Toto Cotugno, come i russi hanno reagito alla notizia della morte

Toto Cotugno, come i russi hanno reagito alla notizia della morte

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Marinella Mondaini

I russi nutrono da sempre amore e rispetto verso l’Italia, verso la cultura, la musica italiana. E Toto Cotugno era molto amato, perché portava alto il nome dell’Italia in Russia, dove, dal momento della notizia della sua scomparsa, esprimono in tantissimi enorme dolore e rammarico.

Amici russi hanno pregato me di trasmettere il loro dolore e le condoglianze agli italiani per la perdita di questo grande artista.

Non solo era un grande professionista, ma era anche una persona buona, di cuore. Tantissimi artisti colleghi russi lo hanno conosciuto e amato, ecco alcune dichiarazioni:

“La morte di Toto Cutugno è un evento tragico per la Russia e per il mondo, è stato uno dei pochi compositori e cantanti che hanno dato voce a un’intera epoca” - lo ha affermato il famoso cantante russo il Lev Leš?enko.

La nota cantante lirica Ljubov’ Kazarnovskaja ha dichiarato che “Toto era vicino alla Russia perché amava tutto ciò che era sincero e bello, compreso le donne russe. Il cantante ha riposto grandi significati nelle sue opere, il cui fascino è sottile e melodico, in Russia ha toccato il cuore non solo delle donne, ma anche degli uomini. Ascoltando le canzoni di Cutugno i russi hanno la sensazione di trovarsi in un buon ristorante italiano, in riva al mare o sul lago di Garda. Un artista assolutamente brillante, la cui memoria vivrà nei cuori e nei pensieri delle persone per sempre”

Toto confessò il suo amore anche per le donne russe. In una delle sue interviste in Russia, disse nella vita futura avrebbe sicuramente sposato una russa, “a me piacciono molto le donne russe, con loro non è complicato essere uomo. Adesso essere uomo è veramente difficile”

Toto arrivò in Unione Sovietica nel 1985, cominciò a esibirsi a Mosca, ma poi anche in tante altre città del paese e continuò a farlo anche dopo nelle ex repubbliche dell’Unione Sovietica.

Una volta disse: “Quando sono stato al Cremlino per Natale l’anno scorso, c’era Putin. Mi piace molto, credo che in lui si senta la forza”. Questo non passò inosservato in Ucraina, dove il Parlamento nel 2019 dichiarò Toto “persona non grata” e gli vietò l’ingresso nel paese. Venne accusato di sostenere la politica di Vladimir Putin, la cosiddetta “annessione” della Crimea e di essere un “membro dell’associazione degli amici di Putin, agente del Cremlino che svolge costantemente tutti i compiti che gli affidano i servizi speciali russe” e altre corbellerie, oramai tristemente tipiche di questa specie di governo ucraino.
Toto a Mosca diceva: “per me la Russia è la seconda Patria, l’ho amata sin dal primo sguardo ancora nel 1985 e porto tuttora nel cuore questo amore”. E’ vero, Toto Cutugno la Russia non l’ha mai tradita. Anche la Russia lo porterà per sempre nel cuore, così come chi, come me, che ha in uggia l’ “intelligencija radical chic” che snobbava la sua musica, lo apprezza per le sue alte doti artistiche e umane, lo ringrazia per il grande contributo che Toto seppe dare all’amicizia e al legame secolare tra Italia e Russia.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti