Schlein ha subito veramente un'"imboscata"?

Schlein ha subito veramente un'"imboscata"?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Si fa un gran parlare di una presunta imboscata che avrebbe subito Elly Schlein da parte di Gruber e Giannini. In tutta franchezza non credo che i due giornalisti abbiano compiuto scorrettezze che non possa agilmente superare un qualsiasi politico al vertice di un partito che raccoglie qualche milione di voti.

Per cui la questione non mi pare che riguardi la falsa coscienza, peraltro arcinota, di Gruber e Giannini, ma l’ingenuità e il dilettantismo della Schlein. Su un punto mi sento però di convergere con le critiche alla trasmissione, ovvero sul passaggio in cui Lilly Gruber ha chiesto se l’attività politica consentiva alla Schlein di condurre una vita serena con la sua compagna.

Ora, a quale altro leader avrebbe fatto una domanda del genere, relativa alla vita privata? A me pare che la giornalista intendesse richiamare l’attenzione sull’omosessualità della Schlein, che evidentemente fa ancora problema, anche per una (presunta) progressista come la Gruber e per molti (presunti) progressisti che non riescono a riconoscere i rapporti omosessuali come rapporti comuni che non dovrebbero destare più attenzione di quanta ne sollevino quelli eterosessuali di altri politici.

Ma questo forse è un problema più generale che riguarda il disagio inconfessabile di tanta sinistra mascherata di cliché liberal.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti