Trudeau evoca la "propaganda russa" sulla "vergognosa" ovazione in Canada per un nazista

Trudeau evoca la "propaganda russa" sulla "vergognosa" ovazione in Canada per un nazista

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Traduzione de l'AntiDiplomatico

L'ovazione ricevuta la settimana scorsa nel parlamento canadese da un veterano ucraino che prestò servizio in una divisione nazista durante la Seconda guerra mondiale continua a generare polemiche.

Il Primo Ministro del Canada, Justin Trudeau, ha dichiarato, ieri di essere deluso dal tributo che il Parlamento canadese ha reso a un veterano ucraino che prestò servizio in una divisione nazista durante la Seconda Guerra Mondiale.

"È davvero un peccato che ciò sia accaduto. Il Presidente [della Camera dei Comuni del Canada] ha riconosciuto il suo errore e si è scusato. Ma è qualcosa che mette profondamente in imbarazzo il Parlamento  canadese  e, per estensione, tutti i canadesi" , ha sottolineato.

"Penso che sarà davvero importante per tutti noi opporci alla propaganda russa, alla disinformazione russa e continuare il nostro sostegno forte e inequivocabile all'Ucraina", ha esortato.

"Il nonno aspetta Trudeau"

Nel frattempo, online sono emerse notizie secondo cui Justin Trudeau avrebbe incontrato di persona la scorsa settimana Yaroslav Hunka, il veterano ucraino che prestò servizio in una divisione nazista durante la Seconda guerra mondiale, e sapeva chi fosse.

La polemica è nata dopo che è stata diffusa sui social network una pubblicazione di Theresa Hunka,  presunta nipote del  98enne applaudito al parlamento canadese la settimana scorsa. Il veterano ucraino ha combattuto nella cosiddetta 14ª Divisione Granatieri delle Waffen-SS o Divisione Galizien  , formata per lo più da volontari ucraini provenienti dalla regione della Galizia e nota per aver commesso crimini di guerra contro migliaia di  civili polacchi ed ebrei, oltre a reclutare soldati slavi. per i ranghi del Terzo Reich.

"Il nonno aspetta Trudeau e Zelenskyj nel salone dei ricevimenti", aveva scritto Teresa in un post pubblicato poco prima della cerimonia in Parlamento.

 

Da parte sua, Karina Gould, leader del governo canadese alla Camera dei Comuni, ha voluto precisare che il primo ministro non ha incontrato personalmente il veterano ucraino e ha anche sottolineato che il presidente dell'organo legislativo, Anthony Rota, si è assunto la responsabilità di quello che è avvenuto.

"Il Presidente ha chiarito che era responsabile dell'invito di questa persona alla Camera. Il governo non ha nulla a che fare con questo. Non sapevo che sarebbe stato lì. Il Primo Ministro non l'ha incontrato. Sono profondamente preoccupato che "questo è successo. Invito i deputati a evitare di politicizzare questo incidente", l’auspicio del funzionario  sul social network X.

Tuttavia, parallelamente, hanno iniziato a circolare su Internet gli screenshot di una fotografia in cui Karina Gould appare accanto al veterano ucraino. 

A questo proposito Gould ha risposto  che "non aveva informazioni su questa persona" e ha anche chiesto di "smettere di politicizzare" la questione. 

Successivamente, il portavoce del Dipartimento di Stato americano, Matthew Miller,  ha replicato in una conferenza stampa di non essere a conoscenza dell'episodio dell'omaggio a Yaroslav Hunka alla Camera dei Comuni canadese, a causa del suo fitto programma di lavoro all’Assemblea generale all'ONU.

"Devo ammettere che venerdì ero all'Assemblea generale delle Nazioni Unite e non sono sicuro di essere aggiornato con il rapporto di cui mi chiedete".

Anche l'ex deputato europeo e leader del partito politico francese di destra Les Patriotes, Florian Philippot, ha commentato  l'incidente, sottolineando che la celebrazione del nazismo ucraino nel parlamento canadese con la partecipazione di Zelenskyj e Trudeau è una "vergogna" . Il funzionario ha denunciato che "il regime di Zelenskyj continua a glorificare gli 'eroi' che sono noti collaborazionisti e non ha ripulito i neonazisti che prestano servizio nell'esercito ucraino".

Putin ci ha fatto "applaudire un nazista": la surreale giustifica di un avvocato canadese 

A rammaricarsi dell'accaduto, anche il giurista canadese Jason Cherniak, che ha partecipato al tributo al veterano nazista, con una surreale spiegazione.

"Ero in Parlamento per il discorso di Zelenskyj. Quando hanno presentato un presunto eroe di guerra, mi sono alzato e ho applaudito. Pensavo fosse un partigiano che ha combattuto contro l'occupazione comunista dopo la Seconda guerra mondiale. Ora che ho scoperto che era membro volontario di un'unità delle SS mi viene la nausea", ha scritto Cherniak  sul suo account X.

Ha osservato che è "difficile per lui immaginare un momento più imbarazzante, come ebreo, di quello di essere una delle persone che inconsapevolmente applaudivano un soldato nazista".

Adesso, ha proseguito, "sarebbe meglio se qualcuno si prendesse sul serio le responsabilità", mentre "tutti quelli che erano in quella stanza hanno bisogno di sentirsi di nuovo puliti ".

Allo stesso tempo non ha esitato a ritenere il presidente russo Vladimir Putin responsabile delle conseguenze che l’accaduto potrebbe comportare. "Sono particolarmente preoccupato che la descrizione errata dell'Ucraina e del suo presidente ebreo da parte di Putin come uno stato nazista creerà molte munizioni per ulteriore disinformazione in tutto il mondo", ha avvertito.

Le reazioni sono state rapide a queste parole. "Putin mi ha fatto applaudire un nazista”, ha commentato  sarcasticamente un utente.

"I vostri antenati si stanno rivoltando nelle tombe", ha scritto  un altro.

Diverse persone hanno pubblicato foto e video  di soldati ucraini che indossano simboli neonazisti e hanno accusato Cherniak di ignorare questo fenomeno nell'Ucraina di oggi.

 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti