciò che è giusto, la fermezza nel difendere gli interessi delle masse.

Per noi il mondo russo è una civiltà ricca e speciale. La Russia collega il Nord e il Sud, l'Ovest e l'Est via terra, aria e acqua. È il centro di diversi esperimenti di attività economica e creativa dell'uomo, nonché portatore di grandi valori umanistici e di cultura spirituale. Oggi, come spesso accade, è al centro di una lotta che sta plasmando il futuro dei popoli del mondo.

La sfida di quest'epoca è di enorme importanza. È enorme: il mondo sarà consumato dagli avidi appetiti dell'oligarchia globale, gli aggressori imperialisti bruceranno l'umanità tra le fiamme della guerra mondiale, oppure riuscirà a evitare il peggio, a prendere spunto dalle notevoli pratiche di progresso sociale e ad aprire nuovi orizzonti storici davanti a sé.

La vittoria salvifica arriverà solo quando capiremo che dobbiamo seguire l'esperienza unica di giustizia sociale e di solidarietà accumulata nel corso degli ultimi cent’anni. E’ questa esperienza che ha  prodotto, giustamente, i risultati più ambiziosi.

Faremo tutto ciò che è in nostro potere per salvare il nostro eroico e sofferente popolo dal disastro e per intraprendere la strada verso nuove vittorie nella battaglia per la pace in Russia - una battaglia da cui dipende non solo il nostro destino, ma anche il futuro dell'intera umanità!

 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti