Rischia l'arresto per l'assassinio di Soleimani, ex primo ministro iracheno sotto la protezione degli Stati Uniti

Rischia l'arresto per l'assassinio di Soleimani, ex primo ministro iracheno sotto la protezione degli Stati Uniti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


I legislatori iracheni stanno valutando la possibilità di arrestare l'ex primo ministro iracheno Mustafa Kadhimi per il suo presunto ruolo nell'assassinio di Abu Mahdi al-Muhandis e Qassem Soleimani da parte degli Stati Uniti nel 2020.

Durante un'intervista con il notiziario iracheno Shafaq News rilasciata lunedì scorso, un alto funzionario della State of Law Coalition, Fadhel Mwat al-Zerigawi, ha rivelato che i legislatori stanno valutando la decisione. Ha anche affermato che Kadhimi è protetto all'interno dell'ambasciata degli Stati Uniti.

“Le informazioni disponibili confermano che [Kadhimi] si trova nella capitale, Baghdad, e non ha lasciato il Paese. Si trova all'interno della Green Zone e si sta rifugiando nell'ambasciata americana", ha aggiunto Zerigawi.

Ha poi precisato: "La fase successiva vedrà l'emissione di mandati di arresto e indagini contro Kadhimi per il suo coinvolgimento nel caso [ furto del secolo ] e l'assassinio di Abu Mahdi al-Muhandis e Qassem Soleimani".

Fonti militari di alto rango che hanno parlato con Shafaq News, a condizione di anonimato, hanno rivelato che le truppe irachene assegnate a proteggere Kadhimi questa settimana hanno ricevuto l'ordine di ritirarsi dalla sua casa nella Green Zone.

Nel 2020, l'Iran aveva rivelato suggerito di aver scoperto prove che indicavano Kadhimi -  all'epoca dirigeva il servizio di intelligence nazionale iracheno - fosse coinvolto nell'assassinio di Soleimani e Muhandis.

Soleimani, il comandante della Forza Quds del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche (IRGC), e Muhandis, il vicecapo delle Unità di mobilitazione popolare (PMU), sono stati uccisi in un attacco di droni statunitensi fuori dall'aeroporto di Baghdad il 3 gennaio 2020.

Il loro assassinio ha provocato conseguenze in tutta l'Asia occidentale, in particolare in Iraq, spingendo i legislatori ad approvare una risoluzione che chiedeva il ritiro delle forze militari statunitensi in risposta alla violazione della sovranità irachena da parte di Washington.

Nonostante le prime promesse di Kadhimi di far rispettare questa risoluzione ed espellere tutte le forze militari straniere dall'Iraq, l'ex premier non ha espulso alcun soldato statunitense, ma piuttosto ha fornito loro l'opportunità di ribattezzare la loro occupazione, poiché circa 4.000 militari rimangono nel paese in "ruoli consultivi".

Un tempo giornalista iracheno poco conosciuto che lavorava per Radio Free Europe - un'organizzazione di copertura della CIA - e per Al Monitor , con sede negli Stati Uniti , Kadhimi è stato nominato direttore del servizio di intelligence nazionale iracheno nel 2016. Alcuni iracheni credono che abbia ricevuto questo incarico delicato a causa di pressioni USA sull'allora primo ministro iracheno, Haider Al-Abadi.

Da quando Abdul-Mahdi si è dimesso a causa dei disordini popolari, l'Iraq è rimasto economicamente e politicamente paralizzato. Quasi due anni e mezzo di Mustafa al-Kadhimi in carica hanno prodotto solo più povertà e maggiori ingerenze esterne in Iraq.

A fine ottobre il parlamento iracheno ha approvato la fiducia per il nuovo governo guidato dal primo ministro Mohamed Shia al-Sudani, ponendo fine a un anno di paralisi politica dalle elezioni parlamentari dello scorso anno.

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

I più fessi d'Europa di Gilberto Trombetta I più fessi d'Europa

I più fessi d'Europa

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti