Stallo sul nucleare con l'Iran. Washington: la priorità oggi è il sostegno alle proteste

Stallo sul nucleare con l'Iran. Washington: la priorità oggi è il sostegno alle proteste

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha dichiarato mercoledì che l'amministrazione del presidente Joe Biden non è concentrata in questo momento sugli sforzi per rilanciare l'accordo nucleare del 2015, ma si sta invece concentrando sul sostegno alle violente proteste che hanno avuto luogo nel paese persiano sotto il pretesto della morte, avvenuta il 16 settembre, della giovane iraniana Mahsa Amini.

Price ha definito gli atti di violenza di strada compiuti dai rivoltosi, incitati e sostenuti dall'estero, come “proteste pacifiche” e ha ribadito che i manifestanti stavano esercitando “il loro diritto alla libertà di espressione e di riunione”.

In un nuovo tentativo di incolpare l'Iran dell'impasse nei negoziati sul nucleare per rilanciare il patto nucleare, JCPOA, Price l’ha giustificata con il fatto che un accordo non era "imminente", “per le presunte “richieste irrealistiche” di Teheran al tavolo del dialogo.

Il diplomatico statunitense ha accusato la Repubblica islamica di avanzare richieste che "vadano oltre il JCPOA". "Niente di ciò che abbiamo sentito nelle ultime settimane suggerisce che abbiano cambiato posizione", ha aggiunto il portavoce, sostenendo che gli sforzi per ripristinare l'accordo nucleare avevano raggiunto un altro punto morto.

Per l’Iran, l'indecisione e le pressioni di Washington da parte della lobby israeliana, strenua oppositore dell'accordo nucleare, hanno causato molteplici interruzioni nei negoziati della maratona - iniziati nell'aprile 2021 - e hanno reso impossibile il raggiungimento di un patto finale, per rilanciare il JCPOA ed eliminare le sanzioni reimposte dagli Stati Uniti all'Iran dopo l'uscita unilaterale di Washington dal patto nel 2018.

La Repubblica islamica chiede agli Stati Uniti di garantire con forza che qualsiasi nuovo inquilino alla Casa Bianca non prenderà una decisione unilaterale di ritirarsi dall'accordo nucleare.

Ormai è chiaro che Washington doveva creare solo un pretesto per non concludere alcun accordo con l’Iran, ovvero le proteste in corso da settimane, per mantenere uno stato di tensione che possa prima o poi sfociare in un conflitto armato.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti