SpyGate, Fisa Memo e quella delegazione italiana

SpyGate, Fisa Memo e quella delegazione italiana

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Giuseppe Masala
 

#SpyGate: secondo molte fonti questa settimana verrà divulgato il rapporto del Office of the Inspector General del Dipartimento di Giustizia Usa sui #FisaMemo relativi a Trump e alla sua campagna elettorale. Allora, i Fisa sono delle autorizzazioni che l'FBI deve chiedere a dei giudici che si riuniscono in seduta segreta al fine di autorizzare operazioni di controspionaggio contro cittadini americani sul suolo americano. Insomma in queste udienze l'FBI presenta al giudice le evidenze che gli fanno credere che delle persone stiano facendo operazioni di spionaggio a vantaggio di potenze straniere e a quel punto il giudice decide se autorizzare l'FBI a spiare i presunti spioni. Ovviamente tutto avviene in segreto, perchè se i presunti spioni venissero convocati dal giudice saprebbero che verranno spiati e quindi prenderebbero le contromisure.


Ecco, nei Fisa Memo che autorizzarono lo spionaggio dell'Fbi della campagna Trump sabbiamo che l'FBI presentò come prove le soffiate di servizi segreti e di polizia di paesi alleati che attestavano il sospetto. Sappiamo anche che in quei giorni l'unica delegazione che ebbe incontri con l'Fbi fu una delegazione italiana e che tre giorni dopo dall'America partì uno squadrone dell'Fbi diretto verso Roma. Tutto questo lo sappiamo dai documenti divulgati dalla Commissione del Senato Usa sui Servizi Segreti. E tutti si aspettano che furono gli italiani ad indicare come spia Trump sulla base della vicenda Mifsud e del collaboratore di Trump George Papadopoulos.




Sia come sia a questa storia i romanzi di Le Carré gli fanno un baffo.

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La dittatura del pensiero liberal di Giuseppe Giannini La dittatura del pensiero liberal

La dittatura del pensiero liberal

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti