Tunisia, il tramonto definitivo della "rivoluzione dei gelsomini"

Tunisia, il tramonto definitivo della "rivoluzione dei gelsomini"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
Il presidente tunisino, Kais Saied, ha annunciato domenica di avere preso la decisione di congelare l'attività del Parlamento, di sospendere l'immunità di tutti i membri parlamentari e di revocare la carica del primo ministro, Hicham Mechichi, a seguito delle forti proteste contro il governo svoltesi nel paese.
 
Saied ha altresì comunicato che guiderà l’esecutivo con la collaborazione di un nuovo primo ministro.  Proprio nel pomeriggio di ieri i manifestanti si erano radunati davanti al Parlamento a Tunisi chiedendone a gran voce lo scioglimento.
 
Diverse migliaia i tunisini in piazza, accorsi a manifestare poi in particolare contro il partito islamista Ennahdha, che ha subito l’irruzione in alcune delle sue sedi. Da diversi giorni su social circolavano appelli ad unirsi alle manifestazioni.
 
All’annuncio di Saied, numerosi sono stati i cortei spontanei di cittadini riversatisi nelle strade per festeggiare.
 
A dieci anni circa dalla rivoluzione dei gelsomini, è lampante come quella tunisina (ma analoghe considerazioni si potrebbero estendere alle altre rivoluzioni arabe), sia stata fallimentare nelle proposte di cambiamento, in particolare modo, economico.
 
La Tunisia odierna è socialmente in ebollizione, afflitta da una crisi sanitaria senza precedenti e contestuale crisi economica che perdura da anni, aggravata dall’ennesima mancata stagione turistica, definitivamente compromessa dalla pandemia.

Francesco Fustaneo

Francesco Fustaneo

Laureato in Scienze Economiche e Finanziarie presso l'Università degli Studi di Palermo.
Giornalista pubblicista dal 2014, ha scritto su diverse testate giornalistiche e riviste tra cui l'AntiDiplomatico, Contropiano, Marx21, Quotidiano online del Giornale di Sicilia. 
Si interessa di geopolitica, politica italiana, economia e mondo sindacale

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti