"Sull'apertheid di Israele abbiamo deluso il nostro pubblico". Lettera aperta di 500 giornalisti Usa

"Sull'apertheid di Israele abbiamo deluso il nostro pubblico". Lettera aperta di 500 giornalisti Usa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La lettera porta la firma dei giornalisti dei principali media degli Stati Uniti, tra cui il "Washington Post", "The Wall Street Journal" e "Los Angeles Times".

I  giornalisti che hanno firmato la lettera chiedono un trattamento equo degli eventi in Palestina da parte dei media americani, per porre fine "all'occultamento dell'occupazione israeliana e alla sua sistematica oppressione dei palestinesi".

 

 Segue Testo lettera

Trovare la verità e chiedere conto ai potenti sono i principi fondamentali del giornalismo.

Eppure, per decenni, la nostra industria dell'informazione ha abbandonato quei valori nella copertura di Israele e Palestina. Abbiamo deluso il nostro pubblico con una narrazione che oscura gli aspetti più fondamentali della storia: l'occupazione militare di Israele e il suo sistema di apartheid.

Per il bene dei nostri lettori e spettatori - e la verità - abbiamo il dovere di cambiare rotta immediatamente e porre fine a questa pluridecennale malcostume giornalistico. 

Le prove dell'oppressione sistematica dei palestinesi da parte di Israele sono schiaccianti e non devono più essere sanificate.

Ad aprile, Human Rights Watch ha pubblicato un rapporto di 213 pagine che documentava le autorità israeliane che commettevano "crimini contro l'umanità di apartheid e persecuzione". 

Il principale gruppo israeliano per i diritti umani B'tselem ha caratterizzato la regione come governata da un regime di supremazia etnica.

Questi termini – apartheid, persecuzione, supremazia etnica – stanno guadagnando sempre più il riconoscimento istituzionale dopo anni di advocacy palestinese, e noi, come giornalisti, dobbiamo esaminare se la nostra copertura riflette questa realtà.

Prendiamo, ad esempio, il linguaggio utilizzato nella recente copertura sui fatti del quartiere di Gerusalemme est Sheikh Jarrah. I media spesso si riferiscono allo spostamento forzato dei palestinesi che vivono lì - illegale secondo il diritto internazionale e potenzialmente un crimine di guerra - come " sfratti ".

Questo termine implica in modo fuorviante una "contesa" immobiliare tra inquilino e proprietario, una rappresentazione imprecisa dello stato delle cose. Le Nazioni Unite considerano Gerusalemme Est territorio palestinese occupato , il che significa che le rivendicazioni territoriali di Israele non sono riconosciute. Ancora più importante, l'uso del termine ignora l' obiettivo ben documentato del governo israeliano di stabilire e mantenere il dominio etnico sui palestinesi.

Durante gli ultimi giorni del Ramadan, le forze israeliane hanno attaccato violentemente i fedeli della moschea di Al Aqsa con gas lacrimogeni e proiettili di gomma.

I giornalisti non hanno chiamato questo un "attacco" o "assalto" ai palestinesi, ma piuttosto uno "scontro", come se entrambe le parti condividessero la stessa colpevolezza e agenzia nell'escalation.

Quando Israele ha attaccato Gaza, i media lo hanno definito un "conflitto" tra due entità uguali, ignorando la totale asimmetria al potere. Con il pretesto dell'obiettività , i razzi lanciati contro Israele – che hanno causato danni significativamente inferiori rispetto agli attacchi aerei israeliani – sono stati coperti tanto quanto Israele ha attaccato le strutture mediche e ha raso al suolo interi edifici residenziali , offuscando la scala quasi unilaterale di violenza e distruzione.

L'asimmetria nel contesto non si estende solo al linguaggio che usiamo; le storie tendono ad amplificare in modo sproporzionato le narrazioni israeliane mentre sopprimono quelle palestinesi.

Troppo spesso, i media ripetono acriticamente le affermazioni militari israeliane sul suo assalto a Gaza senza chiedere prove o prove, nonostante chiari esempi in cui i funzionari israeliani diffondono informazioni false . I giornalisti hanno riferito che l'affermazione delle forze israeliane secondo cui avevano lanciato un'invasione di terra era falsa .

Il bilancio delle vittime del bombardamento israeliano è indiscutibile: centinaia di morti, di cui più di 65 bambini. Mentre le dichiarazioni rilasciate dai funzionari israeliani e dai loro difensori che giustificavano l'uccisione di civili non sono state contestate, i civili palestinesi sono stati interrogati sulla loro umanità: i giornalisti hanno chiesto se sostengono la violenza o i razzi di Hamas .

Ancora preoccupante, i rapporti diminuiscono considerevolmente quando Israele interrompe i suoi attacchi aerei. I palestinesi vengono ignorati nei cosiddetti tempi di “pace” nonostante gli attacchi e altri aspetti ostili della vita sotto l'occupazione continuino dopo il cessate il fuoco .

Sebbene ci siano state eccezioni che riflettono accuratamente la condizione di molti palestinesi, sono poche e distanti tra loro.

Come giornalisti, ci è affidata una missione profondamente importante in una società libera e democratica, il potere di informare la gente e guidare la conversazione nazionale, dalla tavola della famiglia al Campidoglio.

Chiediamo ai giornalisti di dire la verità completa e contestualizzata senza paura o favore, di riconoscere che l'offuscamento dell'oppressione israeliana dei palestinesi fallisce gli standard di obiettività di questa industria.

Abbiamo l'obbligo, sacrosanto, di rendere la storia giusta. 

Ogni volta che non riportiamo la verità, tradiamo il nostro pubblico, il nostro scopo e, in definitiva, il popolo palestinese.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

La Stampa parla apertamente di "governo militare" di Thomas Fazi La Stampa parla apertamente di "governo militare"

La Stampa parla apertamente di "governo militare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti