Tensione nel nord della Siria, la Russia rafforza le sue postazioni militari

Tensione nel nord della Siria, la Russia rafforza le sue postazioni militari

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ieri, secondo quanto riferiscono diversi media, la Russia ha inviato rinforzi nella regione di Tal Rifaat, a circa 15 chilometri dal confine turco. La regione è sotto il controllo delle forze democratiche siriane (SDF) sostenute dagli Stati Uniti.

La mossa di Mosca è una risposta a un'imminente invasione di terra turca, che sembra più probabile dopo che Turchia ha inviato rinforzi al confine siriano e ha consigliato all'esercito nazionale siriano (SNA) di prepararsi per un attacco.

Secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani (SOHR), le forze russe hanno aumentato la loro presenza nelle aree controllate dai curdi da quando Ankara ha lanciato una serie di attacchi aerei su obiettivi nel nord della Siria e in Iraq in risposta a un attentato dinamitardo a Istanbul.

I residenti di Tal Rifaat hanno riferito che i rinforzi russi sono arrivati ??e hanno allestito nuove barricate tra le aree curde e filo-turche nella regione. Secondo le notizie di Al-Arabiya, Tal Rifaat, che è controllata dalle forze curde, è circondata da un lato dall'esercito siriano e dall'altro dalle forze di opposizione sostenute dalla Turchia.

L'Osservatorio siriano per i diritti umani (SOHR) ha anche affermato che le forze russe hanno consolidato la loro presenza presso l'aeroporto militare di Menagh vicino a Tal Rifaat, controllato dall'esercito arabo siriano (SAA).

SOHR ha anche notato che i russi stanno rafforzando le loro forze vicino a Ain al Arab-Kobani. "Lo scopo di questi rinforzi potrebbe essere quello di ostacolare o ritardare l'operazione militare turca", ha detto all'AFP il funzionario della sicurezza SOHR Rami Abdel Rahman.

Fonti anonime turche hanno inoltre rivelato ieri  ad Al-Quds Al-Arabi  che sono in corso seri colloqui mediati dalla Russia per garantire il ritiro delle unità curde e il dispiegamento dell'esercito arabo siriano al confine con la Turchia, nel tentativo di impedire l'offensiva di terra turca.

Secondo quanto riferito, funzionari militari russi si sono incontrati regolarmente con alti comandanti delle SDF negli ultimi giorni.

Una base militare russa sarebbe stata colpita il 23 novembre nell'ultima ondata di attacchi aerei turchi nel nord-est della Siria, secondo un funzionario curdo.

L'attacco aereo, che ha preso di mira una base nella provincia di Hasakah , avrebbe ucciso un combattente curdo appartenente alle Forze democratiche siriane ( SDF) e ferito altri tre, secondo il capo delle SDF Farhad Chami.

L'esercito turco ha colpito quasi 500 obiettivi curdi in Iraq e Siria da quando ha iniziato una serie di attacchi aerei come parte dell'operazione Claw-Sword, come precisato dal ministro della Difesa turco Hulusi Akar in una conferenza stampa.

D'altra parte, il 22 novembre, il coordinatore per le comunicazioni strategiche del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha approvato in qualche modo gli attacchi della Turchia al nord della Siria, ritendendo che il Paese ha il diritto di difendersi.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

8 miliardi dalla Meloni a Tripoli per finanziare migrazione e terrorismo di Michelangelo Severgnini 8 miliardi dalla Meloni a Tripoli per finanziare migrazione e terrorismo

8 miliardi dalla Meloni a Tripoli per finanziare migrazione e terrorismo

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente