USA: Il capo del Comando Sud vuole il litio dell'America Latina

USA: Il capo del Comando Sud vuole il litio dell'America Latina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Sono finiti ormai i tempi in cui l’America Latina era il giardino di casa degli Stati Uniti dove Washington determinava politiche e governi dei paesi della regione. Inoltre la regione vede sempre più attivi i governi dei principali paesi promotori di un nuovo rodine multipolare come Cina, Russia e Iran. Però gli Stati Uniti sembrano non voler accettare questa nuova situazione e intenzionati a riportare la regione sudamericana sotto il loro giogo imperialista. 

A tal proposito il capo del Comando Sud degli Stati Uniti, Laura Richardson, si è lamentata a riguardo di altri Paesi che estraggono risorse dall'America Latina e in particolare il litio nel cosiddetto "triangolo del litio".

Parlando davanti alla Commissione per i Servizi Armati della Camera, Richardson ha sottolineato l'importanza della regione latinoamericana per Washington. "Questa regione è piena di risorse e mi preoccupa l'attività maligna dei nostri avversari che ne approfittano, fingendo di investire quando in realtà stanno estraendo".

In questo contesto, ha sottolineato che il cosiddetto "triangolo del litio" accumula "il 60% del litio mondiale". "L'Argentina, la Bolivia e il Cile lo possiedono e [i nostri avversari] stanno sottraendo risorse a questi Paesi e ai loro popoli, che stanno cercando di produrre, a queste democrazie che stanno cercando di contribuire ai loro popoli", ha aggiunto.

Nel frattempo, un membro della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, Carlos Gimenez, ha chiesto quale percentuale di questa quantità di litio "è effettivamente controllata dalla Cina". "Quando si parla con gli ambasciatori statunitensi in Cile e Argentina e con le aziende presenti, l'aggressività della Cina e il gioco di squadra che ha con il litio è molto avanzato e molto aggressivo", ha risposto Richardson.

"Combattere la Repubblica Popolare Cinese in Sud America, penso che [la Cina] sia la nostra più grande minaccia", ha detto Gimenez a questo proposito. “Penso che per troppo tempo abbiamo ignorato il nostro cortile e permesso a Russia, Cina e Iran, avversari degli Stati Uniti, di fare grandi incursioni nella nostra regione", ha concluso.

Le mosse degli Stati Uniti andranno però a cozzare con la volontà dei paesi dell’America Latina e dei Caraibi che puntano alla costruzione di un nuovo mondo multipolare di concerto con le potenze eurasiatiche. Un mondo dove i paesi occidentali non possano più determinare le sorti dell’intera comunità internazionale sulla base dei propri interessi egoistici e sullo sfruttamento delle risorse naturali altrui. 

Da parte loro, i popoli dell’America Latina, hanno già dato agli Stati Uniti una eloquente risposta attraverso le urne. In praticamente tutta la regione, infatti, sono al governo forze socialiste o progressiste che intendono perseguire un cammino basato sull’indipendenza dagli Stati Uniti e la sovranità. Un percorso che mira anche a raggiungere una maggiore integrazione regionale su basi solidaristiche. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti