Sorokin e la Rivoluzione Sessuale

Sorokin e la Rivoluzione Sessuale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

“La rivoluzione sessuale americana” è un saggio che è stato dimenticato per troppo tempo. Nel 2021 è stato dato il giusto risalto a un’opera fondamentale (Pitirim Sorokin, Cantagalli, 261 pagine, euro 18; è presente una lunga introduzione di Leonardo Allodi dell’Università di Bologna).

In Italia si fanno pochi figli. Dal 1920 al 2020 le cose sono cambiate notevolmente. Se nel lontano passato si facevano cinque o sei figli a coppia ora la situazione è molto diversa, e ci aggiriamo intorno alla media di 1,3 figli a coppia, con l’età media della donna al primo figlio di ben 31,4 anni (più di 3 anni rispetto al 1995). In realtà è già molto difficile accoppiarsi, ma questa è tutta un’altra situazione. Le italiane sono molto brave a guardare al loro interesse a breve o medio termine (https://www.ilgiorno.it/cronaca/natalit%C3%A0-italia-2021-crollo-nascite-1.7148638). .

Dopotutto “se la società liberale perde di vista un minimo di comuni orizzonti morali, il liberalismo rischia di diventare una dottrina che sovverte se stessa” (Michael Walzer, p. 11). Devono rimanere le basi delle principali relazioni reciproche tra i cittadini. La società liberale deve restare “la dimora della coerenza, della connessione reciproca e della capacità narrativa” (Robert Bellah, p. 10).

La vita pubblica in società non è semplice. In effetti una vita felice è impossibile senza un buon amico (Epicuro), “ma un buon amico possiamo averlo soltanto se siamo buoni amici noi stessi. Un amico davvero buono, tuttavia è quello che è disposto a dare la vita per i suoi amici” (Sorokin).

Il grande pensatore russo non aveva dubbi: ogni vita vale. Per lui “La vita, anche la più dura, è il bene più prezioso, bello, meraviglioso e miracoloso del mondo. Il compimento del proprio dovere è un’altra cosa stupenda che rende felice la vita, questa è la mia seconda convinzione. La terza è che la crudeltà, l’odio, la violenza e l’ingiustizia non possono mai, e mai potranno, portare a una rinascita psicologica, morale o materiale. L’unica via per raggiungerla è la nobile via dell’amore creativo e generoso, non solo predicato ma anche coerentemente vissuto” (p. 35).

Per il grande studioso di origine russa “La forza che sostiene questo carattere assoluto delle norme sociali non è, appunto, la natura biologica: è la potenza sociale, la potenza morale, anzi per lo più la potenza religiosa di una società” (p. 42). A mio parere le società occidentali di oggi sono diventate troppo individualiste e la reazione individuale deve essere più ricercata e più meditata.

Probabilmente Sorokin era un “anarchico cristiano conservatore” (p. 38) che ha scoperto che il “il sesso non risolve neanche i problemi sessuali”, e che “nel vestirsi, non nello spogliarsi si rivela da sempre la cultura” (p. 40). Forse alla fine dei conti “la personalità è l’istituzione nel caso singolo” (p. 71), e “I tabù e le norme di una civiltà ci aiutano a non dimenticare questa esperienza genuina del volto dell’altro” (Leonardo Allodi, p. 71).

Infine possiamo aggiungere che “in questa collettività le interpretazioni teoretiche dell’uomo, dei valori culturali e delle istituzioni riducono l’uomo a un organismo che vive per il sesso… La storia umana è vista come un processo controllato dal sesso” (p. 163 e p. 164). Di sicuro non dobbiamo dimenticare che da giovane Pitirim Sorokin rischiò la vita per alcuni anni, imprigionato all’interno di un gulag sovietico, poiché era stato arrestato per motivi politici e doveva essere giustiziato.

Pitirim Sorokin è stato un grande sociologo americano nato in Russia (fu naturalizzato nel 1930). Studiò a San Pietroburgo dove ebbe come maestro Pavlov. Fu un grande membro dell’Assemblea costituente russa e divenne segretario di Kerenskij. Nel 1923 lasciò l’Unione Sovietica per la sua opposizione al bolscevismo. Dal 1930 insegnò presso la Harvard University e nel 1964 divenne presidente dell’American Sociological Association. Morì nel 1968. Questa è la prima edizione italiana (https://www.ilfoglio.it/cultura/2021/12/11/news/sorokin-la-cassandra-russa-3459761).

Nota generale – Di solito, ma non sempre, “Qualunque siano i vantaggi dell’età, essi non possono compensare la vitalità, il vigore, il coraggio, la capacità di osare, l’elasticità e la creatività dei giovani” (p. 155). Però più la società si fa evoluta con il tempo, più le persone hanno bisogno di tempo per capire le cose.

Nota di aggiornamento – Tra le innumerevoli segnalazioni consiglio queste quattro cose molto documentate: https://roundingtheearth.substack.com/p/vaccine-induced-mortality-part-8; https://www.youtube.com/watch?v=c3ygmMAsJ0I (Dr. David Martin e la prospettiva americana);

https://www.radioradio.it/2022/02/piaga-tremenda-italia-vulnerabile-meluzzi-rimarremo-unico-paese-prigioniero (panoramica illustre); https://www.youtube.com/watch?v=iIbfs9S7ho8 (ottima sintesi scientifica del dottor Stefano Vendrame);

www.youtube.com/watch?v=uJrtGrGOVlM (due esperienze uguali in due donne infartuate completamente diverse; a cura del dottor Carlo Cipolla);

https://ilsimplicissimus2.com/2022/02/16/vaccini-ogni-anno-secondo-la-fda-e-una-cosa-certa; https://ilsimplicissimus2.com/2022/02/13/moderna-anche-il-capitano-si-prepara-alla-fuga; https://www.ilparagone.it/attualita/gentiloni-boccia-obbligo-vaccinale (una notizia censurata);

https://100giornidaleoni.it/tv/la-spagna-ringrazia-draghi-e-boom-di-prenotazioni-turistiche (nella parte finale Barbara Balanzoni racconta se stessa e la profonda ferita professionale sanitaria);

https://www.mercurius5.it/2021/08/22/e-un-gravissimo-resto-sospendere-dal-lavoro-i-dipendenti-non-vaccinati; https://www.byoblu.com/2022/02/17/lavamposto-il-coraggio-della-verita-puntata-4 (Enrica Perucchietti intervista Alberto Contri); https://www.byoblu.com/tag/gigi-moncalvo (ultimamente lo trovate qui: https://www.byoblu.com/2022/02/17/mani-pulite-trentanni-dopo-rivoluzione-mancata-o-persecuzione-giudiziaria-gigi-moncalvo).

Damiano Mazzotti

Damiano Mazzotti

"Prima delle leggi, prima della stampa, la democrazia è la parola che puoi scambiare con uno sconosciuto" (Arturo Ixtebarria').

 

Damiano Mazzotti è nato nel 1970 in Romagna e vive in Romagna. Si è laureato in Psicologia Clinica e di Comunità a Padova nel 1995. Nel corso della vita si è occupato di consulenza, di formazione e di comunicazione, lavorando nella Regione Emilia-Romagna, per società di Milano e per l’Istituto Europeo di Management Socio-Sanitario di Firenze. Nel 2008 diventa uno studioso indipendente e un Citizen Journalist che ha pubblicato centinaia di articoli sulla piattaforma informativa Agoravox Italia (www.agoravox.it/Damiano-Mazzotti). Nel 2009 ha pubblicato Libero pensiero e liberi pensatori, il primo saggio di un giornalista partecipativo italiano. 

 

 

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti